I Pistacchi





Il Pistacchio è una pianta orginaria dell'Asia Minore, diffusa in Siria, Iran, Turchia, Grecia, introdotta dagli Arabi in occidente, si trova anche in cina e recentemente è stato esportato anche negli Stati Uniti, soprattutto in California; in Italia viene coltivata quasi esclusivamente in Sicilia dove viene coltivato a un'altitudine variabile dai 300 ai 750 metri slm; quello di Bronte è famoso nel mondo.

 

Pianta di media altezza, sui 4-5 metri, che può comunque raggiungere anche gli 8-10-12, il Pistacchio comune è rappresentato dal “Pistacia Vera”, quello coltivato per i suoi semi, mentre le specie Terebinto e Lentisco sono usati come portainnesto.


La pianta del Pistacchio, che fiorisce in primavera, è dotata di un’ampia e folta chioma, ha una corteccia di color grigio cenere, con un legno duro e pesante, giallo intenso nelle piante giovani e rosso bruno in quelle adulte; può raggiungere anche i 300 anni d’età.



Il frutto è una drupa, una piccola nocciolina ovale con mallo sottile, composta da due valve giallo crema che contengono il seme allungato, di colore verde chiaro, ricoperto da una buccia viola, ricco di olio e proteine, sali minerali e vitamine.

 

In ambito alimentare i pistacchi vengono utilizzati al naturale, sgusciati e pelati, spesso tostati e salati; in pasticceria trovano il loro uso nella preparazione di creme, gelati, torroni, bevande e vengono aggiunti anche in certi salumi come la mortadella di Bologna o come condimenti per primi e secondi piatti.

 

pistacchio-verde-Bronte

 

I pistacchi al naturale sono un alimento povero di sodio e colesterolo, ricco di Vitamina B6, tiamina, niacina, rame, potassio, ferro, manganese e fosforo; trattandosi di un seme ad elevato contenuto lipidico, l'apporto energetico è molto alto, addirittura superiore a quello di molti dolciumi, salumi ed insaccati grassi.


I grassi contenuti nei pistacchi sono in parte mono e polinsatruri e aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo LDL, anche se vanno consumati con moderazione da chi ha problemi con diabete, trigliceridi elevati, obesità, disordini epatici o ipertensione.

 

Nei semi del pistacchio sono presenti anche due carotenoidi, la luteina e la zeaxantina, abbastanza rari nella frutta secca che li rende un alimento utile per la protezione della vista e degli occhi dall'azione dei radicali liberi. contribuendo alla riduzione del rischio di degenerazione maculare causata dall'avanzamento dell'età.



di Redazione 35