“Ricondurre la gastronomia in un contesto più logico e armonico”: così Carlo Petrini all’inaugurazione dell’anno accademico 2013-2014 dell’UNISG di Pollenzo-Bra (Cuneo)


Università di Scienze Gastronomiche


di ANDREA DI BELLA

 

“Non possiamo più dirci giovani dopo un decennio segnato da profondi cambiamenti sostanziali e simbolici”. Così, a dieci anni dalla nascita dell’Ateneo, il Rettore Piercarlo Grimaldi ha esordito alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2013-2014 dell’Università di Scienze Gastronomiche non può più dirsi giovane. “L’anno accademico che inauguriamo scandisce il decimo anno della nostra vita didattica e scientifica e rappresenta, dunque, un cruciale tornante della nostra storia, già fortemente segnata da profondi significati sostanziali e simbolici.”


Negli ultimi dieci anni l’Ateneo si è impegnato nell’arduo compito di definire i confini disciplinari della gastronomia: attraverso un percorso di coscienza di un cibo buono, pulito e giusto, l’Università ha dato un radicale contributo all’interrogazione scientifica sui temi della gastronomia. “L’esito di questo lavoro sta trovando un suo primo momento di sintesi, di consolidata espressione scientifica e di comunicazione ne “Il Manifesto di Pollenzo, che l’Ateneo presenterà e discuterà in alcuni giorni del mese di giugno dedicati a riflettere e a festeggiare la felicità dei nostri primi dieci anni di vita accademica, cogenti ai dieci anni di Terra Madre e ai venticinque di Slow Food. Uno strategico tornante, decisivo per una gastronomia liberata.


 

"Tutto ciò avviene con un approccio olistico, ha precisato il Rettore. " Olismo significa pensare alla gastronomia nel suo intero, il cibo a 360°, perché il cibo è una materia interdisciplinare, dove è necessario cammino comune tra scienze “esatte” e quelle umanistiche. La proposta dell’università si fonda sul saper fare, investendo “sul singolo giovane che vuole essere partecipe di questa umana avventura, cercando già di identificare - nel percorso di selezione degli aspiranti - le tensioni ideali che lo portano a vivere l’esperienza pollentina: la passione per la gastronomia e le idealità che essa richiede.”


È stata la volta, poi, delle voci di due studentesse, Domitilla Giuliani e Stacy Stout, che hanno reso tangibili due idee che stanno alla base della filosofia dell’Università: la tradizione e la comunità. "Ogni studente porta con sé un mondo, le sue origini, la propria terra e una volta raggiunta Pollenzo, tutti sono parte integrante di una comunità internazionale ricca. È qui l’importanza del creare rete, legame, un network di menti fertili di idee e ricche di potenzialità."


Dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali è giunto l’intervento del suo Direttore Generale, Antonia Pasqua Recchia, che ha sottolineato come il cibo sia un patrimonio culturale e come sia fondamentale una strategia per la valorizzazione dei territori. “Il ruolo dell’Università di Pollenzo in una strategia di sviluppo sostenibile per le comunità e per gli individui custodi di tale patrimonio è indispensabile”.


Infine, Carlo Petrini, Presidente dell’Università, ha descritto quest’anno come particolarmente significativo proprio perché il decimo di questa istituzione.È forte il sentimento di soddisfazione per essere arrivati fino a qui, con l’orgoglio di una comunità che ha passato anche momenti difficili. Basti pensare solo al fatto che quando l’università stava nascendo, il sistema normativo accademico non prevedeva quelle che i fondatori hanno chiamato scienze gastronomiche, nonostante nel corso dei secoli siano sempre state parte integrante del nostro sapere scientifico. È così che siamo partiti da zero”.


Petrini ha ribadito l’importanza della sfida della complessità, basata sulla visione olistica e integrata delle materie: l’università la vive sulla propria pelle, “è una sfida che viviamo perché la incarniamo, la affrontiamo giorno dopo giorno”.


"Il compito del gastronomo è quello di capire fino in fondo quale sia il vero ruolo della gastronomia, che al giorno d’oggi diventa sempre più una moda, fino a deragliare su terreni che non sono né scientifici né morali. I nostri studenti hanno le capacità di ricondurre la gastronomia in un contesto più logico e armonico, grazie alle loro solidi basi olistiche”.



di Andrea Di Bella




Non dimenticare di guardare anche...

“Italian Taste”: l'UNISG di Pollenzo studia il gusto degli italiani e cerca assaggiatori volontari (IT-taster)

Professionalità per l’agricoltura del futuro. Se n’è discusso a Torino: gli interventi del ministro Martina e di Carlo Petrini

“Siate coraggiosi, vi vedo andare via con le lacrime”: Carlo Petrini saluta i giovani laureati all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo

Food Industry Monitor: osservatorio sul mercato del vino italiano targato UNISG di Pollenzo e BSI Bank

“Solo un gastronomo felice può cambiare il mondo”: parola delle “rondinelle” dell’UNISG di Pollenzo

L'Osservatorio sulle performance dell’agroalimentare italiano: il Food Industry Monitor 2017 presentato all’UNISG di Pollenzo (Cuneo)

Pollenzo, ecco il Calendario degli chef delle Tavole Accademiche UNISG 2019: all’insegna delle donne

Cerimonia di Laurea all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (Cuneo)

Presentato all'UNISG di Pollenzo il calendario degli chef ospiti alle Tavole Accademiche 2017

Il Premier Gentiloni inaugura l’a.a. 2017-18 dell’UNISG di Pollenzo. Da settembre 2018 due nuove classi di laurea

L’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo ha un nuovo Rettore: è il professor Andrea Pieroni

Inaugurazione anno accademico 2016-2017 all'UNISG di Pollenzo (Cuneo): Lectio magistralis del sociologo Domenico De Masi

L'“Atlante del Cibo per Torino”: uno strumento a sostegno delle politiche alimentari della città metropolitana e della gestione del Sistema Cibo

La Lectio Magistralis del sociologo De Masi dà il via all'Anno Accademico 2016/17 dell'Unisg di Pollenzo

Graduation Day 2018 all’UNISG di Pollenzo (Cuneo). Petrini: “Voi siete la Primavera. Sognate per essere felici”

Graduation Day 2017 all’UNISG di Pollenzo (Cuneo). Petrini ai laureandi: “coltivate generosità e compassione, indignatevi per le ingiustizie"

Tavole Accademiche 2018 all’UNISG di Pollenzo: ristoratori internazionali, stellati o Chiocciola Slow Food

Incontro UNISG - Sostenitori borse di studio. Il rettore Piercarlo Grimaldi: "Esse sono strumento concreto di democratizzazione del sapere"

L’UNISG di Pollenzo fa incontrare studenti e sostenitori delle borse di studio