Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/customer/www/mondodelgusto.com/public_html/index.php on line 83

Deprecated: Function ereg() is deprecated in /home/customer/www/mondodelgusto.com/public_html/index.php on line 33

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/customer/www/mondodelgusto.com/public_html/index.php:83) in /home/customer/www/mondodelgusto.com/public_html/index.php on line 193
Lunedì del Cioccolato: Choronì, la memoria del grande cacao venezuelano d’altri tempi


Lunedì del Cioccolato: Choronì, la memoria del grande cacao venezuelano d’altri tempi


Compagnia del Cioccolato


A cura di Gilberto Mora, Presidente di Compagnia del Cioccolato -

 

Racconto della viaggiatrice Emanuela Italiano, socia di Compagnia del Cioccolato e ideatrice del blog Riccioli di Cioccolato.

 

La seconda tappa del nostro viaggio lungo la ruta del Cacao Venezuelano ci porta a Choronì, stato di Aragua. Da Caracas raggiungiamo Choronì muovendoci in direzione Maracay per poi inerpicarci su per una montagna ricca di vegetazione lussuriosa, alberi maestosi e altissimi fusti di bambù. Il paesaggio regala panorami selvaggi e un clima piacevolmente fresco.


Dopo un paio d'ore, tra salita e discesa, ci avviciniamo alla costa fino a raggiungere le tipiche case coloniali color pastello di Choronì e Puerto Colombia, un villaggetto che è un fermento di pescatori, profumi e le tipiche lanchas, ormeggiate nel pittoresco porticciolo.


Choronì, cuore pulsante del cacao.


Quello che maggiormente attrasse i conquistadores verso questa florida valle fu proprio la possibilità di coltivare un frutto chiamato cacao e allora conosciuto come frutto degli Dei. Il cioccolato stava spopolando nell'Europa aristocratica del diciottesimo secolo e a quel tempo Choronì era il cuore pulsante della produzione di cacao venezuelano. Tra fine seicento e inizi settecento furono create numerose haciendas di cacao e alcune di esse esistono ancora oggi. Tuttavia proprio il turismo, attratto dalla ricca vegetazione, dall'architettura coloniale e dalla posizione isolata di Choronì, è stato la principale causa di degrado e distruzione degli spazi verdi coltivati. Delle trenta haciendas create nei secoli scorsi, oggi ne rimangono solo sei a raccontare la loro storia...


Hacienda Torres.


Di queste sei haciendas rimaste visitiamo Hacienda Torres, situata nella zona sudest della valle lungo la riva est del fiume Choronì. Oggi l'hacienda comprende circa 176.95 ettari di terreno, di cui solamente 30 destinati alla coltivazione di cacao. L'accesso alla piantagione avviene attraverso un guado sul fiume ed è pressoché libero. Anche noi guadiamo il fiume ed io, per la prima volta in vita mia, entro in una piantagione di cacao. Insieme allo scorrere del fiume, allo scricchiolio delle foglie sotto i piedi e al canto degli uccelli, sento il mio cuore battere...


Il facile e frequente passaggio di turisti, dei curiosi e saccheggiatori, ha nel tempo gravemente danneggiato lo stato della coltivazione e l’originale edificio centrale, con il desbabadero (spazio per la fermentazione) sulla sinistra, è attualmente lasciato andare in rovina.


Dalla metà del secolo scorso l'hacienda è seguita dalla famiglia Fuentes e dal 1989 Vicente Fuentes, sta cercando di mantenere la piantagione migliorando la qualità della coltivazione. Oggi in piantagione si trovano piante di Theobroma Cacao con una cabosse tipica leggermente allungata e di colore rossastro.
 

Si tratta di un cacao trinitario con una percentuale esigua di criollo. Apriamo una mazorca di cacao (la cabosse... il frutto del cacao per intenderci), osserviamo i semi al loro interno e notiamo che la percentuale "bianca" di seme (quella che determina la purezza del cacao) è minima.


La nostra speranza è che le generazioni presenti e future riescano a mantenere vive queste piantagioni, che tanta parte hanno avuto nella storia del cacao e dell'economia venezuelana.
 




di Redazione 4




Non dimenticare di guardare anche...

Lunedì del Cioccolato: Un rum perfetto per il cioccolato

Lunedì del Cioccolato: Una nuova etichetta ma sempre un grande vino da cioccolato

Lunedì del cioccolato: Vannulo sposa il latte di bufala col cioccolato

Lunedì del Cioccolato: La Compagnia del Cioccolato fa visita a Guido Gobino

Lunedì del Cioccolato: Domori apre un Corner alla Rinascente di Milano

Lunedì del Cioccolato: La Compagnia del Cioccolato fa visita a Guido Castagna

Lunedì del Cioccolato: Monza al centro del rum e del cioccolato di qualità

Lunedì del Cioccolato: Caracas, la grande capitale della “caracca” (nome antico per criollo)

Lunedì del Cioccolato: Riparte la stagione del cioccolato

Lunedì del Cioccolato: La Romagna incontra l’Emilia

Lunedì del Cioccolato: Chiusi i grandi saloni del cioccolato di Parigi con una buona notizia

Lunedì del Cioccolato: I fratelli Rizzati lasciano la Rizzati Cioccolato

Lunedì del Cioccolato: Una casa del cioccolato a Monza, si comincia con le Tavolette d’Oro

Lunedì del Cioccolato: Un Marsala per il Cioccolato

Lunedì del Cioccolato: Alla ricerca del cacao perduto, reportage dal Venezuela

Lunedì del Cioccolato: Open Day della Compagnia del Cioccolato

Lunedì del Cioccolato: Il mio Chuao

Lunedì del Cioccolato: E il Sangiovese dolce si sposa con il tortino di amaretti di Modena

Lunedì del Cioccolato: Parte la stagione dei grandi saloni del cioccolato

Lunedì del Cioccolato: Reportage dal cacao venezuelano (seconda puntata)

Lunedì del Cioccolato: La filiera del cacao

Lunedì del Cioccolato: Quando la frutta s’incontra col cioccolato

Lunedì del Cioccolato: Il grande libro del Rum

Lunedì del Cioccolato: Gobino d’estate

Lunedì del Cioccolato: L’albero del “Cioccolato”

Lunedì del Cioccolato: A scuola di degustazione

Lunedì del Cioccolato: Un curioso e innovativo snack al cioccolato

Lunedì del Cioccolato: Barlovento, il Carenero Superior e la Corporation socialista del cacao venezuelano

Lunedì del Cioccolato: Piemonte al cioccolato da gustare

Lunedì del Cioccolato: Il tour del Grande libro del Rum