Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/customer/www/mondodelgusto.com/public_html/index.php on line 83

Deprecated: Function ereg() is deprecated in /home/customer/www/mondodelgusto.com/public_html/index.php on line 33

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/customer/www/mondodelgusto.com/public_html/index.php:83) in /home/customer/www/mondodelgusto.com/public_html/index.php on line 193
Martedì con lo Chef: Intervista a Danilo Cadeddu


Martedì con lo Chef: Intervista a Danilo Cadeddu


Livia Elena Laurentino


Di Livia Elena Laurentino -

 

Danilo Cadeddu è un giovane chef, di soli 26 anni, ma con tanta voglia di realizzarsi e di grande intraprendenza. La sua carriera lavorativa è iniziata di recente, infatti, risale all’estate del 2006 il suo primo ingaggio, dopo aver completato gli studi. Il battesimo in cucina avviene presso l’Ala Birdi, un villaggio turistico ad Arborea, dove ha iniziato da gradino più basso, come il lavapiatti, ma proprio lì con l’esperienza sul campo, ha capito che, con la passione e l’impegno, avrebbe potuto cambiare il suo ruolo nell’ambito del mondo della ristorazione.


L'estate seguente nel 2007 lo stesso chef, con il quale aveva lavorato fino a quel momento, decide di dargli un’opportunità e Danilo lo segue a Santa Teresa di Gallura al "Borgo Saraceno" hotel 4 stelle, dove a poco a poco è stato iniziato ai segreti della cucina, è durante questa esperienza che Danilo ha deciso che diventare chef sarebbe stato il suo obiettivo.


All’inizio del 2008, in gennaio, viene assunto da Patrizia, la sua maestra nonché titolare, dell’omonimo ristorante a Is Arenas. E’ proprio qui che ha la scuola più importante, inizia la sua crescita sia al livello professionale che personale e il tutto avviene in maniera esponenziale.
 

Nel marzo del 2013 viene promosso Chef del ristorante " Da Patrizia”. Il ristorante "Da Patrizia" è situato nella struttura del Golf Club Is Arenas a Narbolia (OR) tel.+39 334 3358422.


Sei giovanissimo, perché hai deciso di intraprendere questa professione?


Ho cominciato per necessità, mentre andavo a scuola, l’inverno studiavo e durante l’estete mi trovavo sempre un lavoro per impiegare il tempo. Poi l’esperienza scolastica non è stata delle migliori così non ho proseguito e ho deciso che questo mondo poteva appartenermi. La passione è stata la spinta più importante.


Poiché lei è così giovane credo che non abbia ancora avuto opportunità lavorative al di fuori della Sardegna …


Quella in corso è la settima stagione di lavoro che faccio, al momento credo che sia importante per me consolidare le basi e le conoscenze che ho acquisito, mettendole in pratica con il lavoro e soprattutto con l’affiancamento a colleghi che possono trasferirmi la propria esperienza.


Lei guarda le molte trasmissioni che ci sono in televisione in questo periodo? Crede che si possano imparare anche dalla tv i segreti degli chef stellati?


Devo premettere che io non guardo molto la televisione, se a volte casualmente mi capita, devo confessare che sono un po’ scettico. Credo che sia abbastanza lontano dalla realtà, forse ci sono ristoranti in cui si lavora in quel modo, ma io ho i miei dubbi, sarà tutto in funzione dello spettacolo, se penso alle urla che fa lo chef Ramsey …


Chi assaggia la cucina della Sardegna che cosa trova?


Questa è una regione molto singolare, secondo le zone si trovano dei microclimi che conferiscono alla cucina profumi e aromi unici. Avere sia il mare che la montagna dà alla cucina un tocco particolare, e soprattutto difficile da replicare altrove. E’ una cucina molto legata alla tradizione, ch si tramanda di madre in figlia, e pensi che quasi ogni paese, qui ha il suo piatto tipico.


Nel tuo menù prediligi più i piatti di terra o di mare?


In questo contesto il menù è composto per l’80 % da piatti di mare, lavoriamo il pesce perché siamo a 40 Km dalla laguna di Marceddì (zona molto pescosa a sud del Golfo di Oristano n.d.r.), lì vengono pescate molte varietà dalle arselle alle cozze, dalle spigole alle anguille.


