Carlo Petrini, Slow Food, lancia “Laudato si'”, rete di comunità per giustizia sociale, ecologia e solidarietà


Slow Food


L’iniziativa, lanciata dal fondatore di Slow Food e dal vescovo di Rieti Domenico Pompili per diffondere il messaggio ecologista di papa Francesco,  porterà anche alla nascita del centro studi internazionale Casa Futuro ad Amatrice

A cura di  ANDREA DI BELLA

A quasi tre anni dalla pubblicazione dell'enciclica Laudato si' di Papa Francesco, «riflessione insieme gioiosa e drammatica» che ha segnato una svolta nella storia della Chiesa e nel pensiero ecologista, ecco che arriva un messaggio che le Comunità Laudato si' vogliono tradurre in azioni concrete, chiamando tutti a un nuovo protagonismo sui temi ambientali.


«Non c'è ecologia senza giustizia e non ci può essere equità in un ambiente degradato» scriveva allora il pontefice, esponendo in modo potente e chiaro i principi di un'ecologia integrale.



Le Comunità Laudato si' nascono dall'iniziativa del vescovo di Rieti monsignor Domenico Pompili e del fondatore di Slow Food Carlo Petrini e sono state presentate il 16 marzo 2018 a Roma.

Carlo Petrini a Terra Madre - Ph ANDREA DI BELLA

«Non c’è dubbio che il riferimento più forte dal punto di vista ambientale, ma anche nell’ottica di una diversa economia, sia in questi anni la Laudato si’: per questo abbiamo pensato di richiamarci a essa» spiega Carlo Petrini. Queste comunità sono chiamate a «fare in modo che le tematiche di questo straordinario documento prendano corpo attraverso una mobilitazione nell’educazione, nelle buone pratiche, nella condivisione, nella capacità di fare rete mantenendo le proprie identità e adattando i propri obiettivi a quelli specifici dei territori».


Obiettivi che verranno perseguiti dalla rete «all’interno di un percorso aconfessionale, trasversale e aperto a tutti perché tutti siamo ugualmente fratelli su questa terra, che è la nostra madre».

 

Monsignor Domenico Pompili, riprendendo il tema centrale dell’enciclica, sottolinea come «la provocazione di Laudato si’, non ancora del tutto recepita, è nell’idea che la visione ecologica dell’ambiente implichi una relazione a più vettori con il Creato, con le persone e con Dio, cioè una visione olistica».


Aver messo in stretta connessione il tema della giustizia sociale con il tema dell’ecologia è la grande acquisizione della Laudato si’: «A partire da questo principio, lanciamo un appello a tutti gli uomini di buona volontà, credenti e non credenti. Le Comunità Laudato si’ sono lo strumento pratico che da oggi intendiamo proporre a chi vorrà essere della partita», afferma il vescovo di Rieti.


Scopo di ogni Comunità sarà diffondere in piena autonomia l'educazione ai temi dell'ecologia integrale, della giustizia sociale e della solidarietà attraverso eventi, conferenze, laboratori, corsi, pubblicazioni, scambi e iniziative sul territorio.


L'adesione è libera e spontanea, aperta al mondo laico come a quello cattolico. Le Comunità potranno formarsi a partire da esperienze già presenti (associazioni, parrocchie, condotte di Slow Food) oppure organizzate allo scopo, sono realtà associative “leggere”, non hanno statuti ma si chiede la semplice adozione di alcune linee guida.

 

È importante comunicare la propria adesione all’indirizzo info@comunitalaudatosi.org o al numero telefonico 3888881848 per ricevere aggiornamenti, newsletter e supporto. Tutti i dettagli sono sul sito http://comunitalaudatosi.org.


Le prime dieci Comunità si sono già formate in Italia e all’estero e altre trenta sono in fase di realizzazione.


