Italia Buona: I Marubini di Casteldidone (Cremona)


Italia Buona


La gastronomia cremonese è caratterizzata da un consistente numero di piatti tipicamente locali, legati al suo territorio; uno di questi è rappresentato dai marubini in brodo, che sono indubbiamente il piatto principe tra i primi piatti della zona, amatissimi perchè si ricollegano alle feste in famiglia, al Natale, a pranzi o cene importanti.

 

Secondo la tradizione questo piatto risale al ‘400, quando il signore di Cremona, Cabrino Fondulo, invitò in città il Papa e l’imperatore Sigismondo di Lussemburgo, con l’intento di scaraventarli dal Torrazzo; durante un banchetto, fece servire ai due illustri ospiti uno straordinario piatto in brodo, i Marubini di Mubone, e che il ringraziamento spassionato per quel piatto regale fece recedere il despota dal suo proposito.

 

Si tratta di una pasta compatta di forma tondeggiante, anche se qualcuno la prepara anche quadrata o a mezzaluna, ripieno con carni di tre tipi diverse e che viene cotta nel brodo preparato con le stesse tre carni.


 

La carne bovina va fatta marinare con le verdure per una decina di ore nel vino rosso, prima di essere lessata; quella di vitello, invece, va arrostita in padella con olio e burro, profumandola con salvia e rosmarino; in un altro tegame va invece cotta la carne di maiale, con una spruzzata di vino bianco; una volta raffreddata, la carne dev’essere macinata.

 

C’è anche chi sostituisce la carne di maiale, che insaporisce maggiormente il “compenso” del ripieno, con quella di pollo, che lo rende invece più delicato.


Per fare la pasta si deve lavorare la farina di grano duro e grano tenero, con uova, olio extravergine di oliva per circa un quarto d’ora, poi si stende l’impasto fino ad ottenere uno strato sottile e realizzare dei piccoli quadrati o tondi della dimensione di una castagna, da riempire con la carne macinata.

 

Per il brodo si usa quello di cottura delle carni con l’aggiunta di verdure, aromi, aglio e chiodi di garofano, carne di gallina o cappone, manzo e maiale, che può essere anche sostituita dal tipico salame da pentola.

 

Una volta portato ad ebollizione il brodo, vi si versano i Marubini e quando sono pronti, si versano nelle fondine con il loro brodo di cottura, con una spolverata di grana; un’altra versione prevede che che possano anche essere conditi con burro fuso, salvia e formaggio grana grattugiato.


I Marubini rappresentano un piatto caratteristico non solo cremonese, ma di tutto il territorio provinciale e oltre e la ricetta subisce piccole variazioni da un paese all’altro.

 

A Casteldidone a fine Agosto si tiene annualmente una frequentatissima Sagra del Marubino, con il piatto cremonese presentato in molti modi, assieme a tanti altri prodotti tipici locali.



di Redazione 35




Non dimenticare di guardare anche...

Italia Buona: Il Paddaccio del Pollino (Potenza)

Italia Buona: Il Maiorchino di Novara di Sicilia (Messina)

Italia Buona: I “Sospiri” di Bisceglie (Barletta-Andria-Trani)

Italia Buona: Gli Asparagi di Zambana (Trento)

Italia Buona: Il Salame di Frattula (Ancona)

Italia Buona: La Speuta, il farro maggiore dell’Irpinia (Avellino)

Italia Buona: I Magenzucker altoatesini (Bolzano)

Italia Buona: Le Fragole di Maletto (Catania)

Italia Buona: il Montebore della Val Borbera (Alessandria)

Italia Buona: Il Gattò Aretino (Arezzo)

Italia Buona: Le Ciuighe (Trento)

Italia Buona: L’Aglio Bianco Polesano (Rovigo)

Italia Buona: La Cipolla Ramata di Montoro (Avellino)

Italia Buona: Funghi: varietà e ricette

Italia Buona: Il formaggio Morlacco del Monte Grappa (Vicenza)

Italia Buona: La Sopressa vicentina (Vicenza)

Italia Buona: Il Formaggio Acceglio (Cuneo)

Italia Buona: Lo Sprusciat di Castel del Giudice (Isernia)

Italia Buona: La Colatura Tradizionale di Alici di Cetara (Salerno)

Italia Buona: Il Tortiglione di Penna in Teverina (Terni)

Italia Buona: I Sospiri di Ozieri (Sassari)

Italia Buona: Il Culatello di Zibello, il Re dei Salumi (Parma)

Italia Buona: I Murzitti di Subiaco (Roma)

Italia Buona: La Miascia (Lecco)

Italia Buona: I Barbagiuai di Ventimiglia (Imperia)

Italia Buona: La Spongata di Brescello (Reggio Emilia)

Italia Buona: La Cipolla di Sermide (Mantova)

Italia Buona: Sa Coccoi Prena (Ogliastra)

Italia Buona: I Salavatici di 
Roviano 
(Roma)

Italia Buona: La Panicella di Splerlonga (Latina)

Italia Buona: Le pesche nettarine di Romagna

Italia Buona: La Cotognata (Siracusa)

Italia Buona: Il pane di Laterza (Taranto)