Il Pistacchio di Stigliano: pianta millenaria


Da diversi anni Stigliano è riconosciuta per la sua pregiatissima produzione di pistacchi, che ha raggiunto un’importanza che va oltre i confini nazionali.

 

Per questo territorio, infatti, il pistacchio rappresenta una prospettiva di grande interesse anche perchè si realizza in loco tutta la filiera che va dalla produzione alla lavorazione diretta della materia prima.

 

Il pistacchio è una pianta dalla storia millenaria, originario del Medio Oriente e trapiantato successivamente in Sicilia e nel sud Italia, in particolare a Stigliano, in provincia di Matera.

 

Si tratta di una coltura che non ha problemi di difesa fitosanitaria, senza grandi esigenze idriche, che permette la raccolta meccanica veloce con una altissima resa, frutti di qualità ed un mercato molto vasto.

 

I semi del pistacchio sono composti per il 20% circa da proteine, per il 50-60% da olio, per il 15% da vitamine e da sostanze non azotate.



Molti i suoi benefici a cominciare dalla salute del cuore; infatti, grazie alla presenza di fitosteroli, in grado di ridurre il colesterolo ed aiutare l’organismo a smaltire gli acidi grassi, contribuendo alla pulizia delle arterie.

 

L’azione cardio-protettiva del pistacchio viene poi potenziata dalla presenza di luteina, beta-carotene e gamma tocoferolo che che sono in grado di contrastare l’insorgere dell’arteriosclerosi.

 

E’ anche un efficace antinfiammatorio, capace di contrastare batteri e funghi; inoltre l’alto contenuto di vitamina e aiuta a tenere in buona salute occhi e pelle.

 

Viene molto usato sia in pasticceria che in gelateria e viene anche trasformato; c’è infatti il pesto di pistacchio, utilizzato in cucina ed una crema di pistacchi utilizzata nelle ricette di dolci o semplicemente spalmata su un crostino di pane tostato.



di Redazione 35