Mondavio (Pesaro e Urbino): Il Convento, la Chiesa e il Chiostro


Comune di Mondavio
Piazza G. Matteotti 2, Mondavio - 61040 (Pesaro-Urbino)

(vedi mappa)
Mostra il telefono
Mostra il fax
Email: info@mondavioturismo.it
Web: http://www.mondavioturismo.it


 

 

La Chiesa di San Francesco

 

La tradizione vuole che la chiesa sia stata edificata per volontà di San Francesco di Assisi in occasione di una sua sosta a Mondavio nel XIII secolo. L’assetto attuale corrisponde ai rifacimenti del XVIII secolo, che hanno conservato,l’austerità e la sempilicità che hanno sempre contraddistinto gli edifici dell’Ordine Francescano. L’interno della chiesa conserva opere pregevoli. Tra tutte la più importante è una tavola raffigurante l’immacolata concezione del pittore fanese Giuliano Persciutti.
 

 

Il Chiostro di San Francesco


Uscendo dalla chiesa, a destra si trova l’accesso al Chiostro dell’ex convento,costituito da diciotto arcate a tutto sesto e da basse volte a crociera intonacate.


 

 

 

Il Convento dei Cappuccini


Il convento dei Cappuccini situato alla periferia del paese, è una eccellente testimonianza dell’architettura risalente alla seconda metà del 1500 dei frati minori cappuccini.

 

 

 

Insegne di San Pietro e Paterniano


L’edificio venne fondato nel XIV secolo, ma fu ristrutturato nel 1563 da Bartolomeo Genga. La dedicazione della chiesa ai Santi Pietro e Paterniano, risale al 1444 e deriva dall’unificazione di due parrocchie distanti fra loro, mentre l’elevazione a Insigne Collegiata è del 1741, quando fu necessario ampliare la chiesa perché era divenuta la più importante della zona.

All’interno sono collocate opere di pregevole fattura come: l’angelo custode del Bottani del XVIII l’immacolata concezione, attribuita alla scuola del Barocci.


I Santi protettori di Mondavio (Sant’Eleuterio Papa e San Michele Arcangelo) del XVIII di Sebastiano Ceccarini



di Redazione 1