La farina di riso





La farina di riso è un prodotto ricavato principalmente dal riso bianco grezzo, cioè senza la buccia, dopo la macinatura.

 

Essendo essenzialmente un prodotto a base di amido, la farina di riso è molto digeribile in quanto non contiene grassi e glutine, per cui è molto adatta a chi soffre di intolleranze alimentari come la celiachia.

 

Si tratta di un prodotto che ha nelle cucine cinese e giapponese il suo massimo utilizzo; tra i piatti orientali più noti gli spaghetti di riso ed il “mochi”, un dolce del Sol Levante; è tra l’altro ottima per preparare una pastella per friggere cibi che resteranno leggeri, asciutti e croccanti; la farina di riso, infatti, assorbe olio in minima quantità, rendendo i piatti più digeribili e saporiti.



Con la farina di riso è possibile preparare qualsiasi alimento, dalle minestre agli gnocchi, dalla pasta fresca ai dolci; è anche possibile preparare il pane interamente con farina di riso, anche se non sarà possibile ottenerne la lievitatura; è inoltre utile come addensante per creme, besciamelle e salse.



La farina di riso glutinoso, che nonostante l’aggettivo non contiene glutine, viene ottenuta dalla macinazione a pietra di una pregiata varietà di riso asiatico, conosciuto con diversi nomi tra cui anche riso dolce.

 

La sua particolarità sta nella sua capacità di legarsi, caratteristica dovuta alla presenza elevata di amilopectina, un polimero del glucosio, presente nelle piante, che, assieme all’amilosio, compone l’amido, di cui il riso è ricco.

 

Nel nostro paese le principali coltivazioni risicole sono quelle del vercellese, dove sussiste tuttora un’antica tradizione; negli ultimi anni alcune risaie sono state impiantate con produzioni biologiche anche in Emilia e Veneto.


In moltissime ricette è sufficiente sostituire la farina di riso a quella di grano tenero per ottenere praticamente un prodotto analogo, più leggero e digeribile.



di Redazione 35