Febbraio 2015: L'Aquila...


Mondo del Gusto


E’ una bella giornata.

 
Mi viene in mente di fare una cosa che da alcuni anni mi ripromettevo e che, per vari motivi, avevo sempre rimandato: andare a vedere L’Aquila ed i comuni limitrofi colpiti dal terremoto il 6 aprile 2009. Penso che la giornata solare mi aiuterà a non farmi travolgere da inevitabili sentimenti negativi. Parto.
 
Il viaggio sulla A24 è, come sempre quando vi è il bel tempo, piacevole: la neve crea uno sfondo  che rende più scenografico l’essenziale ed austero panorama invernale degli Appennini.
 
Esco dall’autostrada e mentre mi avvicino all’Aquila comincio a guardarmi attorno con maggiore attenzione: chissà quali saranno le “testimonianze” lasciate dal tragico evento avvenuto quasi 6 anni fa?
 
Percorro la SS17 e, dopo l’incrocio con Viale XXV Aprile, inizio a vedere gli edifici. Impressionante!!! Sembra di assistere agli effetti di una guerra (per come si possono vedere al cinema o alla televisione).
 
L'Aquila 1
 
 
Proseguo verso Piazza Duomo dove parcheggio. Comincio a camminare. Quello che vedo è desolante: palazzi imbragati e sorretti da strutture e supporti metallici e di legno. In molti casi l’imbragatura è completa, nel senso che non lascia una minima porzione di edificio scoperta, né all’esterno è all’interno. Tutto ciò comunica la precarietà delle costruzioni e la loro mancanza di autosufficienza.
 
L_Aquila 2
 
 
Per strada vi sono pochissime persone: sicuramente a causa dell’ora (sono le 14) e del giorno (è domenica) ma molto probabilmente anche perchè non vi sono molti motivi per camminare nella “zona rossa”.           
 
Attraverso Piazza Duomo e mi incammino in via Fassa nella quale, poco prima di alcune recinzioni di sicurezza che ne bloccano il passaggio vedo una chiesa aperta!!! E’ la Basilica di San Giuseppe Artigiano. Entro e la trovo in perfette condizioni!!! Il motivo, prevedibile, mi è stato confermato da approfondimenti successivi: la Basilica, gravemente danneggiata dal terremoto, è stata successivamente restaurata e riaperta al pubblico nel luglio del 2012.
 
La Basilica è molto bella e contiene opere di rilievo antiche e recenti.
 

Nell'abside maggiore vi sono i frammenti di due pregevoli affreschi di scuola giottesca realizzati molto probabilmente nel XIII secolo. Tali opere sono state rinvenute casualmente durante gli interventi di restauro


           L_Aquila 7

 

Il monumento dedicato a Pietro Lalle Camponeschi, realizzato nel 1432 da Gualtiero de Alemania in stile tardo gotico e formato da un'arca posta su due colonnine tortili a loro volta appoggiate su due leoni e recante in altorilievo l'Incoronazione di Maria con gli Apostoli

            L_Aquila 9

 

E' inoltre presente un ciclo pittorico dell’artista pugliese Giovanni Gasparro, commissionato dall'Arcidiocesi dell'Aquila, con il quale sono state decorate le navate laterali con 18 dipinti raffiguranti i principali santi della tradizione aquilana, tra cui Massimo d'Aveia e Vittorino di Amiterno. Lo stesso autore ha inoltre realizzato i due taleri che decorano la zona absidale.

 
Esco dalla Basilica positivamente colpito e risollevato grazie all’inaspettata piacevole sorpresa.
 
Riprendo a percorrere le stradine inoltrandomi nel centro storico. Se in Piazza Duomo cominciavo a rendermi conto di cosa poteva essere accaduto gli edifici delle vie limitrofe mi forniscono la conferma: sembra che tutti gli edifici siano pericolanti. Vi sono anche parecchi cantieri di ricostruzione.
 
L_Aquila 3
 
                  L_Aquila 5
 
 
Poi, finalmente ed inaspettatamente, in Corso Vittorio Emanuele trovo alcuni locali aperti: la Pizzeria “Il Guastatore” (si trova al primo piano) poi nello stesso edificio al piano terreno il “Nero caffè” poi, sempre nello stesso edificio l’Hotel Centrale e, nell’edificio a fianco, il “Bar del Corso” (dal quale esce musica allegra). Mi fa piacere ed apprezzo la scelta forte e vitale effettuata dai loro gestori/proprietari.
 
