A spasso con Mestolo a Rosarno (Reggio Calabria)


Comune di Rosarno


Testo e disegni di NIno Sergi -

 

La cittadina di Rosarno occupa la parte più a nord della grande Piana di Gioia Tauro, appartenente alla città metropolitana di Reggio Calabria. Mestolo la individua su di una collinetta a poco meno di 70 metri sul livello del mare. Il suo territorio è segnato dalla presenza dei fiumi Mésima e Metramo ed è circondata da vaste coltivazioni di arance e ulivi. Rosarno discende dall’antica colonia magno-greca chiamata Medma. Risale al VI secolo a. C.

 

A spasso con Mestolo a Rosarno

 

In epoca bizantina ospitò il monastero dedicato a Santa Maria del Rovito retto da alcuni Monaci basiliani. L’età feudale Rosarno appartenne, prima, alla famiglia di Ludovico il Moro, in seguito a Isabella D’Aragona. Nel XVI secolo a Ettore Pignatelli i cui vari eredi vi restarono fino al 1803.


 

A spasso con Mestolo a Rosarno

 

Il nostro amico cuoco ci porta a conoscere le belle architetture che caratterizzano il paese. La chiesa Matrice, dedicata a San Giovanni protettore di Rosarno, è un bell’edificio a tre navate che conserva al suo interno un’artistica scultura che raffigura la Madonna di Patmons. La chiesa del Purgatorio custodisce un crocefisso di legno risalente al XVII secolo. In contrada Barbalace vi è la chiesa intitolata all’Immacolata al cui interno si può ammirare la statua della Vergine che indossa un vestito di seta di colore turchino e ricamato in oro.

 

A spasso con Mestolo a Rosarno

 

Oltre alle architetture religiose Rosarno può vantare l’ottocentesca Torre dell’Orologio che si trova nella Piazzetta intitolata a San Giovanni Bosco e il Museo archeologico di Medma che espone importantissimi reperti archeologici rinvenuti durante le campagne di scavi del ‘900 guidate da uno dei padri dell’archeologia italiana, il famoso, Paolo Orsi. Tra le bellezze vi sono gli ex voto legati ai culti di Afrodite e di Atena.



di Redazione Calabria