Con i contributi delle diverse Comunità in ogni parte del mondo, ad Amatrice nascerà un centro studi internazionale denominato Casa Futuro - Centro Studi Laudato si', dedicato alle tematiche ambientali e alle loro ricadute sociali: «È l’obiettivo che ci siamo dati per i primi tre anni. Partiamo da una terra ferita dal terremoto, che attende impazientemente di essere non già ricostruita, ma piuttosto rigenerata» aggiunge il vescovo di Rieti.


«Le Comunità condividono un codice etico - conferma Petrini - e un obiettivo materiale che è la realizzazione del centro studi».


A tal fine sarà ristrutturato un edificio, la Casa di accoglienza don Minozzi, capace di ospitare giovani per stage, scuole estive, percorsi di riflessione e scambio, eventi dedicati all'aggregazione e alla formazione. Un simbolo di devozione agli ultimi che dopo la tragedia del terremoto è divenuto simbolo della speranza e della tenacia di una città e di una terra. Parte da questa Casa, e sotto questi auspici, l'impegno delle Comunità Laudato si' per coltivare e custodire la nostra casa comune, il pianeta Terra.


Per maggiori informazioni: https://comunitalaudatosi.org/



di Andrea Di Bella




Non dimenticare di guardare anche...

Slow Food: nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione adottiamo un orto in Africa

“Poesia e Utopia vere risorse dell’economia dell’Italia”: così Carlin Petrini apre “Cheese” 2013 a Bra (Cuneo)

Alice Waters, Slow Food Internazionale: “Cibo industriale e fast food affronto alla democrazia”

Agroecologia, sinergia tra agricoltura e ricerca: il cibo come patrimonio di conoscenze e dell’umanità per cambiare il mondo, all’UNISG di Pollenzo

Partnership tra Slow Food ed Expo 2015: un accordo in nome della biodiversità e della lotta alla malnutrizione

Un nuovo anno con Slow Food: #PrendiamociGusto

Presìdi internazionali Slow Food: le novità del prossimo Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Terra Madre Day 2014: Samantha Cristoforetti festeggia dallo spazio i 25 anni di Slow Food

L’Arca del Gusto passa da Cheese 2013: con Slow Food e i formaggi di tutto il mondo a Bra (Cuneo)

Food for Change: la rivoluzione di Terra Madre Salone del Gusto 2018. Il Mercato torna a Lingotto Fiere

Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, è Ambasciatore Speciale della FAO in Europa per Fame Zero

Slow Food a Vinitaly 2017 per raccontare, conoscere, bere il vino “buono pulito e giusto”

Slow Food dalla Cina lancia Menu for Change: «Cambiamo il sistema alimentare, fermiamo il cambiamento climatico»

Stati Generali delle Comunità dell’Appennino: Slow Food e Terra Madre per progettare la montagna che verrà

Chiuso a Milano Terra Madre Giovani – We Feed The Planet: Gioia ed emozioni per i Giovani Contadini

La Buona Strada, un progetto di Slow Food Italia di crowdfunding per le aree terremotate del Centro Italia

Rai 2, Università di Scienze Gastronomiche e Slow Food presentano “Signori del vino”: torna in TV la cultura del vino

Taglio del nastro e via a Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino. Le foto del primo giorno

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: Slow Food punta sull’agricoltura familiare

Slow Food: Urgente dotare il Paese di una legge efficace sul consumo di suolo

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: ultime novità da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino

Aspettando Cheese: a Bra (Cuneo) si degustano i formaggi del Regno Unito

"Terra Madre Salone del Gusto 2016". Petrini: a settembre a Torino ospitiamo gli intellettuali del cibo!

Terra Madre Salone del Gusto 2018: il più bell’incontro con la cultura del cibo a Torino

Petrini: “Non c’è qualità alimentare senza rispetto dell’ambiente”. La campagna di Slow Food Menu for Change sul clima

Fermati da Stratta e… bevi un “Caffè selvatico della foresta di Harenna”, Presidio Slow Food, giovedì 25 settembre 2014 a Torino

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: testimonianze di lavoro di migranti nel nostro Paese

Terra Madre Salone del Gusto di Torino: Storie di legalità dalle filiere virtuose dell'agroalimentare

A Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino ha vinto la partecipazione: condivisione culturale, sociale e politica

Terra Madre Salone del Gusto 2016: l'impatto economico porta 28-38 mln di Euro a Torino. Le ricadute sulla città

L’Italia ribadisce il suo no agli Ogm ma l’Europa non si schiera: il parere di Slow Food

“Raccogliamo i frutti di un’avventura che ha attraversato gli oceani” così Carlin Petrini presenta Terra Madre Salone del Gusto 2016 a Torino

Slow Food lancia una grande campagna internazionale per difendere la Biodiversità del Pianeta

Slow Food Italia chiede al Governo la dichiarazione in etichetta del prezzo all’origine

“Il cibo in Tv è solo diffusa pornografia alimentare”. Così Carlin Petrini alla presentazione del Salone del Gusto e Terra Madre 2014 di Torino

Slow Food a Vinitaly: Etichetta narrante per l’olio, a tutela dei consumatori e a difesa dei produttori

“Laudato si’”, l’enciclica del Papa vista da Slow Food: “Auguriamo possa segnare la vita politica di molti Governi”

Osterie d’Italia 2016: presentata a Cheese la guida del mangiarbere all’italiana di Slow Food

“Cheese 2013” chiude con la laurea honoris causa a Ermanno Olmi: successo e speranze per una nuova economia contadina

Perché visitare “Terra Madre Salone del Gusto” di Torino

A Cheese 2017, Slow Food lancia un segnale politico forte con gli "Stati generali del latte crudo"

Ecco le ricette dell'Arca del Gusto di Slow Food, in attesa del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Cheese 2015 parte con un rullo di tamburi. Petrini: “Difendere le produzioni locali. No al formaggio col latte in polvere”

Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino: già 1000 posti letto messi a disposizione dalle famiglie piemontesi

Con Slow Food al Salone del Gusto e Terra Madre 2014: dalla “Scuola di Cucina” alla “Fucina di Pane e Pizza”, da “Mixology” ai “Laboratori del Gusto”

Accordo Slow Food Italia e Gruppo Autogrill: da febbraio prodotti e libri negli scaffali

A Geo Magazine i Presìdi Slow Food del Piemonte: protagonisti il Macagn, formaggio di montagna, e i mieli della Val Maira

“Carlo Petrini”, Slow Food e “Pierre Rabhi”, filosofo francese: parole di Terra da un autentico mondo contadino

28 Ministri dell’Agricoltura dell’UE incontrano i prodotti dei Presìdi o dell’Arca del Gusto di Slow Food, all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo-Bra (Cuneo)

Il modello virtuoso del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino: le ricadute ambientali, sociali ed economiche sul territorio

Il film “Domani” disponibile in DVD e Blu Ray, con il patrocinio di Slow Food Italia

"Slow Food Day" per spegnere le 30 candeline del movimento: festa in tutte le piazze d’Italia!

Aspettando Slow Fish di Genova: aperitivi, tapas e cene a base di pesce per stuzzicare l’appetito, a Torino

Seminiamo la Biodiversità: un progetto di Slow Food. Petrini: “Non consegnare a poche multinazionali il controllo sul nostro cibo”

10.000 orti in Africa: Slow Food per la Biodiversità e Table for Two firmano un accordo a sostegno del progetto

La rivoluzione sostenibile di Terra Madre Salone del Gusto di Torino: un progetto dell’UNISG di Pollenzo

Terra Madre Giovani: 2500 contadini da 120 Paesi del mondo a Milano per discutere il futuro del cibo

Al via Terra Madre Giovani. Petrini: “Voi testimoni che questa idea andrà avanti per tanto, tanto tempo”

Terra Madre Giovani: le voci di Serge Latouche, Nicola Gratteri, Don Luigi Ciotti e Gaetano Pascale

Terra Madre Salone del Gusto fuori dal Lingotto: l’edizione 2016 a fine settembre nel cuore di Torino

Presentata a Montecatini Terme Slow Wine 2017: la guida alle storie di vita, vigne, vini in Italia. Un manifesto politico