Una peculiarità della tua cucina?


Lavoriamo molto sulla stagionalità quindi soprattutto d’estate le verdure hanno un posto importante, mentre l’inverno la nostra specialità sono i carciofi, che qui hanno una stagione molto lunga da settembre a marzo.


La vostra una cucina rispecchia più lai tradizione o è innovativa?


Sicuramente è più basata sulla tradizione, ad esempio facciamo gli Gnocchetti alla campidanese, preparati con il ragù di maiale e le spezie. Alcuni piatti li facciamo anche a richiesta del cliente, avendo anche un turismo internazionale. Pensi che il nostro menù ha trenta piatti solo di pesce.


Sardegna per sempre?


No assolutamente, credo che per la mia formazione professionale sia importante andare all’estero e quindi cercherò di imparare cucine diverse come quella messicana o giapponese, quindi credo che l’Inghilterra sarà la prossima meta, lì la moltitudine delle etnie mi darà questa opportunità.
 




di Redazione 4




Non dimenticare di guardare anche...

Martedì con lo Chef: Tranci di Rana pescatrice alla Vernaccia e Pomodoro Pachino di Danilo Cadeddu

Martedì con lo Chef: Intervista a Franco Aliberti

Martedì con lo Chef: Fregula sarda con moscardini e pomodori datterino di Danilo Cadeddu

Martedì con lo Chef: Orecchiette, ricotta al profumo di agrumi e pomodorini semicanditi di Maria Cicorella

Martedì con lo Chef: Agnello con frutta secca e melograno di Alessandro Circiello

Martedì con lo Chef: Pasta e patate scarto zero di Franco Aliberti

Martedì con lo Chef: Intervista a Claudio Sordi

Martedì con lo Chef: Guancetta di vitello su verdura estiva e purea di piselli di Herbert Hintner

Martedì con lo Chef: Intervista a Giorgio Damini

Martedì con lo Chef: Intervista a Massimo Bottura

Martedì con lo Chef: Flan alle erbe spontanee di Franca Merz

Martedì con lo Chef: Rufioi di Franca Merz

Martedì con lo Chef: Pasticcio di cozze di Arcadia Bertaggia

Martedì con lo Chef: Intervista a Franca Merz

Martedì con lo Chef: I Bigoli con il ragù di vongole di Arcadia Bertaggia

Martedì con lo Chef: Torta di mele a scarto zero di Franco Aliberti

Martedì con lo Chef: Parmigiana di melanzane con pomodori gialli di Giorgio Damini

Martedì con lo Chef: Carbonara di mare di Annalisa Lisci

Martedì con lo Chef: Intervista a Herbert Hintner

Martedì con lo Chef: Intervista ad Annalisa Lisci

Martedì con lo Chef: Caponata di verdure con pesto leggero al basilico di Alessandro Circiello

Martedì con lo Chef: Battuta Damini-Limousine con insalata di anguria, capperi e pane croccante di Giorgio Damini

Martedì con lo Chef: Sfera di uova contadine alla palamita mediterranea, vongole pomodorini e cicoria di Claudio Sordi

Martedì con lo Chef: Intervista a Lucia Antonelli

Martedì con lo Chef: Intervista ad Alessandro Circiello

Martedì con lo Chef: Intervista a Maria Cicorella

Martedì con lo Chef: Insalata dell'Amore di Gisella Isidori

Martedì con lo Chef: Spaghetti trafilati al bronzo, aglio di Cervia, mosto d'olio e peperoncino ligure con crudaiola di tonno di Claudio Sordi

Martedì con lo Chef: Cinghiale Marinato “Capocchia” di Lucia Antonelli

Martedì con lo Chef: Salmerino alpino al verde di Andrea Costantini

Martedì con lo Chef: Intervista ad Arcadia Bertaggia

Martedì con lo Chef: Scorfano con patate di Annalisa Lisci

Martedì con lo Chef: Intervista ad Andrea Costantini

Martedì con lo Chef: Tortellini in crema densa di Parmigiano Reggiano di Massimo Bottura