Il Mango





Il Mango, il cui nome scientifico è Mangifera indica che appartiene alla famiglia delle Anacardiaceae, è una pianta di origine indiana che produce grandi frutti ovoidali.


 

Oggi viene coltivato in quasi tutti i paesi tropicali e sub tropicali tanto che le stagioni di raccolta nei vari paesi si susseguono permettendo al frutto di essere presente sui mercati di tutto il mondo per tutto l'anno.


L'albero del mango è un sempreverde con molti rami, una folta chioma ed un’altezza che può raggiungere anche 35-40 metri; il suo legno è duro e ruvido, di color rosso; le sue foglie sono alternate, lunghe 15-35 centimetri e larghe da 6 a 16; quando sono giovani hanno un colore variabile dal rosa all’arancio al rosso vinaccia per diventare verdi quando sono mature.

 

fiori sono bianco rosati, raccolti in pannocchie di varie lunghezze, con un odore che ricorda il mughetto; pochissimi di loro riusciranno a sviluppare il frutto, il quale richiede da tre a sei mesi per maturare, a seconda delle varietà.


 

Il frutto di mango ha una forma ovoidale, con una polpa gialla/arancio, compatta, molto profumata, dolce e gustosa; la sua buccia ha tonalità verde, gialla o rossa, anche mescolate tra loro.

 

Manghi-orientali

 

Si trovano generalmente in commercio due varietà di mango, quella filippina-indonesiana, detta anche Camboya, con forma più allungata e colore giallo-verde, più dolce e meno fibrosa e quella indiana, detta anche Mulgoba, più facilmente ritrovabile nei mercati europei, con forma più grossa e compatta di colore variabile dal verde al rosso fino al viola.


Non dev’essere conservato in frigorifero, dove perde le sue qualità organolettiche, e va consumato al naturale, come sorbetto, nelle macedonie, come guarnizione di torte alla frutta; è anche uno dei componenti del chutney, un condimento molto ricco usato in India per accompagnare la carne.

 

Il frutto maturo è anche aggiunto a prodotti come il muesli ma anche per fare succhi, nettari, e per dare sapore o essere il principale ingrediente di gelati e sorbetti.

 

Il gusto del mango varia a seconda della varietà; in alcune è inizialmente molto dolce, diventando poi acidulo, aromatico, fresco ed esotico; in altre varietà invece si percepisce un forte e caratteristico odore di trementina.


Alcune coltivazioni di mango si trovano anche in Sicilia ed in Calabria, con una produzione abbastanza limitata ma di altissima qualità.

 

Il mango, che rappresenta circa la metà della produzione complessiva mondiale di frutta tropicale, è un frutto particolarmente ricco di nutrienti, come fibre, vitamine, polifenoli e carotenoidi ed altri elementi come potassio, rame, aminoacidi, omega 3 e acidi grassi.



di Redazione 35