“Carlo Petrini”, Slow Food e “Pierre Rabhi”, filosofo francese: parole di Terra da un autentico mondo contadino


Slow Food


di ANDREA DI BELLA

 

Parlare di agricoltura, di contadini, di terra, di diritto al cibo e alla felicità, di Land Grabbing, mi porta a Carlo Petrini, al Movimento di Slow Food e alla filosofia di Terra Madre. Ma il pensiero corre anche verso un altro personaggio straordinario, che ha fatto del concetto di agricoltura, di uomini, di comunità del cibo, una ragione di vita: Pierre Rabhi.


Due personaggi che danno, da sempre, alla terra, agli uomini e al cibo un valore universale, creando un legame inscindibile da cui dipende il destino del mondo.


Nell’ultimo libro di Pierre Rabhi, “Parole di Terra”, edito da Pentagora, il contadino, scrittore e filosofo francese, pioniere dell’agroecologia e della decrescita, racconta la sofferenza e l’abbandono di cui sono vittime i popoli nativi del sud del Mondo, sottomessi a una logica disastrosa fondata sullo sfruttamento intensivo della terra. Si parla di una “iniziazione africana” ma il messaggio di valore universale apre gli occhi e risveglia le coscienze sull’inscindibile legame che che unisce l’uomo alla terra e, attraverso essa, al destino del mondo.


Pierre Rabhi e Carlo Petrini 

Rabhi osserva Yehudi Munuhin in una nota in margine al libro - ci chiama a un atto di riconciliazione urgente, sia reale sia simbolica, tanto essenziale nella sostanza pratica quanto profondamente religiosa. La riconciliazione con la nostra madre terra è persino più urgente della riconciliazione tra gli uomini, poiché la nostra vita dipende dalla nostra terra. Nessuna vita sopravvive su una terra morta. Sotto la forma del racconto, Rabhi presenta la triste storia dell’arroganza umana che, volendo dominare la vita, la distrugge; volendo dominare le specie, le annienta; volendo dominare la terra, la mutila, la tortura, la dissacra”.


Pierre Rabhi, vive in Ardèche, una regione della Francia, dove si dedica all’agricoltura, sostenendo diversi programmi di tutela della terra e dell’ecosistema. Uomo straordinario, pioniere dell’agricoltura ecologica ed esperto internazionale per la lotta contro la desertificazione, professa la necessità di cambiare modello di sviluppo, non solo, ma propone soluzioni.


L’avevo incontrato nel giugno del 2013, in occasione di CinemAmbiente, rassegna cinematografica dedicata ai temi ambientali, della sostenibilità e dell’ecologia.
“ La società cambierà quando la morale e l’etica investiranno le nostre riflessioni”, aveva affermato Pierre Rabhi. E soffermandosi sul concetto di felicità aveva aggiunto che “essere vivi è la felicità più bella che la vita può darci. Siamo sulla terra per gioire non per far crescere il PIL".


L’uomo è ostaggio della tecnologia, è schiavo. La deriva tecnologica ci potrebbe portare al nulla. Occorre rimettere l’uomo e la natura al centro dell’economia e dell’economia agroalimentare prima di tutto.


Produrre e consumare fino alla fine della nostra esistenza non è la vera vocazione dell’Uomo, che invece dovrebbe amare, ammirare e prendersi cura della vita sotto tutte le sue forme”.

Pierre Rabhi - Foto di ANDREA DI BELLA

 

In una recente intervista con Carlin Petrini, alla domanda del fondatore di Slow Food e Terra Madre, “Noi abbiamo scelto di fare 10.000 orti in Africa, e credo che sia il momento per costruire qualcosa nel continente. Una dimensione umana e di organizzazione, per ricreare una classe dirigente che abbia a cuore la comunità e non il commercio, la salvaguardia della biodiversità, la lotta alla fame e alla malnutrizione”, il contadino-poeta ha risposto che "È una cosa straordinaria. Quando mi hanno domandato di intervenire in Burkina Faso, io non conoscevo quella parte dell'Africa. Ma ho analizzato la situazione. L'agricoltura chimica non si poteva fare, le persone dicevano "io sono talmente povero che non posso acquistare fertilizzanti e diserbanti". È un sistema insostenibile per loro, perché è un sistema fatto per vendere e non per nutrirsi. È il sistema che produce la fame. Ora questo meccanismo sta rovinando anche i contadini europei, perché per fare agricoltura industriale gli strumenti sono troppo cari e la crisi peggiora la situazione. Se c'è gente che fa piccoli orti, io dico "bene!" Un orto è un atto politico, di resistenza".


Un uomo dalla semplicità disarmante, mosso dalla passione, che dà emozioni, quasi spirituale, che incontreremo al prossimo Salone del Gusto e Terra Madre di Torino.
“È il contadino che tiene in vita gli elementi, che detiene la vita e ciò che è fondamentale per essa".


