Il pane Frattau della Sardegna barbaricina (Ogliastra)


Il Pane Frattau è la risposta sarda alla pizza napoletana; un piatto speciale, semplice da preparare, caratteristico della tradizione agro–pastorale della Sardegna centrale, nei territori barbaricini, della Gallura e nell’Ogliastra.

 

Gli ingredienti per prepararlo sono semplici; serve del pane carasau, uova fresche, salsa di pomodoro, Cipolla, olio d’oliva, formaggio pecorino piccante e alcune erbe aromatiche.

 

La sua preparazione varia da una zona all’altra dell’isola, dove anche gli ingredienti, pur essendo piò o meno gli stessi, mancano di qualche elemento.

 

La preparazione prevede che venga fatto un soffitto con la cipolla tritata, pomodori secchi sminuzzati, prezzemolo, basilico e, a seconda delle zone, altre erbe aromatiche, oltre alla carne macinata; quando il soffritto è pronto, con gli ingredienti ben dorati, si aggiungono i pomodori pelati lasciando cuocere a fuoco moderato; a cottura ultimata si aggiungono sale e pepe in quantità variabile a seconda dei gusti.


 

Nel frattempo si ammorbidiscono le sfoglie di pane carasau nel brodo caldo di carne e si dispongono nei piatti; le si condisce con la salsa ancora calda e un’abbondante spolverata di pecorino grattugiato e si ripete il procedimento fino ad ottenere tre o quattro strati; in cima all’ultimo strato si mette un uovo cotto in camicia nel brodo.

 

Un tempo questo piatto veniva preparato per consumare tutti i resti del pane carasau, anche quando si trattava di piccoli pezzi, magari bagnati nell’acqua bollente salata se non c’era il brodo di carne.

 

Oggigiorno la pietanza è stata riscoperta e riproposta soprattutto nei tanti agriturismi dell’entroterra sardo, come ricordo dei famosi "pranzi con i pastori" dove specialmente in Barbagia si è conservato questo modo di mangiare il "Pane carasau".



di Redazione 35