La Banana





La banana è il frutto dolce che piace moltissimo sia ai bambini che agli adulti, che deriva da quella che è la pianta erbacea più grande dotata di fiore.

 

Generalmente alti e robusti, i banani hanno dei fusti che crescono fino a sei o sette metri, che producono un singolo casco di banane; dopo la fruttificazione il fusto muore facendo comunque sviluppare dei polloni laterali.

 

Le sue foglie sono disposte a spirale e possono crescere fino a due metri e mezzo di lunghezza e 60 centimetri di larghezza, autentiche “vele” facili preda dei venti che le lacerano lasciandole spesso rotte o sfrangiate.

 

I frutti di banana si sviluppano dal cuore di banana, in una grande massa pendula, fatto di file di frutti chiamate “mani”; il gruppo di banane, che maturano con il fiore rivolto verso l'alto, è nota come casco, e può pesare anche una cinquantina di chili.


 

All’esterno di ciascuna banana c'è una buccia protettiva con numerosi fili sottilissimi che corrono lungo tutta la lunghezza tra la buccia e la polpa.

 

La banana, è dolce e particolarmente ricca di potassio e di calorie; uno dei suoi effetti sul corpo umano è di combattere il colesterolo, migliorare la circolazione sanguigna e avere un affetto calmante e di sazietà.

 

Il fatto di essere dolce ed abbastanza calorica, ma non più di altre varietà di frutta, l’ha portata ad essere esclusa da chi è sottoposto ad una dieta ipocalorica; la sua polpa ricca di vitamine A, B1, B2, C, PP e poca E, fosforo, ferro e potassio, zuccheri e carboidrati, ha inoltre anche proprietà nutrienti e rimineralizzanti.


I circa 15 grammi per etto di carboidrati, una parte dei quali sono costituiti da amido gelatinizzato, poco digeribile, che funzione nel nostro intestino come fosse una fibra, danno quel senso di sazietà che la rendono indicata in qualsiasi dieta.

 

banane

 

La banana è nota soprattutto per il suo elevato contenuto di potassio, utile per il funzionamento del sistema cardiovascolare e il controllo della pressione sanguigna; contiene anche la vitamina B6, che favorisce il metabolismo delle proteine.


Il sapore e la struttura di molti tipi di banane sono influenzati dalla temperatura a cui maturano, e dal grado di maturazione: i frutti fatti maturare per più tempo e a temperature maggiori avranno minore consistenza e saranno più dolci rispetto a quelli più acerbi e cresciuti in ambiente più rigido o ventilato, che saranno quindi meno saporiti.

 

Il livello di maturazione è visibile sia dal colore della polpa che della buccia, che tendente al verde nelle banane acerbe, al giallo scuro con piccole chiazze marroni in quelle molto mature, al giallo acceso in quelle al giusto punto di maturazione.

 

Le banane, coltivate prevalentemente nell’emisfero meridionale, maturano generalmente nella stagione primaverile/estiva e continua a farlo anche dopo essere stato colto dalla pianta.

 

In cucina, soprattutto in pasticceria e gelateria, la banana viene usata in molte ricette; viene anche essiccata per farne dei dischetti secchi molto gustosi, dal sapore tipico e intenso; in alcuni paesi asiatici si usano anche i fiori del banano crudi o cotti ed anche il cuore tenero del tronco della pianta.

 

Talvolta le banane sono usate per produrre marmellate e solo di recente si è riusciti a produrre con la sua polpa anche succhi e spremute, mentre nei paesi del centr’Africa viene usata per fare una bevanda alcolica chiamata “Kasiksi”.



di Redazione 35