“Alla scoperta del tartufo”: un manuale realizzato da Slow Food, Ente Fiera Internazionale del Tartufo bianco d’Alba e Centro Studi Tartufo


Slow Food Editore


di ANDREA DI BELLA

 

La presentazione del libro "Alla scoperta del tartufo", realizzato da Slow Food Editore, con la collaborazione dell'Ente Fiera Internazionale del Tartufo bianco d’Alba e del Centro Nazionale Studi Tartufo, è stata l’occasione per presentare l'iniziativa “Bianco fino a Natale”, a novembre e dicembre con i ristoranti di Langhe, Monferrato e Roero. Cene esclusive al profumo di Tartufo Bianco d'Alba con i migliori chef stellati, fino a Natale.


Sono intervenuti, a Torino, presso la sede della Regione Piemonte, Alberto Cirio, Assessore al Turismo ed alla Tartuficoltura della Regione Piemonte, Mauro Carbone, Direttore Associazione per il Centro Nazionale Studi Tartufo, Antonio Degiacomi, Presidente Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, Marco Bolasco, Direttore editoriale di Slow Food editore, Elisabetta Grasso, Responsabile Consorzio Turistico Alba Bra Langhe e Roero.



Nella presentazione dell’incontro il presidente Degiacomi ha sottolineato come "il manuale edito da Slow Food coglie tutti gli aspetti che circondano il Tuber magnatum Pico. Un libro da leggere con interesse, in tutto il territorio nazionale, per la ricchezza di informazioni e la completezza degli argomenti affrontati”.


E ha affermato come "attorno al Tartufo Bianco si è sviluppato un vero e proprio distretto, assieme al prestigio dei grandi vini di Langa e Roero, della cucina e del turismo internazionale”.


 

Marco Bolasco conferma che "il tartufo rappresenta questo territorio e lo stretto legame con la terra. Il libro è un manuale snello, agile, facilmente comprensibile, chiaro, a partire dalla copertina. Economico (solo 12 euro). Un libro che entra nella storia, nel territorio, nella cucina: dall’ambiente alla cerca, storie di piante, uomini e cani. L’universo sensoriale: come sceglierlo, come degustarlo, dove comprarlo e come conservarlo. Verità e menzogne sul Bianco pregiato. Non mancano gli itinerari sulle strade del tartufo e alcune ricette tradizionali e creative di chef di prim’ordine come Ugo Alciati, Enrico Crippa, Maurilio Garola, Elide Mollo e Davide Palluda.


“La gente deve capire, saperne di più e il tartufo deve essere trattato con cura, non si può sbagliare!”, afferma il direttore di Slow Food Editore.


L’assessore Cirio non ha nascosto la sua personale emozione, essendo nato ad Alba, cresciuto tra il profumo di tartufo e l’odore del vino. Ha difeso le tartufaie, “non bisogna togliere la loro casa (il bosco)”. E ha sottolineato come “la filiera del tartufo coinvolge il 70% di presenze straniere sul territorio”.


Si sono, quindi, succeduti gli interventi dei vari partecipanti che hanno confermato l’importanza che riveste per il territorio albese e non solo la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba.

 

Quest’anno i Truffle Lovers sono giunti numerosissimi dal Nord Europa, dall’America, Australia, Brasile, Russia. Il territorio di Alba Bra Langhe Roero vanta un’ospitalità di eccellenza.

 

“Un grande senso dell’accoglienza, tante esperienze da raccontare, umane e sociali”, afferma l’assessore Farinetti.

 

Diciotto ristoranti stellati Michelin (1 con tre stelle e uno con 2 stelle), centosettanta tra ristoranti e osterie segnalati sulle migliori guide enogastronomiche, un ristorante 3 stelle, il “Piazza Duomo” di Alba con lo chef Enrico Crippa. Con una cucina rispettosa del territorio, delle tradizioni, con sapori e aromi antichi, il comprensorio della provincia di Cuneo, accoglie turisti da tutto il mondo, in costante crescita negli ultimi anni. Un segnale positivo della cooperazione all’interno dei territori e tra i territori.

 

“… smettiamo di inventarci nuovi sistemi per conservarlo in modo da poterlo esportare in tutto il mondo. Il poco che c’è, gli amanti del buon cibo vengano a mangiarlo qui, fresco, fragrante e profumato”. Queste, tra le altre, le affermazioni sempre chiare e decise di Carlin Petrini, fondatore di Slow Food, nella presentazione. E chi può dargli torto!

 

“Alla scoperta del tartufo” – Slow Food Editore – Prezzo: € 12,00



di Andrea Di Bella