Il Salento, terra a cavallo di due mari: Gli itinerari tematici del Salento


La bellezza paesaggistica dei luoghi, la ricchezza di storia e di cultura, fanno del Salento una meta che consente al turista di poter scegliere  tra numerose soluzioni alternative.

 

 

 

Una passeggiata culturale nel cuore di Lecce per andare alla ricerca dell’arte barocca o dei resti  di archeologia di epoca romana, incontrando frammenti di tradizioni espressi dalla presenza di  artigiani che lavorano la cartapesta o la pietra leccese.


La storia antica e la tradizione contadina di questi luoghi consente di poter effettuare un viaggio attraverso le testimonianze che più le rendono tangibili come i castelli, le masserie, i frantoi ipogei, le pagghiare.


Imperdibile è l’opportunità di effettuare gite lungo la costa, alla scoperta  di alte scogliere e spiagge bianchissime tra le più belle d’ Italia in un alternarsi di mare, colori.



L’ appassionato di tradizioni popolari troverà  soddisfazione sia nelle numerose feste e sagre paesane che fanno rivivere antichi riti pagani e religiosi, sia nella scoperta di singolari comunità che conservano l’ uso di una lingua di diretta discendenza dal greco antico: il grico.

 


Molti luoghi sia dell’entro terra, che lungo la costa, si rivelano dei percorsi fantastici per gli amanti delle due ruote o del trekking escursionistico alla scoperta dei profumi e dei colori della macchia mediterranea. E’ divertente pedalare sui sentieri di campagna tra gli ulivi, come affrontare i ripidi saliscendi sul lungo mare più a sud est verso il capo di S.M. di Leuca, così come è molto interessante visitare le oasi protette con l’ aiuto di guide esperte.


Oltre al trekking, cicloturismo in Mtb o bici da corsa, gli appassionati di sport estivi potranno praticare dalla vela al windsurf, alle immersioni subacquee, sci nautico, sky surf.


La tradizione enogastronomica salentina di origine tipicamente contadina, consente di vivere delle vere emozioni alla scoperta delle prelibatezze locali, da assaporare nelle trattorie a conduzione familiare, nei caratteristici negozietti di generi alimentari, nelle pasticcerie e rosticcerie, sulle bancarelle al mercato o durante le sagre e le feste paesane o andando direttamente presso il pastore o il contadino o ancora presso i numerosi forni a pietra.



di Redazione 4