A spasso con Mestolo a Isca sullo Ionio (Catanzaro)


Comune Isca sullo Ionio

(vedi mappa)
Mostra il telefono
Email:


Testo e disegni a cura di Nino Sergi -

 

A Isca sullo Ionio il grande camminatore ed esploratore Mestolo vi giunge percorrendo la costa ionica della provincia di Catanzaro, risalendo, poi, verso l’interno, sino a raggiungere l’abitato che si trova su di una collina a poco meno di 200 metri sul livello del mare. Il borgo si affaccia sul grandioso mare Ionio, da cui prende parte del nome.

 

A spasso con Mestolo a Isca sullo Ionio

 

L’abitato è circondato da un ambiente naturale formato soprattutto da una vegetazione dalla mirabile bellezza dove spiccano magnifici alberi di leccio, pini, abeti e faggi. Le origini di Isca sullo Ionio sono da ricercarsi nella lontana età della Magna Grecia. Anche il periodo romano è presente nella sua storia, ne sono testimoni i reparti archeologici rinvenuti sul territorio in località chiama Sagagasi. Proprio Sagagasi, denominazione d’origine greca, fu il primo nome con cui il paese fu chiamato.


 

A spasso con Mestolo a Isca sullo Ionio

 

In età feudale, Isca, era inserita nella baronia di Badolato, appartenente alla famiglia di Filippo de Badulato. In seguito passò alla famiglia dei Ruffo, poi ai Ruggierodi, ai Toraldo, a Pietro Borgia e per finire ai Raveschi di Satriano.

 

A spasso con Mestolo a Isca sullo Ionio

 

Il nostro amico cuoco passeggiando tra le vie del paese scopre la graziosa struttura urbana fatta di stradine che s’intersecano e si aggrovigliano come una ragnatela, che fa da supporto alle strutture architettoniche di edifico storici settecenteschi e ottocentesche che si mostrano fieri delle loro belle forme e degli artistici portali in pietra finemente lavorati. Il centro storico conserva belli e interessanti luoghi di culto come la chiesa Matrice dedicata a San Nicola Vescovo.



di Redazione Calabria