L’Aranzada (Nuoro)


L’Aranzada è un tipico prodotto dolciario nuorese a base di scorze d'arancia, mandorle e miele, che veniva offerta ai padrini dopo il battesimo.

 

In pratica si tratta di pezzetti a frma di rombo di arance candite nel miele e mandorle di circa 1 cm di spessore, con colore, aroma e gusto tipici dell’agrume dolce.

 

La consistenza è complessivamente gommosa e di compattezza variabile a seconda delle proporzioni e del taglio degli ingredienti.


 

La lavorazione inizia separando la scorza del frutto dalla polpa; successivamente viene tagliata in grossi spicchi, ai quali si aggiungono le mandorle intere, pelate e tostate, che entrano nel composto durante la fase di canditura con miele o sciroppo di zucchero e miele.

 

Una volta cotto, il composto viene rovesciato su un piano di legno e steso in una forma quadrata o rettangolare; una volta raffreddato viene tagliato a piccoli pezzi romboidali e messo in frigorifero.


Di solito viene servito a fine pasto, ed è considerato un dolce molto raffinato.


 

La sua produzione, un tempo solo per il consumo a livello familiare, era legata ai festeggiamenti in occasione di particolari ricorrenze, ma dato il successo che ha sempre avuto, l’aranzada oggi è prodotta e venduta in molte pasticcerie del nuorese ed anche nelle altre provincie dell’isola.



di Redazione 35