Italia Bella: Ostuni (Brindisi)


Italia Bella


 

Ostuni, conosciuta anche come “la città bianca” per via del colore a calce delle sue case, un agglomerato di casette l’una ammassata all’altra, la si incontra percorrendo la superstrada che conduce da Bari a Brindisi, apparendo come una macchia bianca sotto il sole, in cima ad un colle, in cima ad un esteso uliveto che digrada verso il pianoro.

 

La città, 33.000 abitanti circa, è situata in un territorio fertile ed intensamente coltivato, compreso tra la fascia costiera adriatica e l'entroterra collinare delle Murge meridionali, Ostuni, 33.000 abitanti circa, è un luogo abitato fin dalla preistoria, il colle di Ostuni ha visto passare nel corso della sua storia truppe di tutti gli eserciti: da Annibale ai greci ed ai romani; dagli Ostrogoti e Longobardi, Saraceni e Mori, Svevi e Normanni, fino agli Aragonesi e Borboni, prima di approdare prima città della Puglia a sventolare il tricolore, sotto le insegne del Regno d’Italia.



L’antico centro abitato domina dal colle ad est sulla piana di ulivi secolari sino al mare e ad ovest sulla zona collinare interna punteggiata da trulli, masserie, vecchi tratturi e muretti a secco.
Il centro storico, chiamato Terra, è protetto da bastioni aragonesi che ne racchiudono la pianta circolare; ha un aspetto molto caratteristico per le tipiche case imbiancate a calce tra un groviglio di stradine, scalinate e piazzette; incassati nelle mura ci sono ancora otto dei quindici torrioni originari e parti dei baluardi che chiudevano la città medioevale, un groviglio di strette e tortuose stradine, cortili, piazzette, scalinate e vicoli.

 

Ostuni 


Le case del borgo sono spesso scavate nella roccia, unite da archi o semiarchi di sostegno; i palazzi gentilizi, i portali e le chiese, con le loro macchie d'ocra dorato spiccano qua e là nell'accecante bagliore delle semplici abitazioni bianche.


Sulla cima del colle svetta la Cattedrale, con elementi romanici, gotici e veneziani, a dominare la Piana degli ulivi secolari fin quasi alla costa, caratterizzata dal succedersi di insenature naturali, di notevole bellezza paesaggistica e naturalistica, arenili di sabbia fine, scogliere che si specchiano in un mare azzurro e cristallino.


Tra Torre Canne e Torre San Leonardo c’è una Riserva Naturale Regionale a tutela di alte dune coperte di ginepri, e poco distante la Riserva Naturale Statale di Torre Guaceto, un'area naturalistica con acquitrini, dune, macchia mediterranea e una ricchissima fauna di uccelli migratori acquatici che qui stazionano e si riproducono.


Nell’entroterra, invece, c’è l'area naturalistica di Lamacornola, un fenomeno carsico tipico delle Murge, con numerosi insediamenti rupestri utilizzati nel medioevo come abitazione, riparo per attrezzature agricole e luoghi di culto.


L’economia di Ostuni e del suo territorio è sempre stata basata sull’agricoltura, a partire dalla coltivazione dell'olivo; il costante lavoro dell’uomo sui pascoli ha permesso di preservare l'ambiente rurale e le produzioni tipiche della zona, favorite dalle acque che scorrono nel sottosuolo e dal clima mediterraneo adatto per molte erbe aromatiche quali il rosmarino, il timo, il basilico, la salvia, il mirto, l'origano, l'alloro e il finocchio selvatico, usati per insaporire molti piatti tipici della zona.

 

 Ostuni_mare


Da qualche decennio il turismo balneare, con la scoperta delle bellissime spiagge e delle sue numerose ed organizzate strutture ricettive, ha soppiantato l’agricoltura nel primato, anche se ultimamente le due economie hanno cominciato a marciare su un binario parallelo di pari passo
Numerose infatti gli eventi organizzati ad Ostuni per turisti che ormai non si accontentano più solo del sole, del mare e della spiaggia; alcuni della tradizione religiosa, come il Corteo storico-biblico dei Magi, la festa di San Biagio, quella della Madonna della Nova, dopo Pasqua, o la Cavalcata di S. Oronzo ad agosto.

