Italia Buona: Il Salame di Frattula (Ancona)


Italia Buona


Nella parte settentrionale delle Marche viene allevato un maiale autoctono chiamato “suino di Frattula”, dalla cui macellazione si ricava l’omonimo salame, tipico dei territori di Senigallia, Monterado, Corinaldo, Ripe, Castel Colonna, riuniti nell’Associazione “Terre di Frattula”.


La preparazione di questo salume prevede che vengano utilizzate esclusivamente spalla, rifili del prosciutto, fondello, trito di carne magra o carnetta, prosciutto, lardello di gola a pezzi e lardello di schiena a pezzi.

 

La carne viene attentamente pulita dalle parti cartilaginee e grasse, salata con sale marino, poi viene aggiunto pepe in grani e vino rosso aromatizzato con aglio e timo serpillo o altre spezie vegetali.

 

L’impasto viene tritato con una trafila grossa e si aggiungono i lardelli, prima di procedere all’insaccatura, per la quale si usa un budello gentile, mondato, lavato e aromatizzato con del vino o soluzioni composte da acqua e anice, acqua e aceto di vino o con vino cotto.


 

Dopo avere legato a mano le estremità del salame di Frattula con uno spago di fibra vegetale, lo si mette ad asciugare per uno o due giorni e stagionare per un periodo da due a tre mesi, in funzione del suo peso e della pezzatura.

 

Questa tipicità marchigiana si presenta in forma cilindrica, ruvido al tatto, di colore marrone più o meno carico ed è normalmente ricoperto da una leggera patina di muffa bianca grigiastra.

 

Al taglio la fetta appare di consistenza omogenea e compatta, di grana medio-fine, di colore rosso scuro, con frammenti di grasso di colore bianco distribuiti omogeneamente nella massa carnosa.



di Redazione 35




Non dimenticare di guardare anche...

Italia Buona: Il pane di Laterza (Taranto)

Italia Buona: I “Sospiri” di Bisceglie (Barletta-Andria-Trani)

Italia Buona: L’Aglio Bianco Polesano (Rovigo)

Italia Buona: Funghi: varietà e ricette

Italia Buona: La Panicella di Splerlonga (Latina)

Italia Buona: il Montebore della Val Borbera (Alessandria)

Italia Buona: La Spongata di Brescello (Reggio Emilia)

Italia Buona: Le pesche nettarine di Romagna

Italia Buona: Il Tortiglione di Penna in Teverina (Terni)

Italia Buona: Le Fragole di Maletto (Catania)

Italia Buona: I Salavatici di 
Roviano 
(Roma)

Italia Buona: Il formaggio Morlacco del Monte Grappa (Vicenza)

Italia Buona: Il Formaggio Acceglio (Cuneo)

Italia Buona: Gli Asparagi di Zambana (Trento)

Italia Buona: La Speuta, il farro maggiore dell’Irpinia (Avellino)

Italia Buona: La Cipolla di Sermide (Mantova)

Italia Buona: La Miascia (Lecco)

Italia Buona: I Marubini di Casteldidone (Cremona)

Italia Buona: I Murzitti di Subiaco (Roma)

Italia Buona: I Magenzucker altoatesini (Bolzano)

Italia Buona: Il Maiorchino di Novara di Sicilia (Messina)

Italia Buona: I Sospiri di Ozieri (Sassari)

Italia Buona: La Sopressa vicentina (Vicenza)

Italia Buona: La Cotognata (Siracusa)

Italia Buona: Il Culatello di Zibello, il Re dei Salumi (Parma)

Italia Buona: Sa Coccoi Prena (Ogliastra)

Italia Buona: La Cipolla Ramata di Montoro (Avellino)

Italia Buona: La Colatura Tradizionale di Alici di Cetara (Salerno)

Italia Buona: Il Paddaccio del Pollino (Potenza)

Italia Buona: Il Gattò Aretino (Arezzo)

Italia Buona: Lo Sprusciat di Castel del Giudice (Isernia)

Italia Buona: Le Ciuighe (Trento)

Italia Buona: I Barbagiuai di Ventimiglia (Imperia)