Il Sasanello: dolce casereccio gravinese


I sasanelli sono i dolci tipici di Gravina in Puglia, la cui notorietà è comunque estesa a tutta la Murgia pugliese.

 

Sono dolci caserecci dal colore molto scuro, con una forma tondeggiante e consistenza piuttosto soffice, che nella maggior parte delle famiglie un tempo si preparava in occasione delle feste o dei matrimoni.

 

Si prepara ancora oggi; il loro impasto è costituito da vino cotto, che in realtà è uno sciroppo di fichi secchi, che ha sostituito quello che un tempo veniva preparato con il mosto dell’uva appena vendemmiata.

 

Dopo la sua decantazione, questo veniva messo a bollire a fuoco basso in una pentola assieme ad un sacchettino di cenere, fin quando non diventava molto denso.

 

Il vincotto di fichi, però pare si accosti meglio alla ricetta tradizionale, per cui, pur mantenendogli il nome, l'ingrediente per il preparato del sasanello oggi è il vincotto di fichi.


 

E’ un dolce rustico, ma tra i più raffinati e ricchi della cultura che, oltre al vincotto, ha una base di farina, zucchero, buccia d’arancia grattugiata, cannella, chiodi di garofano e cacao; è possibile trovarli anche ricoperte da mandorle tritate oppure con una sola mandorla sopra.

 

Si tratta di un dolce-dessert piuttosto comune nel sud d’Italia, dove spesso si trova con nomi diversi e dove ovunque se ne rivendica la paternità, secondo l'antico vizio italico del sano campanilismo; quelli di Gravina in Puglia, comunque, sono stati riconosciuti prodotti Pat ed inseriti nell’Atlante dei Prodotti Tipici.



di Redazione 35