L’Olio extravergine Sabina Dop (Rieti)


Nel territorio laziale si producono diverse varietà di olio d’oliva; uno di questi è il Sabina, oggi prodotto Dop, ottenuto dalle coltivazione della zona omonima della provincia reatina e della Tiburtina in quella romana.

L’olio Sabina si ottiene trasformando le olive delle varietà Carboncella, Leccino, Raja, Frantoio, Moraiolo, Olivastrone, Salviana, Olivago e Rosciola, che concorrono da sole o congiuntamente alla sua produzione.

La coltivazione dell’olivo in zona è talmente antica che a Canneto di Fara esiste ancora ed è attentamente tutelato e costantemente monitorato l’olivo più antico d’Europa, risalente a circa 2000 anni fa.

La natura collinare delle aree dove crescono questi olivi non ha permessso l’utilizzo di moderne tecniche di coltivazione, rendendo così impraticabile lo sfruttamento intensivo dei terreni.


Infatti, spesso sono ancora le singole famiglie a coltivare piccoli appezzamenti, adottando metodi tradizionali nel pieno rispetto della pianta.

Il colore dell’olio Sabina Dop è giallo oro con sfumature verdi per gli oli molto giovani; l’odore è fruttato; il sapore è anch’esso fruttato, vellutato, uniforme, aromatico e dolce, amaro nel caso di oli freschi di frantoio.



di Redazione 35