Bagnone (Massa-Carrara): I luoghi della fede


Comune di Bagnone
Piazza Marconi 7 - 54021 Bagnone (MS)

(vedi mappa)
Mostra il telefono
Mostra il fax
Email: urp@comune.bagnone.ms.it
Web: http://www.comune.bagnone.ms.it


 

Chiesa antica di San Nicolò al Castello
 

La Chiesa di San Nicolò al Castello sorse come prima parrocchiale di Bagnone, ingrandendo l’originaria cappella castrense che i Malaspina presero a costruire parimenti alla stessa rocca, subentrando nel culto alle funzioni precedentemente assunte dalla struttura pievana dei Santi Ippolito e Cassiano.

 

Chiesa Prepositurale di San Nicolò
 

Costruita nel secolo XVIII, presenta dimensioni imponenti ed un’unica navata, con un’ampia cupola centrale e un coro di vaste dimensioni, decorata con marmi policromi e con colonne neoclassiche.

 

Convento e Chiesa di San Rocco
 

La chiesa di San Rocco, sorta nel luogo in cui anticamente esisteva un ospedale intitolato a S. Antonio, venne edificata nella seconda metà del secolo XVI. Nella prima metà del ‘600 venne trasformata in convento dei padri Agostiniani.


 

Chiesa di Santa Maria
 

Secondo l’antica tradizione, la chiesa di Santa Maria avrebbe avuto origine in seguito al rinvenimento di una miracolosa immagine della Madonna, detta del Pianto, rinvenuta nella demolizione di un muro di un’abitazione antica nella località detta Gutula, oggi Borgo di Bagnone. Venne costruita nel 1443.

 

Ex convento della SS. Annunziata – Castiglione del Terziere
 

Edificio eretto dal 1501 al 1508 e successivamente modificato dai Padri Serviti, lo hanno adibito a convento. Esauritasi la funzione e le presenze conventuali, i Padri Serviti lasciarono il Convento nel 1652 in seguito alla Bolla Papale di Innocenzo X, che imponeva la chiusura di piccoli Conventi. Nel 1730 il complesso viene venduto dai PP. Serviti, con rogito notarile, quanto possedevano in Castiglione, al sig. Antonio Maria Mazzini. La Chiesa è stata oggi riportata agli antichi splendori e dopo i lavori di restauro è stata inaugurata l' 8 Settembre 2005. La Chiesa acquistò un nuovo stile con il passaggio di proprietà alla famiglia Mazzini. Con questi lavori, al vecchio aspetto degli interni si sostituiscono i nuovi altari ed i pregiati stucchi settecenteschi. Sempre in questo periodo pare che sia stato eseguito sia l'affresco dedicato alla "Annunciazione", sia le decorazioni a secco, ritrovate sopra l'altare maggiore, che riprendevano i motivi, le architetture degli altari ed i festoni tipici dell'epoca. Nel corso degli ultimi secoli l'intera Chiesa ha subito varie manutenzioni e restauri.

 

Altre chiese
 

Corlaga San Pietro, Vico Santa Maria Assunta – Treschietto, San Giovanni Battista – Iera, San Matteo - Castiglione del Terziere, San Leonardo – Pieve, Santi Ippolito e Cassiano, Orturano Santa Maria Assunta – Gabbiana, Sant’Andrea – Corvarola, San Michele Arcangelo – Pastina, San Tommaso – Collesino, San Giacomo – Lusana, Sant’Andrea – Mochignano, Santa Maria Assunta.
 



di Redazione 4