Italia Buona: La Cotognata (Siracusa)


Italia Buona


La mela cotogna, pomo d’oro dell’antica Grecia, simbolo d’amore e fertilità, era il frutto consacrato alla dea Afrodite; un frutto antico dalla quale ancora oggi come nell’antichità si ottiene una saporita marmellata: la Cotognata.

 

Si tratta di un dolce molto zuccherato, dalla consistenza molto solida, dal gusto molto dolce e al tempo stesso lievemente asprigno; nonostante l’appellativo di "marmellata", non è una vera e propria confettura, perchè si mangia come un dolce, affettandolo o rompendolo e non spalmandolo.

 

Per prepararla di devono lavare le mele, tagliarle a pezzi e cuocerle per poco più di mezz’ora con la loro buccia in acqua fino a quando saranno diventate morbide.

 

Una volta cotte, vanno scolate e passate al setaccio facendo attenzione a conservare l’acqua di cottura.


 

La polpa di mele cotogne a questo punto va pesata; un analogo quantitativo di zucchero andrà versato nel passato che dovrà essere messo nuovamente sul fuoco, rimescolando continuamente ed energicamente per non farlo attaccare alla pentola per circa un’ora.

 

A cottura ultimata il prodotto ottenuto va versato in appositi stampi di terracotta bagnati, lasciandolo asciugare per un paio di giorni all’aria o al sole, coperti da un telo, prima di toglierlo dalla forma lasciandolo ulteriormente asciugare all’aria.

 

I consumatori moderni non apprezzano molto la cotognata, amata moltissimo invece fino a pochi decenni fa, quando faceva parte delle razioni militari, delle colazioni e merende di ogni scolaro.

 

Oggi la cotognata è in una fase di riscoperta, considerata il perfetto accompagnamento per i formaggi maturi e erborinati.



di Redazione 35




Non dimenticare di guardare anche...

Italia Buona: L’Aglio Bianco Polesano (Rovigo)

Italia Buona: Le Fragole di Maletto (Catania)

Italia Buona: I Barbagiuai di Ventimiglia (Imperia)

Italia Buona: La Cipolla Ramata di Montoro (Avellino)

Italia Buona: Il pane di Laterza (Taranto)

Italia Buona: Gli Asparagi di Zambana (Trento)

Italia Buona: Sa Coccoi Prena (Ogliastra)

Italia Buona: La Colatura Tradizionale di Alici di Cetara (Salerno)

Italia Buona: Funghi: varietà e ricette

Italia Buona: Le Ciuighe (Trento)

Italia Buona: Il Maiorchino di Novara di Sicilia (Messina)

Italia Buona: I “Sospiri” di Bisceglie (Barletta-Andria-Trani)

Italia Buona: Il Gattò Aretino (Arezzo)

Italia Buona: I Marubini di Casteldidone (Cremona)

Italia Buona: La Cipolla di Sermide (Mantova)

Italia Buona: I Salavatici di 
Roviano 
(Roma)

Italia Buona: il Montebore della Val Borbera (Alessandria)

Italia Buona: I Murzitti di Subiaco (Roma)

Italia Buona: Il Paddaccio del Pollino (Potenza)

Italia Buona: La Miascia (Lecco)

Italia Buona: I Sospiri di Ozieri (Sassari)

Italia Buona: Il Culatello di Zibello, il Re dei Salumi (Parma)

Italia Buona: La Sopressa vicentina (Vicenza)

Italia Buona: Il formaggio Morlacco del Monte Grappa (Vicenza)

Italia Buona: La Spongata di Brescello (Reggio Emilia)

Italia Buona: Le pesche nettarine di Romagna

Italia Buona: Lo Sprusciat di Castel del Giudice (Isernia)

Italia Buona: La Speuta, il farro maggiore dell’Irpinia (Avellino)

Italia Buona: Il Salame di Frattula (Ancona)

Italia Buona: La Panicella di Splerlonga (Latina)

Italia Buona: Il Tortiglione di Penna in Teverina (Terni)

Italia Buona: Il Formaggio Acceglio (Cuneo)

Italia Buona: I Magenzucker altoatesini (Bolzano)