Canterano (Roma): il paese delle Fregnacce


Comune di Canterano


Nell'Alta Valle dell'Aniene, a 600 metri slm, su una collina a ridosso del Monte Rufo, c’è il piccolo borgo di Canterano, familiarmente chiamato dai suoi abitanti con il nome di “Morritana”.


Il paese vanta origini molto antiche, dell’epoca paleolitica sono stati ritrovati alcuni reperti sulla montagna altri ritrovamenti archeologici sono di epoca pelasgica e lo stesso patronimico pare derivare da “kan”, cioè capo e “terapne”, cioè abitazione.


Canterano potrebbe essere stata quindi un’abitazione di questo antico popolo nomade proveniente dalla Mesopotania che si stabilì sulle coste laziali penetrando poi all’interno, dove costruì le sue case fortificate.


Altre popolazioni successivamente si insediarono nel territorio, fino all’arrivo dei Romani, che dominarono il territorio per un millennio e più, lasciando anch’essi più di un reperto storico ritrovato nel corso degli scavi archeologici del secolo scorso.



In epoca medioevale il borgo faceva parte dei castelli appartenenti all’Abbazia di Subiaco, che aveva raggiunto allora il suo massimo splendore e possedeva un territorio molto esteso, comprendente tutti i centri della Valle dell’Aniene ed oltre.

 

 

I vari potentati romani si susseguirono poi nel possesso del castello e del borgo, fin quando torno nuovamente nelle mani degli abati cluniacensi, divenendo infine uno dei tanti comuni del Regno d’Italia.

 

Nel piccolo borgo, che conta circa 350 abitanti, vi sono alcuni edifici religiosi come la Chiesa di Santa Maria e San Mauro, la Chiesa di Santa Maria, quella di San Rocco e l’altra di Sant'Antonio, oltre al Santuario della Madonna degli Angeli nella vicina località "Maonna".

 

Non lontano dalle mura poligonali che circondano l’abitato attraverso sentieri in mezzo al bosco, è possibile addentrarsi in grotte sotterranee profonde probabilmente utilizzate per riparo nell'arco dei millenni.

 

 

Numerose sono le manifestazioni religiose e civili; tra queste spicca la festa in onore della Madonna S.S. degli Angeli che culmina con una caratteristica processione e la passeggiata gastronomica tra i vicoli e le scalette del paese, dove si potranno gustare i piatti tradizionali di Canterano.

 

Un’altra manifestazione è la Sagra delle Fregnacce, un tipo di pasta di grano, senza uova, condita con un sugo di aglio, olio, peperoncino e pomodoro, particolarmente apprezzata dai tanti turisti che per l’occasione salgono in paese per gustarla.



di Redazione 35