A spasso con Mestolo ad Acquappesa (Cosenza)


Comune di Acquappesa

(vedi mappa)
Mostra il telefono
Email:


Testo e disegni di Nino Sergi -

 

Il nostro Mestolo ci porta a visitare il caratteristico borgo di Acquappesa, posizionato sulla parte alta del Tirreno cosentino su di un poggio a 80 metri sul livello del mare. L’abitato è suddiviso in quattro parti: il Casale, la Marina, Intavolata e le Terme Luigiane.

 

A spasso con Mestolo ad Acquappesa

 

L’ambiente naturale si caratterizza per la presenza di belle zone boschive nella parte alta e di un incantevole litorale che costeggia un mare azzurrissimo e cristallino. Il torrente Fiumicello e il fiume Bagni indicano i confini, Nord e Sud, del territorio comunale.

 

A spasso con Mestolo ad Acquappesa


 

Secondo gli studiosi il nome deriverebbe dalla presenza nella zona di una cascata, da qui “acqua appesa”. Le origini del paese sono molto antiche. Vi sono testimonianze archeologiche che testimoniano la presenza di abitazioni nella zona di epoca Brettia. Alcuni ritrovamenti, come i bronzetti di Heracles, il torello e il cane sono esposti al Museo Nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria e presso il Museo dei Brettii e del Mare di Cetraro. Come nucleo urbano invece si forma tra il 1600 e il 1700 con il nome di Casaletto o Calalicchio. Il borgo della Marina si forma nella prima metà del 1800.

 

A spasso con Mestolo ad Acquappesa

 

L’amico cuoco ci porta verso la chiesa matrice dedicata a Santa Maria del Rifugio. L’edificio sacro fu ristrutturato e rimaneggiato nelle sue forme originali nel 1876 per volere di Monsignor Giuseppe Guarnieri, cameriere segreto di papa Leone XIII. All’ esterno presenta un prospetto regolare con doppia torre campanaria dalla forma quadrata. Al suo interno si può ammirare un artistico ostensorio in argento con decorazioni in stile barocco. Di ottima fattura sono le statue lignee che raffigurano: Santa Teresa, San Guiseppe e San Giovanni Battista risalenti al XIX secolo, tutte e tre di scuola meridionale.



di Redazione Calabria