E il filo conduttore arriva a Carlin Petrini, che è perfettamente in sintonia con questi temi. Voi si che riuscirete a cambiare il mondo, che davvero credete, che lottate, che amate la terra e i suoi uomini. E meno male che la vostra voce esiste, che la fate sentire, che la vostra rabbia fa riflettere. Le tue parole, Carlin, creano armonia ed esaltano questo mondo contadino di cui tutti si ricordano nei momenti di crisi. E tu rispondi a tono “Bisogna creare produttività per i piccoli produttori, dobbiamo riappropriarci dei saperi dei vecchi contadini, perché ciò è scienza, è storia, perché ha dato da mangiare, per generazioni, a questa terra”.


Carlin Petrini riesce sempre ad anticipare i tempi e sviluppare suggestioni interessanti.
Riconoscimenti internazionali sono valsi al Presidente di Slow Food per essere, tra i primi interlocutori nel mondo, un portavoce essenziale per i temi legati al diritto all’alimentazione e alla dignità dei popoli. Nel 2004 la rivista Time Magazine gli attribuisce il titolo di Eroe Europeo del nostro tempo nella categoria “Innovator”. Nel gennaio 2008 compare nell’elenco redatto dal quotidiano inglese The Guardian, come unico italiano, tra le “50 persone che potrebbero salvare il mondo”. Nel settembre 2013 gli viene conferito dal Programma Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP) il premio Campione della Terra, “per aver reso più efficienti e più sostenibili l’alimentazione e l’offerta di cibo in numerosi Paesi del mondo”.


“Bisogna difendere le buone cause di un sistema agricolo sostenibile che deve essere valorizzato e deve valorizzare il ritorno alla terra da parte dei cittadini. I giovani devono tornare alla terra – ha affermato Petrini, in diverse occasioni – altrimenti noi non avremo futuro in questo campo.”

 

Carlo Petrini - Foto di ANDREA DI BELLA

 

Perdere la cultura contadina significa perdere la civiltà, vuol dire perdere l’anima: aveva ragione Pier Paolo Pasolini quando affermava che “il giorno in cui questo Paese perderà l’agricoltura e l’artigianato, non avrà più storia”.


Carlo Petrini ha sempre calcato la mano sull’industria del cibo “Dalla società rurale, descritta da Mario Soldati alla fine degli anni ’50, da quel lavoro contadino, fatto di sofferenza e di fatica, ma anche di poesia, si è passati alla società dei supermercati. Il cibo non ha più valore è solo mercanzia! Lo spreco alimentare, - dice Carlin – oggi, ha proporzioni incredibili. L’economia locale non viene valorizzata. Bisogna far rinascere il senso della comunità, nella mia città non si sente più il profumo del pane”!


E’ il momento di riscattare l’umiliazione di migliaia di contadini. E’ il senso dell’economia della felicità: siamo nati per essere felici. Papa Francesco nella sua telefonata di qualche tempo fa mi ha parlato di questo. L’economia non è quella che ci viene proposta. L’economia della felicità ci deve far stare bene con la nostra famiglia, con la comunità. Il Papa mi diceva che sua nonna gli ripeteva spesso una cosa importante, che “quando si muore, nel sudario non ci sono le tasche””.


Come non essere d’accordo con Sua Santità!



di Andrea Di Bella




Non dimenticare di guardare anche...

"Terra Madre Salone del Gusto 2016". Petrini: a settembre a Torino ospitiamo gli intellettuali del cibo!

Aspettando Slow Fish di Genova: aperitivi, tapas e cene a base di pesce per stuzzicare l’appetito, a Torino

A Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino ha vinto la partecipazione: condivisione culturale, sociale e politica

A Cheese 2017, Slow Food lancia un segnale politico forte con gli "Stati generali del latte crudo"

Stati Generali delle Comunità dell’Appennino: Slow Food e Terra Madre per progettare la montagna che verrà

Alice Waters, Slow Food Internazionale: “Cibo industriale e fast food affronto alla democrazia”

Al via Terra Madre Giovani. Petrini: “Voi testimoni che questa idea andrà avanti per tanto, tanto tempo”

Presìdi internazionali Slow Food: le novità del prossimo Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

L’Arca del Gusto passa da Cheese 2013: con Slow Food e i formaggi di tutto il mondo a Bra (Cuneo)

L’Italia ribadisce il suo no agli Ogm ma l’Europa non si schiera: il parere di Slow Food

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: testimonianze di lavoro di migranti nel nostro Paese

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: ultime novità da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino

Cheese 2015 parte con un rullo di tamburi. Petrini: “Difendere le produzioni locali. No al formaggio col latte in polvere”

Terra Madre Day 2014: Samantha Cristoforetti festeggia dallo spazio i 25 anni di Slow Food

Slow Food: nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione adottiamo un orto in Africa

