L’importanza dell’agricoltura familiare per Petrini, Olmi e Don Ciotti al Salone del Gusto e Terra Madre. Lettera aperta sull’EXPO


Slow Food


A cura di ANDREA DI BELLA

 

Carlo Petrini, Don Luigi Ciotti, Ermanno Olmi: tre amici, tre intellettuali provenienti da mondi diversi ma uniti da una visione comune dell’agricoltura. Cogliendo l’occasione per la presentazione di "Volere bene alla terra", il nuovo libro edito da Slow Food Editore che raccoglie le interviste che, nell’arco di dieci anni, Carlo Petrini ha realizzato con grandi personaggi da tutto il mondo, si è svolto ieri pomeriggio un incontro fra il presidente di Slow Food e Don Luigi Ciotti, presidente di Libera.

 

“Un libro che parla dell’importanza dell’agricoltura familiare oggi minacciata”, ha affermato Petrini. “Quanti contadini onesti e appassionati, ad esempio nella Terra dei Fuochi, soffrono la vergogna di essere additati come soggetti inquinanti per colpa di chi ha depauperato l’ecosistema, inquinandolo con la complicità della mafia e l’insipienza di certi politici!”.


 

L’incontro ha poi ripercorso le tappe della vita di Don Ciotti, la sua esperienza prima con il Gruppo Abele, poi con Libera, per restituire alla legalità i terreni confiscati alle mafie e creare un’economia agricola virtuosa che, dopo un inizio non semplice, ha dato vita a prodotti d’eccellenza realizzati da diverse cooperative del Sud Italia.

 

Un percorso ancora lungo, come ha tenuto a sottolineare Don Ciotti, poiché le mafie prosperano e sono molto attive anche a livello europeo. Inoltre, le ricchezze sono troppo concentrate nelle mani di pochi: “Le cifre sono impressionanti: 500 multinazionali detengono il 52% del Pil del pianeta, le prime tre controllano il 91% della ricerca genetica e il 53% dei semi, le prime sei controllano il 76% dei pesticidi. Per citare Papa Francesco: “C’è un’economia che uccide””.


Noi dobbiamo riprenderci questa Terra. Il processo di liberazione deve andare avanti. L’obiettivo resta la giustizia, non la legalità, questo è un prerequisito”, ha affermato Don Ciotti. “La bellezza di vedere i contadini, quel mondo che la rete di Slow Food e Terra Madre rappresenta, è meraviglioso”.


In conclusione Petrini ha letto una lettera aperta sull’Expo, scritta in collaborazione con Ermanno Olmi e Don Ciotti.

 

Un’esigenza nata dalla preoccupazione che l’esposizione universale sia solamente l’occasione per parlare e promuovere il cibo come merce, senza affrontare concretamente questo argomento e le sue innumerevoli implicazioni. “Non si può rimanere passivi di fronte all'avvelenamento delle fonti di cibo provocato dalle spregiudicate economie globali che, per un falso concetto di modernità, giustificano ogni stoltezza" scrivono i tre.

 

“Oggi la fame che perseguita grandi parti di mondo, determina migrazioni epocali, bibliche. Il Mediterraneo ogni giorno è tomba di una disperata umanità che cerca di superare i confini visibili e invisibili che la privano del cibo quotidiano. (...) A partire da queste dissonanze ormai intollerabili, nasce il nostro bisogno di lanciare un appello affinché l’Expo non si riduca a un’esposizione senz’anima, dove si enunciano vasti programmi e nobili intenzioni, mentre si tace sulla povertà e le ingiustizie che opprimono la vita di milioni di persone”.

 

Un dibattito collettivo non più moralmente rinviabile, un modo di mettere a dimora un seme che possa crescere rigoglioso: il seme del buon senso e della dignità di ogni abitante della terra. L’Expo dovrebbe così diventare occasione per tutti gli uomini di buona volontà, per condividere il proprio cibo, con la coscienza che è anche e sempre quello degli altri: “C’è un destino comune che ci attende e uniti acquisteremo coscienza di popolo, di un'unica umanità”.


Scarica qui la lettera Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo
 



di Andrea Di Bella




Non dimenticare di guardare anche...

Petizione di Slow Food: Il formaggio si fa con il latte! Firma per dire NO all’uso del latte in polvere

Le cinque proposte di Carlo Petrini al Governo per il rilancio dei giovani agricoltori: inaugurato il Salone del Gusto e Terra Madre 2014 di Torino

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: la Commissione Europea presente ai massimi livelli

Un futuro per Amatrice: Nei menù del mondo, un anno di amatriciana per la ricostruzione. Appello di Carlo Petrini

Slow Food lancia la rete mondiale per la tutela dei formaggi a latte crudo al Cheese 2017. Le testimonianze

Slow Food Italia al IX Congresso apre il confronto con società civile, studiosi e accademici

Cheese 2017 apre a Bra. Petrini: ”Gli Usa finalmente liberi di utilizzare il latte crudo anche grazie all'impegno di Slow Food”

Una settimana con Slow Food a Expo: gli appuntamenti

Nel Padiglione Slow Food a Expo 2015: appuntamenti dal 6 al 12 luglio

L’arte della buona cucina a Cheese 2013 a Bra: "Appuntamenti a Tavola" nel segno della biodiversità

Slow Fish a Genova: Contadini e pescatori alleati per il bene della terra e del mare. Arginare frodi e contraffazioni è la parola d'ordine.

Land grabbing: anche Google partecipa al progetto Slow Food “10.000 orti in Africa” promotori di biodiversità e garanzia di cibo per tutti

”Voi siete i veri difensori della biodiversità, il futuro del cibo”, Carlin Petrini alla cerimonia di apertura del Salone del Gusto 2014: Le sfide di Terra Madre.

Inaugurato Terra Madre Salone del Gusto 2018. Carlo Petrini: “Bisogna remunerare i contadini per tutto quello che fanno”

Il sogno di Carlin Petrini e “il potere del cibo”: “una delegazione di contadini di tutto il mondo da Papa Francesco”

Eventi in tutto il mondo per Terra Madre Salone del Gusto 2020

Expo chiude e parte il rinnovato impegno di Slow Food e della rete di Terra Madre

Il Parlamento europeo dice NO agli Ogm. Slow Food: “abbiamo il diritto di sapere cosa contiene il nostro cibo”

Chiude il Salone del Gusto e Terra Madre 2014: maggiore sensibilità al mondo del cibo. Più giovani. Nobel a chi ha inventato Terra Madre