Agroecologia, sinergia tra agricoltura e ricerca: il cibo come patrimonio di conoscenze e dell’umanità per cambiare il mondo, all’UNISG di Pollenzo


Slow Food


di: ANDREA DI BELLA

 

“Coltivare la conoscenza: nuovi paradigmi oltre la crisi” è il titolo della Conferenza che si è tenuta questa mattina presso l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.
Sono intervenuti Maria Chiara Carrozza, Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Nunzia De Girolamo, Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Piercarlo Grimaldi, Magnifico Rettore dell’UNISG e Carlo Petrini, Presidente dell’UNISG.


Un interessante dibattito per discutere le prospettive e i nuovi paradigmi per riformare il nostro Paese e uscire dalla crisi.


Il Rettore ha sottolineato l’importanza dell’incontro, affermando quanto sia strategico questo progetto non solo per l’Ateneo ma per il Paese.


 

Conferenza - Foto Andrea Di Bella 

“Coltivare la conoscenza: nuovi paradigmi oltre la crisi, sostiene il Rettore, significa guardare al Paese sotto una nuova prospettiva alla luce dell’alleanza tra il mondo della ricerca e quello dell’agricoltura: due settori che giocano un ruolo risolutivo, fondamentale per interpretare e fornire sviluppo al presente e al futuro della Nazione, nella prospettiva di superare la profonda crisi che si sta vivendo”.

 

“Il nostro Paese potrà risorgere dalla crisi se saprà ritrovare le competenze alla base della nostra storia: ecco quindi che la cultura del cibo non potrà che riaffermarsi come importante risorsa per la nazione, dove innovazione e tradizione saranno i pilastri di un nuovo modello di sviluppo e di crescita. Ed è proprio a Pollenzo che nasce un nuovo modo di pensare il cibo”, conclude il Rettore Piercarlo Grimaldi.


Il Ministro dell’Istruzione Carrozza ha elogiato l’innovazione e la creatività che contraddistinguono l’UNISG, la coesione territoriale, definendola “un esempio virtuoso per la crescita culturale del territorio. Una grande capacità dell’Ateneo di far sentire tutti partecipi del progetto culturale”.


Un intervento molto concreto, nel quale il Ministro Carrozza ha espresso vivo sostegno agli studenti, spesso in fondo alle aule ma al primo posto nei suoi programmi: “Voglio sottolineare il valore sociale e simbolico di quanto si fa in questa comunità, che ha la sua forza nel senso di appartenenza a un progetto culturale al servizio della collettività. Le Scienze Gastronomiche devono avere la loro dignità. La sfida dei nuovi saperi deve essere la sfida di tutto il nostro sistema di istruzione superiore”.

 

Maria Chiara Carrozza - Foto Andrea Di Bella  

"Starò vicina a Pollenzo, ribadisce il Ministro: qui l’Università raccoglie uno dei grandi interessi dei giovani, il rispetto dell’Ambiente; l’UNISG è in linea con l’aspirazione dei nostri giovani“. Conclude il suo intervento con “un grosso rimpianto, quello di non avere studiato, nel corso degli studi, il senso del gusto!”.


L’intervento successivo è di Nunzia De Girolamo, che elogia innanzitutto la passione e l’amore di Carlo Petrini per l’Università di Scienze Gastronomiche.


La nostra è un’epoca difficile, in cui tutto sembra aver perso il senso. Viviamo sotto la pressione di un’economia finanziaria che soffre di gigantismo, ma allo stesso tempo ci rendiamo conto ogni giorno di più che questo enorme edificio ha fondamenta fragili” dice il Ministro De Girolamo “tutti sono alla ricerca di una soluzione economica e politica alla crisi che non solo l’Italia sta vivendo. Forse la risposta è sotto i nostri occhi, o meglio, sotto i nostri piedi. La risposta è semplicemente la terra! Con la sua incredibile capacità di fruttificare se curata, accudita e coltivata con conoscenza, che solo gli uomini educati dalla storia e in fondo dalla stessa terra, sono capaci di produrre”.


