Mammola (Reggio Calabria)


Pro Loco Mammola


 

Mammola è un comune di Reggio Calabria di 3.176 abitanti. Posto sul versante Jonico della Calabria, tra l’Aspromonte e le Serre, al centro tra il mare e la montagna, lungo la S.G.C. Jonio-Tirreno del valico della Limina, fu abitato fin dai tempi della Magna Grecia.

 

Il capoluogo è arroccato sulle falde di una catena montuosa, contrafforte del Monte Limina (Parco Nazionale dell'Aspromonte) e del Monte Seduto (Catena delle Serre), numerosi sono le Frazioni: Borgo Chiusa, San Todaro, Aspalmo, Neblà, Russo, Acone, Malafrinà, Piani di Canalo, Cerasara, San Filippo, Sansone, Russo e tante altre.


Mammola, centro d’arte, turistico e gastronomico, ricco di storia e tradizioni, che conserva l’impianto medievale sulla quale sono leggibili gli interventi successivi nei quali si inseriscono alcuni manufatti sei-settecenteschi notevoli di memoria. Molti degli edifici conservano le parti antiche e l’apparato decorativo sei-settecentesco. Da vedere la Chiesa di San Filippo Neri, il Palazzo Del Pozzo, il Palazzo del Baglio (XVI sec.), la Chiesa del Carmine, la Chiesa dell’Annunziata, Casa Ruso, Casa Tarantino, Palazzo Florimo (XVII), Palazzo Spina, la Fontana della Pace, la Chiesa Matrice dove si trovano le reliquie di San Nicodemo, Palazzo Ferrari (XVIII), la Grangia Basiliana di San Biagio, il Santuario di San Nicodemo alla Limina del sec.X e il rinomato Parco Museo Santa Barbara, meta tutto l’anno di centinaia di artisti e migliaia di turisti di tutte le parti del mondo.

I visitatori ed i turisti sono tanti, non solo nel periodo estivo, ma anche nel corso dell’intero anno. Con la sua posizione invidiabile lungo la S.G.C. Jonio-Tirreno, a due passi dal mare e dalla montagna, si raggiunge facilmente per la sua centralità, sia dalla Locride che dalla Piana di Gioia Tauro-Rosarno che dalla costa del Vibonese. Mammola è anche Porta d’Accesso e Centro Visita del Parco Nazionale dell’Aspromonte e sede della Comunità Montana Limina.


 

Dopo la visita al Borgo Medievale, con i Palazzi Nobiliari, le antiche Chiese, le donne al telaio, il mulino ad acqua, il Geosito della Miniera Macariace, è interessante conoscere il Parco Museo Santa Barbara, il Santuario di San Nicodemo dove termina il Parco Nazionale dell’Aspromonte e iniziano le Serre Calabre, con la nota località Limina, il Laghetto Marzanello, il Rifugio Montano, le aree attrezzate per il pic-nic con acque di sorgenti naturali, e i numerosi percorsi trekking, la giornata si può concludere con acquisti di prodotti tipici, pranzi e cene nei rinomati ristoranti e trattorie, ove si possono gustare i tipici piatti della cucina mammolese e calabrese.

Da tempo ormai Mammola e considerata punto di riferimento turistico e gastronomico della popolazione calabrese e da molti turisti che soggiornano in Calabria e nella vicina Sicilia.

 

Come si arriva:
Strade:

  • A3 SA-RC svincolo Rosarno, Strada Grande Comunicazione Jonio-Tirreno (Rosarno-Gioiosa) uscita Mammola;
  • dalla SS Jonica 106 (E90), S.G.C. Jonio-Tirreno uscita Mammola;
  • dalla SP5 ex SS. 281 Marina di Gioiosa J.-Rosarno.

Treni:

  • FS a lunga percorrenza Stazioni di Rosarno (sul Tirreno);
  • Stazione di Marina di Gioiosa Ionica (sullo Ionio).

Autobus:

  • da Reggio Calabria, Rosarno, Gioia Tauro, Palmi, Marina di Gioiosa Ionica, Siderno,Locri.

Aeroporto:

  • di Reggio Calabria e Lamezia Terme.
     

 

Testi e foto a cura di Gino Larosa

 



di Redazione 4