                L'Aquila 10
 
                  L'Aquila 11
 
 
Torno all’auto con l’intezione di vedere alcuni dei paesi limitrofi che sono stati maggiormente colpiti: Onna, Paganica, Tempera, San Gregorio, Villa Sant'Angelo, Roio, Fossa.
 
 
 
Continua…



di Maurizio Soverini




Non dimenticare di guardare anche...

Alla scoperta di Anagni, città dei Papi, del cibo e dell’arte. Tarsie Turri

Sulle orme di San Benedetto: il Monastero di Santa Scolastica (Subbiaco)

Spezie: Il Sapore della Storia. Roma dall'età antica al Rinascimento

Le cascate delle Marmore (Terni)

Sulle orme di San Benedetto: Il Santuario delle Mentorella - Il sentiero Kircher - Capranica Prenestina (Roma)

Capodanno 2014 ed inizio 2015: alcuni giorni a Bologna e dintorni - Capodanno

Sulle orme di San Francesco: Il Santuario di Fonte Colombo (Rieti)

Sulle orme di San Benedetto: il Monastero di San Benedetto o Sacro Speco (Subiaco)

Sulle orme di San Francesco: La Porziuncola e San Damiano

Ristorante Creatività. Specialità vegan, vegetariane e per celiaci. Aprilia (LT)

Sulle orme di San Francesco: le Basiliche di San Francesco e Santa Chiara

Abbazia di Fossanova (Latina)

Sulle orme di San Francesco: Il Santuario di Poggio Bustone (Rieti)

Sulle orme di San Benedetto: Il Santuario della Mentorella - Capranica Prenestina (Roma)

Polo Museale di San Francesco a Montefiore dell’Aso: il modello in scala del Padiglione Zero dell’EXPO raccontato da Giancarlo Basili

Sulle orme di San Francesco: Il Tempio Votivo del Terminillo (Rieti)

La Santa Messa di Pasqua 2016

“I Signori della Guerra” al Parco degli Acquedotti!?!?!

Le Grotte di Stiffe (L'Aquila)

Alla scoperta di Anagni, città dei Papi, del cibo e dell’arte. La Macelleria - Salumeria Città dei Papi di Nobili Mauro

Castello della Sala: visita con degustazione dei vini della tenuta dei Marchesi Antinori

Sulle orme di San Benedetto: Il Santuario delle Mentorella - L'area di Monte Guadagnolo - Capranica Prenestina (Roma)

IN ARTE... BELZEBU'. Peccati d'artista

Roma Beer Chocolate Private Party: una serata all'insegna del gusto e della creatività

Alla scoperta dell'isola di Capri: la passeggiata di Pizzolungo

Street artists (e molto di più) in via dei Fori Imperiali a Roma: i Funkallisto

Ristorante BUFF: a Trastevere un Trip Quality Food firmato dallo chef pluristellato Enrico Bartolini

Capodanno 2014 ed inizio 2015: alcuni giorni a Bologna e dintorni - Secondo giorno

Capodanno 2014 ed inizio 2015: alcuni giorni a Bologna e dintorni (e Venezia come special guest) - Quarto giorno

Festa della Repubblica sul Gianicolo: le Frecce tricolori

16° Castagnata di Paganico Sabino (RI): scoperte e sorprese

Alla scoperta dell’Isola di Capri: Monte Tiberio e Villa Jovis

Il lago di Turano (Rieti)

Roccasecca: il paese di San Tommaso d’Aquino

American Academy in Rome e Open House Roma: una gradita occasione

Sulle orme di San Francesco: Il Santuario di Santa Maria della Foresta (Rieti)

Capodanno 2014 ed inizio 2015: alcuni giorni a Bologna e dintorni - Terzo giorno

Festa della Repubblica sul Gianicolo: i Burattini di Carlo Piantosi

Sulle orme di San Francesco: L'Eremo delle Carceri (Assisi)

Alla scoperta di Anagni, città dei Papi, del cibo e dell’arte. Il Ristorante Vittorio Emanuele

Capodanno 2014 ed inizio 2015: alcuni giorni a Bologna e dintorni - Primo giorno

Sulle orme di San Benedetto: l'Abbazia di Casamari (Frosinone)

Alla scoperta dell'isola di Capri: Anacapri e dintorni

Eccellenze reatine: Az. Ag. Onofri Michela, Cantina Campigliano, Az. Ag. D'Ascenzo

Sulle orme di San Francesco: Il Santuario di Greccio (Rieti)

Alla scoperta di Anagni, città dei Papi, del cibo e dell’arte. In giro per la città

Sulle orme di San Benedetto: l'Abbazia di Montecassino (Frosinone)