Con Slow Food al Salone del Gusto e Terra Madre 2014: dalla “Scuola di Cucina” alla “Fucina di Pane e Pizza”, da “Mixology” ai “Laboratori del Gusto”

Taglio del nastro e via a Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino. Le foto del primo giorno

28 Ministri dell’Agricoltura dell’UE incontrano i prodotti dei Presìdi o dell’Arca del Gusto di Slow Food, all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo-Bra (Cuneo)

Petrini: “Non c’è qualità alimentare senza rispetto dell’ambiente”. La campagna di Slow Food Menu for Change sul clima

Osterie d’Italia 2016: presentata a Cheese la guida del mangiarbere all’italiana di Slow Food

Fermati da Stratta e… bevi un “Caffè selvatico della foresta di Harenna”, Presidio Slow Food, giovedì 25 settembre 2014 a Torino

“Cheese 2013” chiude con la laurea honoris causa a Ermanno Olmi: successo e speranze per una nuova economia contadina

10.000 orti in Africa: Slow Food per la Biodiversità e Table for Two firmano un accordo a sostegno del progetto

Slow Food: Urgente dotare il Paese di una legge efficace sul consumo di suolo

Slow Food a Vinitaly: Etichetta narrante per l’olio, a tutela dei consumatori e a difesa dei produttori

Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino: già 1000 posti letto messi a disposizione dalle famiglie piemontesi

La rivoluzione sostenibile di Terra Madre Salone del Gusto di Torino: un progetto dell’UNISG di Pollenzo

Terra Madre Giovani: le voci di Serge Latouche, Nicola Gratteri, Don Luigi Ciotti e Gaetano Pascale

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: Slow Food punta sull’agricoltura familiare

Seminiamo la Biodiversità: un progetto di Slow Food. Petrini: “Non consegnare a poche multinazionali il controllo sul nostro cibo”

Terra Madre Giovani: 2500 contadini da 120 Paesi del mondo a Milano per discutere il futuro del cibo

Slow Food dalla Cina lancia Menu for Change: «Cambiamo il sistema alimentare, fermiamo il cambiamento climatico»

Rai 2, Università di Scienze Gastronomiche e Slow Food presentano “Signori del vino”: torna in TV la cultura del vino

Slow Food lancia una grande campagna internazionale per difendere la Biodiversità del Pianeta

A Geo Magazine i Presìdi Slow Food del Piemonte: protagonisti il Macagn, formaggio di montagna, e i mieli della Val Maira

"Slow Food Day" per spegnere le 30 candeline del movimento: festa in tutte le piazze d’Italia!

Terra Madre Salone del Gusto fuori dal Lingotto: l’edizione 2016 a fine settembre nel cuore di Torino

Partnership tra Slow Food ed Expo 2015: un accordo in nome della biodiversità e della lotta alla malnutrizione

Agroecologia, sinergia tra agricoltura e ricerca: il cibo come patrimonio di conoscenze e dell’umanità per cambiare il mondo, all’UNISG di Pollenzo

Presentata a Montecatini Terme Slow Wine 2017: la guida alle storie di vita, vigne, vini in Italia. Un manifesto politico

Terra Madre Salone del Gusto 2016: l'impatto economico porta 28-38 mln di Euro a Torino. Le ricadute sulla città

Terra Madre Salone del Gusto di Torino: Storie di legalità dalle filiere virtuose dell'agroalimentare

Ecco le ricette dell'Arca del Gusto di Slow Food, in attesa del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

“Il cibo in Tv è solo diffusa pornografia alimentare”. Così Carlin Petrini alla presentazione del Salone del Gusto e Terra Madre 2014 di Torino

“Poesia e Utopia vere risorse dell’economia dell’Italia”: così Carlin Petrini apre “Cheese” 2013 a Bra (Cuneo)

Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, è Ambasciatore Speciale della FAO in Europa per Fame Zero

Aspettando Cheese: a Bra (Cuneo) si degustano i formaggi del Regno Unito

Il film “Domani” disponibile in DVD e Blu Ray, con il patrocinio di Slow Food Italia

Perché visitare “Terra Madre Salone del Gusto” di Torino

Slow Food a Vinitaly 2017 per raccontare, conoscere, bere il vino “buono pulito e giusto”

Un nuovo anno con Slow Food: #PrendiamociGusto

La Buona Strada, un progetto di Slow Food Italia di crowdfunding per le aree terremotate del Centro Italia

“Raccogliamo i frutti di un’avventura che ha attraversato gli oceani” così Carlin Petrini presenta Terra Madre Salone del Gusto 2016 a Torino

Chiuso a Milano Terra Madre Giovani – We Feed The Planet: Gioia ed emozioni per i Giovani Contadini

Il modello virtuoso del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino: le ricadute ambientali, sociali ed economiche sul territorio

“Laudato si’”, l’enciclica del Papa vista da Slow Food: “Auguriamo possa segnare la vita politica di molti Governi”