Giovedì con Stefano Bugamelli: Gusto e benessere dagli agrumi


Stefano Bugamelli


Non c’è niente di più sbagliato nel detto conosciuto da tutti: “al mattino le arance sono oro, alla mezza son d’argento e alla sera sono piombo”.

 

In realtà le arance sono digeribilissime a tutte le ore e fanno bene, a meno che, è ovvio, non ci siano patologie per le quali se ne sconsiglia l’assunzione.

 

Le numerose varietà di agrumi e le diverse specie esistenti soddisfano per gusto, aromi, contenuti zuccherini, consistenza, densità dei succhi le miriadi di consumatori che li utilizzano. Gli agrumi sono anche ottimi ingrediente in cucina, grazie all’effetto estetico e cromatico oltreché gustativo che offrono. Grazie ai loro aromi sono una grande risorsa nel settore della cosmesi e della profumeria.

 

E' particolarmente curioso il fenomeno dovuto al microclima in una zona del catanese, per effetto del quale la polpa delle arance assume una colorazione rossa.

 

Determinante per il successo nei consumi è la loro gradevolezza al gusto e il valore nutritivo basato soprattutto sul notevole contenuto di vitamina c, capace di rafforzare le difese immunitarie e in qualità di antiossidante per una ottima conservazione e rigenerazione delle cellule.

 

Il consumo degli agrumi è in consistente aumento e sono prodotti in gran quantità nei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, ma anche in Sudafrica, Argentina, Brasile, Stati Uniti, Nuova Zelanda, Australia, Cina.

La Cina è il più grande produttore, in particolare vanta la più antica testimonianza scritta che risale a oltre 4000 anni fa.

 

Ben 121 milioni di tonnellate prodotti al mondo, i più consumati sono arance 68 milioni, mandarini, clementine, tangerini (21,2 milioni) il 17,5%, limoni e lime (13,9 milioni di tonnellate) l’11,5%, e le altre specie (17,9 milioni di tonnellate) il rimanente 14,8%.

 

Gli agrumi si prestano ad essere consumati, oltre che freschi, anche conservati come succhi e confetture, il mercato dei derivati per alcuni paesi è molto importante.

 

L’Italia quarto produttore mondiale è fra i protagonisti, sia nel consumo, sia nella esportazione. Svolge un ruolo di primattore anche nella qualità: fra le 18 varietà riconosciute come Dop e Igp, ne detiene ben 12.

 

Ma per saperne di più occorre leggere il manuale “gli agrumi” della collana “Coltura e Cultura” pubblicato da Bayer CropScience con l’autorevole coordinamento scientifico dei prof. Eugenio Tribulato, Paolo Inglese e la collaborazione di 63 autori.

Quasi 600 pagine ricche di illustrazioni.

 

Gli argomenti approfonditi sono: botanica, storia ed arte, alimentazione, paesaggio, coltivazione, ricerca, utilizzazione, mondo e mercato.

 

Una importante guida per semplici consumatori e professionisti che consente di approfondire sulle varietà esistenti, le specie, la loro origine, i benefici che apportano e molti aspetti commerciali.




di Stefano Bugamelli




Non dimenticare di guardare anche...

Giovedì con Stefano Bugamelli: Sangiovese di Romagna, vino simbolo di un territorio

Giovedì con Stefano Bugamelli: “L’oro bianco di Pieve Roffeno”

Giovedì con Stefano Bugamelli: il Kiwi si rinnova con il tricolore

Giovedì con Stefano Bugamelli: "Santo Giorno" il formaggio brasiliano che parla bellunese

Giovedì con Stefano Bugamelli: Le Siepi di San Giovanni, nuovo polo agrituristico a Fontanelice (Bologna)

Giovedì con Stefano Bugamelli: Je suis Charlie

Giovedì con Stefano Bugamelli: Magis, il manuale di sostenibilità che assicura un futuro migliore al vino italiano

Giovedì con Stefano Bugamelli: Viva le nonne per gli italiani a tavola!

Giovedì con Stefano Bugamelli: L’Olio di Argan, benessere e salute dall’Argania Spinosa

Giovedì con Stefano Bugamelli: Acqua a Bagnacavallo, la città del vino Burson

Giovedì con Stefano Bugamelli: Dromedari e Cammelli, una risorsa alimentare in più

Giovedì con Stefano Bugamelli: Un Buon Natale 2014 consapevole

Giovedì con Stefano Bugamelli: Le "Etichette" consultazione pubblica del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Giovedì con Stefano Bugamelli: DegustiBO strumento di qualità per la Comunità del Gusto bolognese

Giovedì con Stefano Bugamelli: Merano Wine Festival, una marcia in più

Giovedì con Stefano Bugamelli: Il Panettone d’innovazione, grazie Dario!

Giovedì con Stefano Bugamelli: "Duschbere", il Tortellino di Baku (Azerbaijan)

Giovedì con Stefano Bugamelli: “TUTTO QUELLO CHE STO PER DIRVI È FALSO”

Giovedì con Stefano Bugamelli: Un Buon anno 2015, con Expo di Milano sul tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”

Giovedì con Stefano Bugamelli: in Emilia Romagna è nato il Consorzio Regionale del Pignoletto

Giovedì con Stefano Bugamelli: Dalla Sardegna il formaggio per chi soffre di colesterolo alto

Giovedì con Stefano Bugamelli: Che delizia la panna!!!

Giovedì con Stefano Bugamelli: il vino Torcolato di Breganze

Giovedì con Stefano Bugamelli: Fiere e parcheggi di Bologna, qualcosa non va

Giovedì con Stefano Bugamelli: Apicoltori e Agricoltori per la salvaguardia dell’ambiente e della qualità

Giovedì con Stefano Bugamelli: La Chiesa ha un nuovo Sommelier, Papa Bergoglio

Giovedì con Stefano Bugamelli: Test positivo per il Pignoletto, vino dell'Emilia Romagna

L’altra Venezia: Laguna Veneta e Cavallino

Giovedì con Stefano Bugamelli: La Spergola, vitigno autoctono di Scandiano

Giovedì con Stefano Bugamelli: Il professore di Bologna ci ha lasciati

Giovedì con Stefano Bugamelli: il Pignoletto, Vitigno e Vino autoctono dal successo assicurato

Giovedì con Stefano Bugamelli: lo stress della Vite fa bene al Vino

Giovedì con Stefano Bugamelli: la carne equina, buona e discussa

Giovedì con Stefano Bugamelli: Stile Mediterraneo con i vini autoctoni di Emilia Romagna, Bulgaria e Grecia

Giovedì con Stefano Bugamelli: La Bottarga specialità della gastronomia sarda

Giovedì con Stefano Bugamelli: Albana Dèi, la storia di un grande e antico vitigno prosegue

Giovedì con Stefano Bugamelli: Storie di mare e di montagna al SANA 2014 a Bologna

Giovedì con Stefano Bugamelli: La Melagrana, frutto funzionale per la salute della persona

Giovedì con Stefano Bugamelli: Il Peperoncino, la spezia più amata

Giovedì con Stefano Bugamelli: il Made in Italy è stile, gusto e tecnologia; ecco Fructae

Giovedì con Stefano Bugamelli: Il Noce, pianta per rinnovare l'agricoltura

Giovedì con Stefano Bugamelli: Sono troppo grassi i bambini italiani