Italia Buona: Gli Asparagi di Zambana (Trento)


Italia Buona


Tra i tanti prodotti caratteristici del territorio trentino, ce n’è uno delicato e di pregio, l’Asparago di Zambana, che viene coltivato, oltre che nella località da cui prende il nome, anche in altre vallate trentine come la bassa Val d’Adige e Vallagarina, l’Alto Garda e la Valsugana.


 

Questo prodotto ortofrutticolo è conosciuto in questa zona fin dall’Ottocento, anche se il suo successo commerciale arriverà soltanto negli anni ’60, quando venne creato un consorzio che lo fece conoscere anche al di fuori della zona di produzione.

 

L’Asparago di Zambana, bianco e dal sapore delicato, è particolarmente tenero e privo di fibre, grazie alle caratteristiche peculiari dei terreni di origine alluvionale e sabbiosi.

 

La raccolta degli asparagi viene effettuata tra la fine di marzo e quella di maggio ancora manualmente o con mezzi tradizionali.

 

Prodotto ortofrutticolo molto versatile in cucina, viene mangiato cotto, condito con burro fuso o con uova sode e parmigiano e nella classica salsa bolzanina; ottimi anche accanto al gorgonzola.

 

Viene usato nella preparazione di timballi e vellutate, insaporisce primi piatti e accompagna secondi piatti come il salmone bollito.

 

Viene preparato anche per accompagnare anche piatti di carne e di pesce, tra cui, nei giorni del raccolto, il capretto al forno servito con polenta nera di Storo, ma vengono serviti anche alla bismark, alla primavera, alla veneziana, al Teroldego, al vino bianco.

 

L’asparago di Zambana non è di facile abbinamento; predilige comunque vini bianchi dal profumo intenso e persistente.



di Redazione 35




Non dimenticare di guardare anche...

Italia Buona: Il pane di Laterza (Taranto)

Italia Buona: Il Culatello di Zibello, il Re dei Salumi (Parma)

Italia Buona: Il Gattò Aretino (Arezzo)

Italia Buona: Sa Coccoi Prena (Ogliastra)

Italia Buona: Le pesche nettarine di Romagna

Italia Buona: La Speuta, il farro maggiore dell’Irpinia (Avellino)

Italia Buona: I Magenzucker altoatesini (Bolzano)

Italia Buona: Il Maiorchino di Novara di Sicilia (Messina)

Italia Buona: La Cipolla Ramata di Montoro (Avellino)

Italia Buona: La Cotognata (Siracusa)

Italia Buona: Le Ciuighe (Trento)

Italia Buona: Il Salame di Frattula (Ancona)

Italia Buona: La Cipolla di Sermide (Mantova)

Italia Buona: La Colatura Tradizionale di Alici di Cetara (Salerno)

Italia Buona: il Montebore della Val Borbera (Alessandria)

Italia Buona: La Panicella di Splerlonga (Latina)

Italia Buona: Il Paddaccio del Pollino (Potenza)

Italia Buona: I Murzitti di Subiaco (Roma)

Italia Buona: Funghi: varietà e ricette

Italia Buona: La Spongata di Brescello (Reggio Emilia)

Italia Buona: La Miascia (Lecco)

Italia Buona: Il Tortiglione di Penna in Teverina (Terni)

Italia Buona: I Marubini di Casteldidone (Cremona)

Italia Buona: I Barbagiuai di Ventimiglia (Imperia)

Italia Buona: Il formaggio Morlacco del Monte Grappa (Vicenza)

Italia Buona: La Sopressa vicentina (Vicenza)

Italia Buona: I Sospiri di Ozieri (Sassari)

Italia Buona: I Salavatici di 
Roviano 
(Roma)

Italia Buona: L’Aglio Bianco Polesano (Rovigo)

Italia Buona: I “Sospiri” di Bisceglie (Barletta-Andria-Trani)

Italia Buona: Le Fragole di Maletto (Catania)

Italia Buona: Lo Sprusciat di Castel del Giudice (Isernia)

Italia Buona: Il Formaggio Acceglio (Cuneo)