A spasso con Mestolo a Gagliato (Catanzaro)


Testo e disegni di Nino Sergi -

 

Il bel paese di Gagliato si trova nella provincia di Catanzaro, su un colle a poco meno di cinquecento metri sul livello del mare. Mestolo lo raggiunge risalendo l’interno della costa Ionica, partendo dalla cittadina di Soverato verso Chiaravalle Centrale. Il nome deriva, con molta probabilità, dal latino Galeatus che sta per “armato di galea”. 

 

A spasso con Mestolo a Gagliato

 

Le sue origini sono legate alla famiglia dei Morano alla quale apparteneva come feudo sin dal XV secolo. In seguito ad un colpo di mano, operato da Goffredo Borgia, passò sotto il dominio dell’omonima famiglia, al tempo principi di Squillace. Alla fine del 1400 il re di Napoli, Ferdinando I, concesse la proprietà al barone di San Marco, Luca Sanseverino. Finalmente nel 1811, uscito dal giogo del feudalesimo, per merito di Giuseppa Bonaparte, Gagliano viene elevato a comune del territorio di Chiaravalle Centrale. 


 

A spasso con Mestolo a Gagliato

 

Il nostro amico cuoco si aggira tra le vie e i vicoli del centro storico e rimane ammirato dalla bellezza architettonica degli antichi Palazzi signorili, che conservano ancora gli storici portali d’ingresso e i balconi con le ringhiere di ferro, finemente lavorate. Di buon pregio stilistico è la Chiesa Parrocchiale intitolata a San Nicola del XVI secolo. La facciata è di scuola barocca e l’interno, formato da una navata centrale e una laterale, custodisce diverse opere di buona fattura dell’artista Felice Fiore, di San Benedetto Ullano.

 

A spasso con Mestolo a Gagliato

 

Per Mestolo il luogo più stimolante sono i resti dell’antica grangia certosina, che era un’azienda agricola e pastorale medievale. Anche se rimangono poche testimonianze dello storico edificio, vale la pena visitare il sito che ci riporta a un mondo fatto di lavoro e preghiera. Le sue origini della grangia sono databili tra il XII e il XII secolo, ed ebbe come ospite padre Saverio Cannizzi, priore della Certosa di Serra San Bruno e grande matematico e astronomo. Interessante è anche il sito archeologico, che il territorio di Gagliato condivide con quello di Satriano, dove negli anni Sessanta è stata ritrovata una importante necropoli.



di Redazione Calabria