Il pesce persico, o persico reale





Tra i pesci che caratterizzano le acque dolci dei laghi italiani, il Pesce Persico è sicuramente tra quelli prediletti dai pescatori, in quanto, pur di non grandi dimensioni, ha abitudini piuttosto “sedentarie” ed non è particolarmente difficile prenderlo all’amo.

 

Originario dell'Europa centro-settentrionale e diffuso anche in Asia del Nord, in Siberia, in Australia e in Sudafrica, nel nostro paese è presente soprattutto nelle zone del centro-sud, nei laghi di Bolsena, di Vico e di Bracciano, ma anche nei grandi laghi lombardi, di Como, Iseo, Garda e Maggiore, in acque calme e non troppo fredde.

 

Si tratta di un pesce piccolo e tozzo, con una lunghezza sui trenta centimetri ed un peso che non supera i quattro chili; si presenta con striature marroni verticali e pinne aranciate; ha l’abilità di cambiare colore per mimetizzarsi ma rimane comunque facilmente riconoscibile.


 

Il pesce persico, chiamato anche “persico reale” è uno dei pesci più pescati, sia nella pesca professionale, con apposite reti, che in quella amatoriale, con la canna da pesca, soprattutto in quanto tale pesce è molto utilizzato nella cucina di tutto il mondo.

 

Viene spesso cresciuto anche in allevamenti professionali, in normali vasche d’acqua dolce, prevalentemente venduto ad uso gastronomico; nei paesi scandinavi il Persico rappresenta un piatto tipico della cucina locale.


Le carni del pesce persico sono molto pregiate, magre e facilmente digeribili; contengono molti sali minerali e sono ipocaloriche, con sole 75 kcal/hg.

 

pesce-persico

 

Di solito viene preparato e commercializzato in filetti ed ha un colore quasi bianco tendente al rosa, con una carne soda, compatta e brillante.

 

Uno dei piatti più caratteristici che lo vedono protagonista è il risotto tipico del territorio lombardo e piemontese; in altre parti d’Italia, soprattutto nelle zone che circondano i laghi, viene servito anche fritto, prevalentemente in filetti, oppure cucinato intero alla brace o al forno, con i pomodorini.


Nelle zone del Lago di Garda viene cucinato con una salsa a base di aglio, olio, sale, limone e prezzemolo.



di Redazione 35