Udine: una provincia di mare, montagne e incomparabili sapori


 

La provincia di Udine è la più grande del Friuli Venezia Giulia, si estende dalle montagne al mare, scendendo per una ampia fascia collinare prima e pianeggiante poi. In alto, a sinistra, troviamo la Carnia: chiusa nel paesaggio e nelle persone, ospitale nelle case e nell’animo della gente, chiara come le montagne che si stagliamo nel cielo e rotolano sassosamente a valle, scura come le sere d’inverno, che arrivano presto e circondano di buio le fiamme dei fogolar delle case carniche.

A nord-est c’è il tarvisiano e la Val Canale, porta verso il nord Europa, corridoio di tedeschi e austriaci verso il mare, vallata verde di boschi, bianca di neve, santa di chiese, chiusa nelle sue diramazioni anguste, strette, fredde, bellissime.


La pedemontana e zona collinare è laboriosa come le api dal ricco miele, dolce come il prosciutto di San Daniele, distesa come le ali delle cicogne che nidificano sui tralicci dell’energia elettrica, allegra come i bar pieni di gioventù, ferita ancora dal terremoto e ospitale come i 200 stands di Friuli Doc e le mille pro loco dai sapori di vino e formaggio.

La Bassa friulana ti inganna: se vai a ovest sei già in Veneto, se vai a est “te son za in bisiaccheria”, se vai dritto trovi Lignano, la sua sabbia dorata, la sua economia che regge mezzo Friuli, la Bassa con la sua terra grassa di salame e di vino e la sua storia scritta all’ombra delle colonne di Aquileia. Adoro la mia terra.

(di Livio Costantini)



di Redazione 35