Volta Mantovana (Mantova) tra lago di Garda, Ville e Dimore Patrizie


Comune e Pro Loco di Volta Mantovana

(vedi mappa)
Mostra il telefono
Email: info@voltamn.it


A pochi chilometri da Mantova, circondata dalle verdi colline Moreniche e vicino al Lago di Garda, Volta Mantovana fu abitata da popolazioni celtiche, dagli Etruschi e colonizzata dai romani Romani, come ci documentano molte testimonianze e vari reperti archeologici, riferibili a quelle epoche ed ora custoditi, in prevalenza, nel museo archeologico di Cavriana.

 

Nel 1053  Beatrice di Canossa, madre di Matilde, fece erigere il Castello di cui ancora oggi rimangono testimonianze. Sorto prima del Mille a protezione delle attività economiche e degli abitanti della zona, fu incluso nel sistema difensivo degli stati canossiani come uno dei capisaldi a difesa dei confini settentrionali.

 

Nell'area del castello sorgono due dimore patrizie, Villa Cavriani, antica dimora di caccia dei Marchesi Pejri Cavriani, oggi splendida cornice per eventi, e Villa Venier, divenuta poi residenza dei Gonzaga.

 

Verso la metà del ‘400 Barbara di Brandeburgo e Ludovico Gonzaga, marchesi di Mantova, ordinarono che si edificasse una villa di campagna sulle colline voltesi: Palazzo Gonzaga

 

All’interno sono conservati interessanti soffitti lignei decorati, alcuni databili attorno al 1500. Le stanze e i soffitti sono decorati da affreschi e decorazioni cinquecentesche.

 

Da vedere il "salone delle feste" di scuola neoclassica che conserva il fascino "trompe l’oeil". Alcune stanze del piano terra e, soprattutto, del primo piano, sono abbellite da affreschi: di particolare interesse quelli posti sulla volta dell’abside dell’antico Oratorio dedicato alla Madonna, attribuiti a Teodoro Ghisi, artista vicino a Giulio Romano, di epoca neoclassica.

 

Il Complesso è circondata dai Giardini all'Italiana, mentre nel piazzale antistante, sono conservate le antiche suderie, scenario di eventi e feste del territorio.

 

Alla metà dell’800 il Palazzo passa ai Gonzaga di Vescovato, poi, nel 1929 alla famiglia Cavriani. Negli anni '80 ne divenne proprietario il Comune che ne ha fatto la Sede Municipale.

 

Volta Mantovana non è però solo arte, storia, tempo libero: il contesto naturalistico e il clima mite favoriscono un turismo rurale, incentivato dalla ciclabile Mantova-Peschiera.

 

Il territorio offre ospitalità immersa nel verde dove è possibile assaggiare l'ottima cucina, tra i quali i gustosi Capunsei. Si producono inoltre ottimi vini, formaggi e salumi, nonchè prodotti da forno.

 

Le numerose manifestazioni atte a far conoscere i prodotti del territorio sono:"Mostra dei Vini passiti e da Meditazione" che si tiene tra fine aprile e maggio. A giugno si da il benvenuto all'estate con "Convivium Voluptatis" un'enorme banchetto in costume rinascimentale, che celebra i piaceri della tavola.  Agosto con "Calici di Stelle" dove si degusteranno i migliori vini delle Cantine Circostanti e "A volta per star bene" dove si presentano i gustosi prodotti del territorio tra cui oli, vini e tartufi.

 

Per tutte le curiosità turistico culturali è a disposizione l'ufficio di accoglienza, presso la "Casa del Giardiniere", collegato alle antiche cantine.

 

L'infopoint è attivo dal mercoledì alla domenica (10-12 e 15-19), ed è possibile acquistare prodotti tipici. E' possibile, su richiesta, organizzare visite guidate e richiedere informazioni presso l'ufficio turistico.





Scrivi a "Comune e Pro Loco di Volta Mantovana"

Nome:
Email:
Telefono:
Richiesta: