Giovedì con Stefano Bugamelli: Fiere e parcheggi di Bologna, qualcosa non va


Stefano Bugamelli


Sto bene nella mia città e so che si vive meglio che in tante altre, ma le cose storte non mancano e credo che le denunce possano essere utili per rimetterle a posto.

 

La città si presenta inospitale e speculatrice per tanti operatori e visitatori che giungono in città per frequentare le numerose manifestazioni fieristiche che si ripetono ogni anno.

 

Per via dell’attività che svolgo, anche all’estero, frequento spesso quartieri fieristici e mi sono reso conto che Bologna è da considerare la peggiore per quanto riguarda il caro prezzi dei parcheggi auto e per che vi ruota attorno.

 

In sintesi, questa è la situazione che posso documentare, avendo raccolto oggi personalmente, numerose lamentele di operatori che si aggiravano indispettiti attorno ai parcometri in occasione del CerSaie 2014, una delle fiere più importanti al mondo (ma la stessa realtà si ripresenta anche per le più piccole):

 

  • Negli appositi parcheggi gestiti dalla Società Cooperativa “L’Operosa”, il costo è di 18 euro giornalieri (da un minuto fino a sera) per lasciare l’auto nei numerosi e appositi parcheggi della zona fieristica
  • Nei parcheggi comunali lungo le strade, delimitati da striscie blu, dove chiunque può parcheggiare tutto l’anno, è stato imposto un limite massimo di due ore (evidentemente per obbligare il malcapitato a trasferirsi nei parcheggi a 18 euro)
  • Gli autobus urbani sono numerosi per varie direzioni, ma l’assurda assenza del personale di servizio a terra della Società TPER (Trasporto Passeggeri Emilia-Romagna), anche nei momenti di maggiore congestione, rende complicato l’orientamento dei passeggeri che intendono utilizzare i mezzi di trasporto

 

Due anni fa un una conferenza stampa venne posto il problema del caro parcheggio (era di 15 euro al giorno) e l’allora candidato presidente di BolognaFiere si impegnò a rivedere il problema.

 

Evidentemente è stato rivisto, ma in senso peggiorativo per il contribuente, perchè il costo è aumentato del 20%.

 

Auguriamoci solo che il riconfermato presidente non si impegni di nuovo a una revisione simile alla precedente!




di Stefano Bugamelli




Non dimenticare di guardare anche...

Giovedì con Stefano Bugamelli: Le Siepi di San Giovanni, nuovo polo agrituristico a Fontanelice (Bologna)

Giovedì con Stefano Bugamelli: "Santo Giorno" il formaggio brasiliano che parla bellunese

Giovedì con Stefano Bugamelli: il Pignoletto, Vitigno e Vino autoctono dal successo assicurato

Giovedì con Stefano Bugamelli: Merano Wine Festival, una marcia in più

Giovedì con Stefano Bugamelli: in Emilia Romagna è nato il Consorzio Regionale del Pignoletto

Giovedì con Stefano Bugamelli: Un Buon Natale 2014 consapevole

Giovedì con Stefano Bugamelli: “TUTTO QUELLO CHE STO PER DIRVI È FALSO”

Giovedì con Stefano Bugamelli: Sono troppo grassi i bambini italiani

Giovedì con Stefano Bugamelli: Il Peperoncino, la spezia più amata

L’altra Venezia: Laguna Veneta e Cavallino

Giovedì con Stefano Bugamelli: La Bottarga specialità della gastronomia sarda

Giovedì con Stefano Bugamelli: Apicoltori e Agricoltori per la salvaguardia dell’ambiente e della qualità

Giovedì con Stefano Bugamelli: Acqua a Bagnacavallo, la città del vino Burson

Giovedì con Stefano Bugamelli: Il professore di Bologna ci ha lasciati

Giovedì con Stefano Bugamelli: Albana Dèi, la storia di un grande e antico vitigno prosegue

Giovedì con Stefano Bugamelli: lo stress della Vite fa bene al Vino

Giovedì con Stefano Bugamelli: L’Olio di Argan, benessere e salute dall’Argania Spinosa

Giovedì con Stefano Bugamelli: DegustiBO strumento di qualità per la Comunità del Gusto bolognese

Giovedì con Stefano Bugamelli: “L’oro bianco di Pieve Roffeno”

Giovedì con Stefano Bugamelli: Il Panettone d’innovazione, grazie Dario!

Giovedì con Stefano Bugamelli: Je suis Charlie

Giovedì con Stefano Bugamelli: Che delizia la panna!!!

Giovedì con Stefano Bugamelli: Le "Etichette" consultazione pubblica del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Giovedì con Stefano Bugamelli: Gusto e benessere dagli agrumi

Giovedì con Stefano Bugamelli: Magis, il manuale di sostenibilità che assicura un futuro migliore al vino italiano

Giovedì con Stefano Bugamelli: La Chiesa ha un nuovo Sommelier, Papa Bergoglio

Giovedì con Stefano Bugamelli: il Kiwi si rinnova con il tricolore

Giovedì con Stefano Bugamelli: il vino Torcolato di Breganze

Giovedì con Stefano Bugamelli: Dromedari e Cammelli, una risorsa alimentare in più

Giovedì con Stefano Bugamelli: il Made in Italy è stile, gusto e tecnologia; ecco Fructae

Giovedì con Stefano Bugamelli: Dalla Sardegna il formaggio per chi soffre di colesterolo alto

Giovedì con Stefano Bugamelli: La Melagrana, frutto funzionale per la salute della persona

Giovedì con Stefano Bugamelli: La Spergola, vitigno autoctono di Scandiano

Giovedì con Stefano Bugamelli: Un Buon anno 2015, con Expo di Milano sul tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”

Giovedì con Stefano Bugamelli: Viva le nonne per gli italiani a tavola!

Giovedì con Stefano Bugamelli: Storie di mare e di montagna al SANA 2014 a Bologna

Giovedì con Stefano Bugamelli: Test positivo per il Pignoletto, vino dell'Emilia Romagna

Giovedì con Stefano Bugamelli: la carne equina, buona e discussa

Giovedì con Stefano Bugamelli: "Duschbere", il Tortellino di Baku (Azerbaijan)

Giovedì con Stefano Bugamelli: Stile Mediterraneo con i vini autoctoni di Emilia Romagna, Bulgaria e Grecia

Giovedì con Stefano Bugamelli: Il Noce, pianta per rinnovare l'agricoltura

Giovedì con Stefano Bugamelli: Sangiovese di Romagna, vino simbolo di un territorio