Italia Buona: I Sospiri di Ozieri (Sassari)


Italia Buona


Ozieri è un paese di circa dodicimila abitanti proprio al centro della parte settentrionale della Sardegna, famoso non solo sull’isola, per i nuraghe presenti sul suo territorio, ma soprattutto per il suo dolce più caratteristico: i “Sospiri” di Ozieri, appunto.

 

I “Sospiri” sono biscotti a base di mandorle, miele e zucchero, con un lieve profumo di limone, ricoperti di glassa bianca; questo particolare dolce veniva preparato in casa in occasioni di ricorrenze importanti come la nascita di un bambino, l’annuncio di un fidanzamento, un matrimonio.

 

La ricetta dei Sospiri di Ozieri è di origine ottocentesca e nel corso del tempo ha probabilmente subito qualche variazione; un tempo li si preparava nelle case del paese, come si fa ancora oggi, anche se i forni e le pasticcerie locali si sono specializzate e ne sfornano in abbondanza commercializzandoli un po’ dappertutto in Sardegna; sono tantissimi anche i turisti che non ripartono dal centro del Logudoro senza una confezione di Sospiri.


 

Farli non è difficile, ma farli come quelli di Ozieri è tutt'altra faccenda; si devono mettere in un tegame l’acqua, lo zucchero, il miele e le scorze di limone grattuggiate, portando a ebollizione; poi si aggiungono le mandorle tritate e si prosegue la cottura ancora per circa dieci minuti circa.

 

Una volta cotto, l’impasto va versato nella “tudinera”, un grande contenitore di terracotta, tipico del luogo, fino a che non si raffredda, poi lo si stende facendo una sfoglia di circa un centimetro e mezzo di spessore, dalla quale si ricavano dei dischetti di due o tre centimetri di diametro.

 

La ricetta più antica prevedeva che a questo punto il Sospiro venisse messo in forno e cotto per farlo seccare, come fosse un biscotto, prima di passarlo nella glassa, in modo da poterlo mantenere più a lungo; quella più moderna prevede invece che il dolce venga messo in forno per pochi minuti solo per asciugarlo.

 

Una volta tolto dal forno, il Sospiro viene glassato, rendendolo esternamente candido come la neve e internamente formato da pasta di mandorle morbida e umida.


A Ozieri si dice che il Sospiro sia il dolce degli innamorati perché l’amore, si sa, fa sospirare; nel paese sardo ogni pasticceria ha la propria ricetta; ad esempio ne esiste una versione moderna avvolta nel cioccolato e aromatizzata al liquore di mirto; alcune pasticcerie li vendono sfusi; c’è chi, invece, avvolge i Sospiri uno ad uno in una carta colorata, come fosse una caramella.



di Redazione 35




Non dimenticare di guardare anche...

Italia Buona: Il Maiorchino di Novara di Sicilia (Messina)

Italia Buona: Lo Sprusciat di Castel del Giudice (Isernia)

Italia Buona: Il Gattò Aretino (Arezzo)

Italia Buona: Sa Coccoi Prena (Ogliastra)

Italia Buona: Le Fragole di Maletto (Catania)

Italia Buona: Il Paddaccio del Pollino (Potenza)

Italia Buona: I Magenzucker altoatesini (Bolzano)

Italia Buona: Funghi: varietà e ricette

Italia Buona: I Murzitti di Subiaco (Roma)

Italia Buona: La Speuta, il farro maggiore dell’Irpinia (Avellino)

Italia Buona: I Marubini di Casteldidone (Cremona)

Italia Buona: Il Salame di Frattula (Ancona)

Italia Buona: La Colatura Tradizionale di Alici di Cetara (Salerno)

Italia Buona: Gli Asparagi di Zambana (Trento)

Italia Buona: La Spongata di Brescello (Reggio Emilia)

Italia Buona: Il Culatello di Zibello, il Re dei Salumi (Parma)

Italia Buona: Le pesche nettarine di Romagna

Italia Buona: Il formaggio Morlacco del Monte Grappa (Vicenza)

Italia Buona: I Barbagiuai di Ventimiglia (Imperia)

Italia Buona: Il pane di Laterza (Taranto)

Italia Buona: La Sopressa vicentina (Vicenza)

Italia Buona: La Miascia (Lecco)

Italia Buona: La Cotognata (Siracusa)

Italia Buona: L’Aglio Bianco Polesano (Rovigo)

Italia Buona: Il Formaggio Acceglio (Cuneo)

Italia Buona: I “Sospiri” di Bisceglie (Barletta-Andria-Trani)

Italia Buona: il Montebore della Val Borbera (Alessandria)

Italia Buona: I Salavatici di 
Roviano 
(Roma)

Italia Buona: Il Tortiglione di Penna in Teverina (Terni)

Italia Buona: Le Ciuighe (Trento)

Italia Buona: La Cipolla di Sermide (Mantova)

Italia Buona: La Panicella di Splerlonga (Latina)

Italia Buona: La Cipolla Ramata di Montoro (Avellino)