Rovereto e Vallagarina (Trentino): il territorio: Città d'arte e cultura


APT Rovereto e Vallagarina
Piazza Rosmini 16, Rovereto - 38068 (Trento)


Un centro storico da scoprire passeggiando -

 

Rovereto, una città d’arte e cultura incastonata nel cuore della valle dell’Adige. E’ circondata da colline e vigneti sulla direttrice del Brennero, nella via naturale di collegamento fra Trento e Verona.

 

Città a misura d’uomo per le sue dimensioni: il centro storico va scoperto a piedi, passeggiando fra le vie per cogliere i numerosi scorci e particolari ed apprezzarne la stratificazione storica. Le stradine del centro accompagnano un ideale viaggio attraverso epoche storiche differenti.

 

 MART - Rovereto

 

I vicoli che caratterizzano il nucleo medievale di Rovereto portano chiara l’impronta veneziana (fino a qui arrivava l’influsso della Serenissima). Nelle piccole piazze che costellano il nucleo originario si scorgono le tracce lasciate dall’industria della seta del Settecento, allora assai fiorente, con filatoi e tintorie.

 

Fu grazie all’industria della seta che la città conobbe una prosperità economica ed un vivace fermento culturale. Risalgono a quegli anni la nascita dell’Accademia degli Agiati, del teatro municipale e della biblioteca, tre assi portanti della vita culturale roveretana anche ai giorni nostri.

 

Pervasa da una grande attenzione alle tematiche dell’Illuminismo europeo, quello spirito si è tramandato fino all’oggi con un’offerta culturale assai ricca e variegata. Tra i figli più illustri sono da annoverare il filosofo Antonio Rosmini, il musicista Riccardo Zandonai, l’archeologo Paolo Orsi, il pittore futurista Fortunato Depero.

 

Campana dei Caduti - Rovereto

 

Tra gli “adottivi” va contemplato Wolfgang Amadeus Mozart, che qui soggiornò e che celebrò il Marzemino (vino prodotto proprio in questo territorio) addirittura citandolo nel “Don Giovanni”.
Numerosi i musei di interesse a Rovereto.

 

A partire dal Mart (Museo d’Arte Moderna di Rovereto e Trento) e dalla Casa d’Arte Futurista Depero, per arrivare al Museo della Guerra (incentrato sulla Grande Guerra 1914 – 1918, dato che il fronte fu a due passi da qui) ed al Museo Civico, tra i più antichi d'Italia, ospitato nel prestigioso palazzo Alberti.

 

I musei sono visitabili con un biglietto unico. Estremamente vivace anche la vita culturale, con numerosi appuntamenti di prestigio quali festival di musica e danza, stagioni di prosa, spettacoli all’aperto.

 

Uno dei simboli più forti della città è dato dalla Campana dei Caduti, che sovrasta Rovereto dal colle di Miravalle. Venne realizzata con il bronzo fuso dei cannoni delle nazioni che parteciparono alla Grande Guerra.

 

Ogni sera cento rintocchi della campana ricordano questo messaggio di pace, idealmente tramandato dai caduti delle guerre. Per questo Rovereto si può fregiare del titolo di “Città della pace”.





Scrivi a "APT Rovereto e Vallagarina"

Nome:
Email:
Telefono:
Richiesta: