Italia Buona: La Panicella di Splerlonga (Latina)


Italia Buona


La Panicella è un dolce pasquale a base di farina, uova, latte, zucchero, burro, liquore e semi di anice, lievito di birra, lievito naturale e vanillina, che a Sperlonga, in provincia di Latina, ha una lunga tradizione.

 

Un tempo la sua preparazione avveniva praticamente solo in ambito domestico, ma da una trentina d’anni anche un panificio cittadino ha iniziato a produrla e a commercializzarla.

 

La preparazione della Panicella prevede che si prepari la pasta di pane detta "cresciuto" con il lievito naturale, che va lasciata lievitare per circa quattro ore.

 

Successivamente si aggiungono all’impasto gli altri ingredienti, cioè uova, zucchero, strutto, che oggi è generalmente sostituito dall'olio, latte tiepido, liquore all'anice, semi di anice, mescolando bene il tutto.



L'impasto viene fatto lievitare, una prima volta per alcune ore ore, poi lavorato nella forma di “panicella” e fatto lievitare ulteriormente per altre due o tre ore.

 

A questo punto la Panicella viene messa nel forno caldo a 180° per un quarto d’ora o poco più; il risultato è un bel dolce dorato del peso di circa tre ettogrammi.



di Redazione 35




Non dimenticare di guardare anche...

Italia Buona: Funghi: varietà e ricette

Italia Buona: Il formaggio Morlacco del Monte Grappa (Vicenza)

Italia Buona: Sa Coccoi Prena (Ogliastra)

Italia Buona: Il Tortiglione di Penna in Teverina (Terni)

Italia Buona: I Magenzucker altoatesini (Bolzano)

Italia Buona: La Sopressa vicentina (Vicenza)

Italia Buona: I Sospiri di Ozieri (Sassari)

Italia Buona: La Spongata di Brescello (Reggio Emilia)

Italia Buona: Gli Asparagi di Zambana (Trento)

Italia Buona: Il Salame di Frattula (Ancona)

Italia Buona: Il Culatello di Zibello, il Re dei Salumi (Parma)

Italia Buona: Il Formaggio Acceglio (Cuneo)

Italia Buona: Le Fragole di Maletto (Catania)

Italia Buona: La Cipolla di Sermide (Mantova)

Italia Buona: Il pane di Laterza (Taranto)

Italia Buona: I Barbagiuai di Ventimiglia (Imperia)

Italia Buona: Le Ciuighe (Trento)

Italia Buona: Il Gattò Aretino (Arezzo)

Italia Buona: La Cotognata (Siracusa)

Italia Buona: il Montebore della Val Borbera (Alessandria)

Italia Buona: Lo Sprusciat di Castel del Giudice (Isernia)

Italia Buona: La Speuta, il farro maggiore dell’Irpinia (Avellino)

Italia Buona: La Cipolla Ramata di Montoro (Avellino)

Italia Buona: La Colatura Tradizionale di Alici di Cetara (Salerno)

Italia Buona: L’Aglio Bianco Polesano (Rovigo)

Italia Buona: Le pesche nettarine di Romagna

Italia Buona: I Murzitti di Subiaco (Roma)

Italia Buona: I Marubini di Casteldidone (Cremona)

Italia Buona: Il Paddaccio del Pollino (Potenza)

Italia Buona: I “Sospiri” di Bisceglie (Barletta-Andria-Trani)

Italia Buona: La Miascia (Lecco)

Italia Buona: Il Maiorchino di Novara di Sicilia (Messina)

Italia Buona: I Salavatici di 
Roviano 
(Roma)