 

Altre più prosaicamente ludiche e goderecce, come la festa del "Barco", l’”Estate Ostunese” o la bella Sagra dei Vecchi Tempi di ferragosto, quando lungo le pittoresche stradine del centro storico antichi costumi, mestieri, tradizioni e sapori del passato rivivono grazie agli stessi abitanti del vecchio quartiere.

 

Oltre all’olio extravergine d’oliva Dop, tra i prodotti ed i piatti tipici di origine contadina che la città offre ai suoi turisti vi sono carni provenienti dai numerosi allevamenti bovini, caprini, equini ed ovini delle masserie della zona, come anche formaggi freschi e stagionati, in particolare di latte ovino e caprino, come il canestrate, il cacioricotta e la ricotta forte.

 

Ostuni-stacchiodde 


Il piatto tipico per eccellenza di Ostuni è rappresentato dalle orecchiette, le "stacchiodde" al sugo di pomodoro o cime di rapa, condito con foglie di basilico e cacio ricotta grattugiato, ma vanno alla grande anche i piatti a base di pesce, pescato freschissimo nel mare antistante, generoso di frutti di mare e di pesce azzurro.


Anche la pasticceria è molto apprezzata con le diverse produzioni dolciarie a base di miele, mandorle, ricotta e marmellate; come anche la frutta secca di mandorle, noci e fichi "maritati" con le mandorle cotti al forno; tra i vini, apprezzati sono i bianchi Ostuni e Martina ed il rosso Ottavianello, tutti con la Doc.




di Redazione 35




Non dimenticare di guardare anche...

Italia Bella: Esanatoglia (Macerata); la città “filetta”

Italia Bella: Seminara (Reggio Calabria)

Italia Bella: Furore (Salerno): il paese che non c’è

Italia Bella: Amatrice (Rieti)

Italia Bella: Elva (Cuneo)

Italia Bella: Aieta (Cosenza)

Italia Bella: Porto Ercole: la porta meridionale dell’Argentario

Italia Bella: Villa Castelli (Brindisi)

Italia Bella: Borgosesia (Vercelli)

Italia Bella: Biccari (Foggia)

Italia Bella: La Scarzuola (Terni)

Italia Bella: Portobuffolè (Treviso)

Italia Bella: Vallesaccarda (Avellino)

Italia Bella: Scurcola Marsicana (L’Aquila)

Italia Bella: Pavullo nel Frignano (Modena)

Italia Bella: Terra del Sole (Forlì-Cesena)

Italia Bella: Bobbio (Piacenza)

Italia Bella: Seborga (Imperia)

Italia Bella: Amandola (Fermo)

Italia Bella: Corridonia (Macerata)

Italia Bella: Sarteano (Siena)

Italia Bella: Volterra (Pisa)

Italia Bella: Rodengo Saiano (Brescia)

Italia Bella: Monte Isola (Brescia): la bella del Lago d’Iseo

Italia Bella: Specchia (Lecce)

Italia Bella: Grado (Gorizia)

Italia Bella: Riccione, la perla verde dell'Adriatico

Italia Bella: Val Badia: San Vigilio di Marebbe, la perla del Parco Naturale di Fanes, Sennes e Braies

Italia Bella: Calitri (Avellino) un paese da Presepe

Italia Bella: Vipiteno (Bolzano)

Italia Bella: Montalcino (Siena) città del vino e del miele

Italia Bella: Tenno (Trento)

Italia Bella: Marmora (Cuneo)

Italia Bella: Aggius (Olbia-Tempio)

Italia Bella: Étroubles (Aosta)

Italia Bella: Alberona (Foggia)

Italia Bella: Fagagna (Udine)

Italia Bella: Palena (Chieti)

Italia Bella: Vieste (Foggia): il paese dai mille colori

Italia Bella: Finalborgo (Savona)

Italia Bella: Savoca (Messina)

Italia Bella: Faenza (Ravenna)

Italia Bella: Castelmezzano (Potenza)

Italia Bella: Spoleto (Perugia)

Italia Bella: Guarcino (Frosinone)

Italia Bella: Pontassieve, il cuore del Mugello

Italia Bella: Oratino (Campobasso)

Italia Bella: Torreglia (Padova): la città del maraschino e del Torresan