E conclude gli interventi Carlo Petrini. “Un giorno importante per Pollenzo e spero anche per la politica italiana, perché la collaborazione attiva tra i Ministeri è l’equivalente di ciò che tutte le università del mondo auspicano: la capacità di avere una visione olistica e davvero multidisciplinare”, afferma Petrini, lanciando una nuova sfida ai Ministri: maggiore semplificazione e lotta attiva contro la burocrazia”.

 

Nunzia De Girolamo e Carlo Petrini - Foto Andrea Di Bella

 

“Aver lavorato a compartimenti stagni, nel passato, ha creato difficoltà e contraddizioni. Sono felice di ospitarvi qui”. E si sbizzarrisce nel declinare i concetti di produttività e produttivismo. “ La produttività oggi deve rispettare le risorse della Terra, deve essere buona e durevole nel tempo, sostenibile perché rispetta la natura”.

 

“Bisogna creare produttività per i piccoli produttori, dobbiamo riappropriarci dei saperi dei vecchi contadini, perché ciò è scienza, è storia, perché ha dato da mangiare, per generazioni, al nostro Paese”.

 

Estasiato e deciso, Petrini afferma che “sta nascendo una nuova scuola di pensiero: l’Agroecologia, che si fonda sui saperi tradizionali. Le nuove linee guida dell’UE sposeranno agricoltura e ricerca”.

 

Rivolgendosi, in ultimo, ai giovani studenti dell’Ateneo, conclude Ragazzi, qui dentro abbiamo un solo capitale: siete voi. Tutto il resto non conta niente. Quando lascerete Pollenzo dovete essere pronti a cambiare il mondo, restituendo il vero valore al cibo. Voi siete qui per cambiare il mondo; la nostra missione non sarà compiuta finché ci sarà un solo bambino che soffre la fame: buona fortuna!”. 



di Andrea Di Bella




Non dimenticare di guardare anche...

“Il cibo in Tv è solo diffusa pornografia alimentare”. Così Carlin Petrini alla presentazione del Salone del Gusto e Terra Madre 2014 di Torino

A Geo Magazine i Presìdi Slow Food del Piemonte: protagonisti il Macagn, formaggio di montagna, e i mieli della Val Maira

L’Arca del Gusto passa da Cheese 2013: con Slow Food e i formaggi di tutto il mondo a Bra (Cuneo)

L’Italia ribadisce il suo no agli Ogm ma l’Europa non si schiera: il parere di Slow Food

Seminiamo la Biodiversità: un progetto di Slow Food. Petrini: “Non consegnare a poche multinazionali il controllo sul nostro cibo”

Cheese 2017 compie vent'anni: per vincere la sfida del latte crudo con Slow Food, a Bra (Cuneo)

"Terra Madre Salone del Gusto 2016". Petrini: a settembre a Torino ospitiamo gli intellettuali del cibo!

Slow Food: nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione adottiamo un orto in Africa

Con Slow Food al Salone del Gusto e Terra Madre 2014: dalla “Scuola di Cucina” alla “Fucina di Pane e Pizza”, da “Mixology” ai “Laboratori del Gusto”

Terra Madre Salone del Gusto fuori dal Lingotto: l’edizione 2016 a fine settembre nel cuore di Torino

Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, è Ambasciatore Speciale della FAO in Europa per Fame Zero

Aspettando Cheese: a Bra (Cuneo) si degustano i formaggi del Regno Unito

Un nuovo anno con Slow Food: #PrendiamociGusto

Ecco le ricette dell'Arca del Gusto di Slow Food, in attesa del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: testimonianze di lavoro di migranti nel nostro Paese

Osterie d’Italia 2016: presentata a Cheese la guida del mangiarbere all’italiana di Slow Food

Il modello virtuoso del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino: le ricadute ambientali, sociali ed economiche sul territorio

Aspettando Slow Fish di Genova: aperitivi, tapas e cene a base di pesce per stuzzicare l’appetito, a Torino

