"Azienda Agricola Randi" di Fusignano (Ravenna)


Cantine Randi +


La Società Agricola Randi, fondata alla fine della seconda guerra mondiale, si compone oggi di più corpi, distribuiti nei Comuni di Fusignano ed Alfonsine (Ravenna).
Alla luce dei risultati, la scelta di impegnarsi in prima persona nella produzione si sta rivelando un grande successo per Massimo Randi.

 

Dopo la laurea in Agraria nel 1999, dopo varie esperienze lavorative che gli hanno fornito competenza e formazione, nel 2007 Massimo ha deciso di lavorare nell’Azienda di famiglia unendosi alla società condotta dal babbo e dal fratello minore Denis, sulle terre che oggi conducono ormai da 4 generazioni.
 
Rambèla, di Cantine RandiSta proprio nella sinergia e nella collaborazione fra queste tre figure che sta la carta vincente dell’Azienda: Denis è l’uomo sempre attivo in campo, abile in tutte le lavorazioni che l’agricoltura richiede, instancabile artigiano della terra, mentre  Massimo gestisce più che altro la cantina e i rapporti con i clienti, con le associazioni di categoria, con i fornitori: è la mente dell’azienda.


Il padre porta invece la sua esperienza,
le sue conoscenze e sa trasmettere quotidianamente ai figli la passione di chi si sente parte di queste terre.

 

Da ciò è facile capire quanto sia stretto il legame che la famiglia Randi sente nei confronti della loro pianura romagnola, del lavoro a contatto con quelle terre che danno loro da vivere, dei vitigni autoctoni dai quali ottengono le bottiglie di punta dell’azienda (circa 20.000 all’anno).


Figura importante nell’azienda è anche l’enologo Sergio Ragazzini che, da grande conoscitore e appassionato degli autoctoni romagnoli quale è, segue la produzione portando la sua competenza.
 
Attualmente, su una superficie vitata che si estende per quasi 35 ettari, vengono coltivati uva Longanesi, Malbo Gentile, Famoso, Trebbiano, Chardonnay e Pinot Bianco.

 

A Fusignano passato e presente convivono in perfetta armonia, nel pieno rispetto di una filosofia aziendale che ricerca un prodotto di alto livello e valorizza le caratteristiche dei vigneti locali, senza però rinunciare alla meccanizzazione e alla tecnologia nella vinificazione.

 

Ecco allora che alla fine di settembre i grappoli spargoli di Malbo Gentile appassiscono appesi a telai per ottenere un bellissimo passito rosso, ecco che nell’atmosfera magica della cantina il Burson diventa intenso e corposo, ingentilito e ammorbidita dal contatto con il legno, ecco allora che Massimo si impegna per salvare e valorizzare il Famoso, credendo in questo autoctono abbandonato da anni.

 

La raccolta del FamosoSe i vigneti, in una delle zone più vocate per la coltivazione delle Uve Longanesi, sono una cosa importante, altrettanto determinante è stato l’impegno e la passione che l’azienda ha dimostrato negli ultimi anni.

 

L’attività in vigna da un lato e la vivacità nella parte commerciale dall’altro hanno permesso al Bursòn dell’azienda di affermarsi non solo in Italia, ma anche in Svizzera, Germania, Inghilterra e Giappone.

 

La famigia Randi conduce anche 21 ettari di terreno investiti a seminativo e già da anni collabora con una multinazionale tedesca nella quale vengono sperimentati e sviluppati prodotti nuovi per l’agricoltura volti a migliorare la qualità dei prodotti, le tecniche di coltivazione e gli impatti che queste possono avere sull’ambiente. 





Scrivi a "Cantine Randi +"

Nome:
Email:
Telefono:
Richiesta: