Grotte del Bussento - Morigerati (Salerno). Oasi del WWF: La Grotte del Bussento


Comune di Morigerati
Piazza S. Laverio 1, Morigerati - 84030 (Salerno)

Mostra il telefono
Mostra il cellulare
Mostra il fax
Email: info@morigerati.net
Web: http://www.morigerati.net


 

Il fiume Bussento, che nasce dal versante meridionale del monte Cervati (1898 m. s.l.m.), in prossimità di Caselle in Pittari si inabissa in un colossale inghiottitoio per circa 700 metri di percorso sotterraneo all'interno di maestose gallerie, perdondosi così in un sifone impraticabile in corrispondenza di un ampio specchio d’acqua delimitato da alte pareti rocciose. Al di là di tale sifone si ignora completamente quale sia il suo percorso ulteriore, nonostante molti speleosub abbiano effettuato immersioni per tentare di superare l’ostacolo e proseguire l’esplorazione.

 

 

 

Dopo aver percorso il suo viaggio misterioso nelle viscere della terra, più a valle il fiume Bussento riemerge da un nuovo sifone posto nella parte più interna della cavità, dopo pochi chilometri più a sud, sotto l'abitato di Morigerati, continuando così il suo viaggio verso il Mar Tirreno.


 

   

L'intera zona offre dunque uno degli spettacoli più belli e di maggior richiamo naturalistico del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

 

La passeggiata inizia da Morigerati con una bellissima mulattiera lastricata in pietra ed in parte scavata nella roccia che, dopo una serie di tornanti in discesa, porta fino all'ingresso della grotta.

 

Da qui si entra con una stretta scaletta in pietra e si oltrepassa il profondo e spettacolare  canyon, scavato dal fiume, con due ponticelli in legno. All'esterno, poi, il fiume offre delle suggestive vedute lungo la gola,

dove acque limpide e fresche formano scorrendo tra profonde e suggestive pozze, rapide e cascate. Tutta la zona per la sua straordinaria bellezza paesaggistica e naturalistica merita una sosta prolungata.

 

Il WWF creando qui l'Oasi delle Grotte del Bussento, ha deciso di allestire i percorsi natura in modo che tutti possano apprezzare e godere pienamente dell’ambiente naturale in cui si muovono.

 

 

La vegetazione è caratterizzata dalla presenza di piante tipicamente adattate agli ambienti molto umidi,  mentre i muschi ed i licheni, grazie alle particolari condizioni ambientali, creano strutture che avvolgono interamente i rami ed i fusti delle piante arboree anche in maniera abbondante.

 

Dal punto di vista faunistico il corso d'acqua è ricco di trote, anguille, gamberi.

 

Tra gli uccelli vi sono il martin pescatore e l'airone, mentre tra i mammiferi facilmente ci si può imbattere nella lontra, tipico animale del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

 



di Maria Trama