Cheese 2015 parte con un rullo di tamburi. Petrini: “Difendere le produzioni locali. No al formaggio col latte in polvere”

Stati Generali delle Comunità dell’Appennino: Slow Food e Terra Madre per progettare la montagna che verrà

“Carlo Petrini”, Slow Food e “Pierre Rabhi”, filosofo francese: parole di Terra da un autentico mondo contadino

Presìdi internazionali Slow Food: le novità del prossimo Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Chiuso a Milano Terra Madre Giovani – We Feed The Planet: Gioia ed emozioni per i Giovani Contadini

10.000 orti in Africa: Slow Food per la Biodiversità e Table for Two firmano un accordo a sostegno del progetto

Slow Food a Vinitaly: Etichetta narrante per l’olio, a tutela dei consumatori e a difesa dei produttori

Partnership tra Slow Food ed Expo 2015: un accordo in nome della biodiversità e della lotta alla malnutrizione

Terra Madre Salone del Gusto di Torino: Storie di legalità dalle filiere virtuose dell'agroalimentare

“Laudato si’”, l’enciclica del Papa vista da Slow Food: “Auguriamo possa segnare la vita politica di molti Governi”

La rivoluzione sostenibile di Terra Madre Salone del Gusto di Torino: un progetto dell’UNISG di Pollenzo

Terra Madre Day 2014: Samantha Cristoforetti festeggia dallo spazio i 25 anni di Slow Food

“Poesia e Utopia vere risorse dell’economia dell’Italia”: così Carlin Petrini apre “Cheese” 2013 a Bra (Cuneo)

Al via Terra Madre Giovani. Petrini: “Voi testimoni che questa idea andrà avanti per tanto, tanto tempo”

Rai 2, Università di Scienze Gastronomiche e Slow Food presentano “Signori del vino”: torna in TV la cultura del vino

Alice Waters, Slow Food Internazionale: “Cibo industriale e fast food affronto alla democrazia”

Presentata a Montecatini Terme Slow Wine 2017: la guida alle storie di vita, vigne, vini in Italia. Un manifesto politico

“Raccogliamo i frutti di un’avventura che ha attraversato gli oceani” così Carlin Petrini presenta Terra Madre Salone del Gusto 2016 a Torino

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: ultime novità da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino

Slow Food a Vinitaly 2017 per raccontare, conoscere, bere il vino “buono pulito e giusto”

"Slow Food Day" per spegnere le 30 candeline del movimento: festa in tutte le piazze d’Italia!

Terra Madre Salone del Gusto 2016: l'impatto economico porta 28-38 mln di Euro a Torino. Le ricadute sulla città

Slow Food lancia una grande campagna internazionale per difendere la Biodiversità del Pianeta

“Cheese 2013” chiude con la laurea honoris causa a Ermanno Olmi: successo e speranze per una nuova economia contadina

Il film “Domani” disponibile in DVD e Blu Ray, con il patrocinio di Slow Food Italia

A Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino ha vinto la partecipazione: condivisione culturale, sociale e politica

Taglio del nastro e via a Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino. Le foto del primo giorno

28 Ministri dell’Agricoltura dell’UE incontrano i prodotti dei Presìdi o dell’Arca del Gusto di Slow Food, all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo-Bra (Cuneo)

Terra Madre Giovani: 2500 contadini da 120 Paesi del mondo a Milano per discutere il futuro del cibo

Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino: già 1000 posti letto messi a disposizione dalle famiglie piemontesi

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: Slow Food punta sull’agricoltura familiare

Perché visitare “Terra Madre Salone del Gusto” di Torino

Slow Food: Urgente dotare il Paese di una legge efficace sul consumo di suolo

Terra Madre Giovani: le voci di Serge Latouche, Nicola Gratteri, Don Luigi Ciotti e Gaetano Pascale

Fermati da Stratta e… bevi un “Caffè selvatico della foresta di Harenna”, Presidio Slow Food, giovedì 25 settembre 2014 a Torino