Macerata: le Marche in una provincia


 

Nascosta, quando addirittura non sconosciuta ai grandi flussi turistici, e per questo ancor più affascinante e soddisfacente per gli appassionati più colti e intransigenti e i gourmet più curiosi, la provincia di Macerata riesce a concentrare e riassumere in pochi chilometri quadrati i tratti peculiari dell’intera regione.

Così come le Marche vennero definite da un fortunatissimo slogan – e non a torto – “l’Italia in una regione”, la provincia di Macerata può forse essere definita “le Marche in una provincia”.


 

 

 

Un piccolo tesoro anzitutto per gli enogastronomi, con i vincisgrassi, sorta di sontuosissime lasagne senza pomodoro, il Verdicchio di Matelica, uno dei maggiori bianchi d’Italia, il ciabuscolo, golosissimo salame morbido e spalmabile.

Ma anche un mare limpido con la spiaggia di sabbia fine, da Porto Recanati, margine meridionale dell’incantevole riviera del Conero, fino a Civitanova Marche, che con la sua Bandiera Blu offre un ottimo approdo soprattutto per il turismo familiare. Nonché un luogo imperdibile per gli appassionati di shopping e calzature.

E subito alle spalle una campagna silenziosa e mite, dolce e riservatissima, capace di nascondere decine di borghi di bellezza rara. Scordatevi i paesini glamour e ultraturistici, le trattorie con i menu in 3 lingue e gli agriturismi cosmopoliti, qui è tutto uno scoprire angoli e panorami incantevoli che non urlano mai la propria fisionomia e la propria bellezza. Proprio come gli abitanti del posto.

 

 

E così vi capiterà di rimanere entusiasti del Castello Pallotta di Caldarola, del Teatro Nicola Vaccaj di Tolentino, del capoluogo Macerata, che d’estate ospita presso lo Sferisterio una stagione operistica di livello internazionale, di Camerino, sede universitaria dal XIII secolo, e di Recanati, con la casa ed il museo di Giacomo Leopardi, poeta tra i più alti dell’Umanità. Fino a salire sui Monti Sibillini con il Parco omonimo, e con Visso e Sarnano, città medievali fatte su misura per i turisti, ma ben salde nella propria irreprensibile fisionomia. E ai piedi di montagne che sapranno divertirvi sia d’inverno che d’estate. La provincia di Macerata: dal mare alla montagna. In meno di un’ora.

 

(di Francesco Annibali)

 



di Redazione 35