Italia Buona: Il Gattò Aretino (Arezzo)


Italia Buona


Il Gattò aretino è un dolce toscano tipico di Arezzo, anche se il suo nome ne rivela le antiche origini francesi dove il termine “gateau” in francese vuol dire dolce.

 

Si tratta di un dolce un tempo preparato nelle famiglie contadine del territorio aretino in occasione di particolari cerimonie, feste, ricorrenze o la domenica, la cui bontà ha conquistato anche i palati più raffinati dei gusti moderni facendo oggi bella mostra di sé nelle vetrine di diverse pasticcerie aretine.

 

In pratica si tratta di un salame dolce, un rotolo che nelle case aretine si chiama semplicemente gattò, con la “ò” accentata.


Tecnicamente è una pasta biscottata farcita con cioccolata o crema, un dolce semplice, che ha però bisogno di alcuni accorgimenti nella sua preparazione: la pasta biscottata deve essere molto morbida e simile al pan di Spagna e deve assorbire adeguatamente il liquore, che normalmente è l’alchermes rosso.




Gli ingredienti per farlo sono: farina, fecola di patate, zucchero, uova, alchermes, lievito, sale, crema di cioccolato e zucchero a velo.


I rossi d’uovo vanno montati assieme allo zucchero, poi si aggiungono le chiare montate a neve; al composto si aggiungono, sempre mescolando, il burro fuso, la farina, il lievito e un pizzico di sale.


L’impasto va poi steso sopra una teglia coperta con carta da forno e messo a cuocere nel forno già caldo per circa un quarto d’ora.


Una volta cotto va tolto e bagnato con l’alchermes, diluito con un poi’ d’acqua, dopo di che si copre la superficie con la crema pasticcera all’interno della quale è stato sciolto del cioccolato fondente, lasciandone anche una parte in scaglie.


A questo punto, aiutandosi con la carta, si deve arrotolare il dolce a forma di tronchetto, quindi cospargerlo con zucchero a velo e servirlo tagliato a fettine abbastanza spesse.



di Redazione 35




Non dimenticare di guardare anche...

Italia Buona: I Barbagiuai di Ventimiglia (Imperia)

Italia Buona: La Cotognata (Siracusa)

Italia Buona: Il Formaggio Acceglio (Cuneo)

Italia Buona: Le pesche nettarine di Romagna

Italia Buona: Il pane di Laterza (Taranto)

Italia Buona: I Sospiri di Ozieri (Sassari)

Italia Buona: I “Sospiri” di Bisceglie (Barletta-Andria-Trani)

Italia Buona: Le Ciuighe (Trento)

Italia Buona: I Murzitti di Subiaco (Roma)

Italia Buona: L’Aglio Bianco Polesano (Rovigo)

Italia Buona: La Colatura Tradizionale di Alici di Cetara (Salerno)

Italia Buona: I Marubini di Casteldidone (Cremona)

Italia Buona: La Panicella di Splerlonga (Latina)

Italia Buona: I Salavatici di 
Roviano 
(Roma)

Italia Buona: Il Paddaccio del Pollino (Potenza)

Italia Buona: La Sopressa vicentina (Vicenza)

Italia Buona: il Montebore della Val Borbera (Alessandria)

Italia Buona: I Magenzucker altoatesini (Bolzano)

Italia Buona: La Speuta, il farro maggiore dell’Irpinia (Avellino)

Italia Buona: La Miascia (Lecco)

Italia Buona: Le Fragole di Maletto (Catania)

Italia Buona: Lo Sprusciat di Castel del Giudice (Isernia)

Italia Buona: Il Maiorchino di Novara di Sicilia (Messina)

Italia Buona: Funghi: varietà e ricette

Italia Buona: La Cipolla di Sermide (Mantova)

Italia Buona: Il Tortiglione di Penna in Teverina (Terni)

Italia Buona: Sa Coccoi Prena (Ogliastra)

Italia Buona: La Spongata di Brescello (Reggio Emilia)

Italia Buona: Il Salame di Frattula (Ancona)

Italia Buona: Il Culatello di Zibello, il Re dei Salumi (Parma)

Italia Buona: La Cipolla Ramata di Montoro (Avellino)

Italia Buona: Il formaggio Morlacco del Monte Grappa (Vicenza)

Italia Buona: Gli Asparagi di Zambana (Trento)