Terra Madre Salone del Gusto di Torino: Storie di legalità dalle filiere virtuose dell'agroalimentare


Slow Food


 

A cura di ANDREA DI BELLA

«"Voler bene alla terra” non è solo uno slogan ma deve essere un modo di intendere la vita e influenzare i nostri comportamenti quotidiani, primo fra tutti quando facciamo la spesa e decidiamo quale cibo mettere sulle nostre tavole. Solo con l’impegno di tutti possiamo davvero rivoluzionare il modo di produrre e distribuire un cibo che sia davvero buono pulito e giusto. Quando parliamo di cibo non possiamo non approfondire temi come giustizia sociale e legalità, fondamentali per permetterci di prendere posizione, per schierarsi al fianco di quelle realtà virtuose che molto spesso non conosciamo o vivono in condizione di isolamento. Slow Food non solo promuove, ma è al fianco di tutte quelle realtà che fanno della giustizia sociale un tratto distintivo della loro produzione e durante Terra Madre Salone del Gusto vogliamo raccontarle e farle conoscere a tutti. E sono molte le storie che testimoniano una lotta quotidiana a favore della legalità, in tutta Italia», racconta Daniele Buttignol, segretario generale di Slow Food Italia.


«Chi si oppone alla ‘ndrangheta guadagna di più: alle 30 aziende della rete che producono agrumi, olio, peperoncino, garantiamo il giusto prezzo. Ad esempio, paghiamo le arance 40 centesimi al chilo invece dei 5 centesimi che avevano generato la rivolta di Rosarno. In cambio chiediamo di bandire il lavoro nero, e ogni violazione viene sanzionata con 10 mila euro di multa e l’espulsione dell’azienda dalla cooperativa». Così Vincenzo Linarello, presidente del gruppo cooperativo Goel, che ha creato nella Locride Goel Bio per unire e sostenere le aziende che scelgono di non piegarsi ai ricatti delle organizzazioni criminali.


Di come sia facile per le organizzazioni criminali inserirsi nella filiera agroalimentare, fino a impadronirsi di beni e risorse che sono patrimonio comune, abbiamo parlato oggi nella prima giornata di Terra Madre Salone del Gusto insieme a Don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, e Giancarlo Caselli, presidente dell’Osservatorio per la lotta alla criminalità agroalimentare. «La legislatura vigente in materia agroalimentare ha una natura criminogena, a non rispettarla si ha tutto da guadagnare. Dobbiamo stringere le maglie della legislazione» raccomanda Giancarlo Caselli.


Un intervento necessario anche per sostenere chi invece lavora per affrontare a testa altissima i sistemi criminali, tra insidie e mille difficoltà. Come chi si impegna ogni giorno a difendere il bene comune rappresentato dalle terre strappate alle mafie: «Noi produciamo prodotti biologici su terreni confiscati – racconta Raffaella Conci, presidente della cooperativa Terre Joniche di Crotone – Ci teniamo a mantenere altissimo il livello della nostra qualità, i nostri prodotti non sono solo buoni, ma anche puliti e giusti. E così, chi li sceglie sa che promuove un’economia che rispetta l’ambiente e i lavoratori».


Al Parco dei Nebrodi, in Sicilia, è nato “Nebrodi Sicily”, un marchio per identificare, e premiare, «i produttori con certificati antimafia – spiega Rosario Gugliotta, presidente Slow Food Sicilia – Sembra scontato, ma in terra di mafia non lo è». E tutto ciò dà fastidio: il presidente del parco, Giuseppe Antoci, ha subìto un attentato a colpi di pistola. Così come Alessandro Ciccolella, direttore del consorzio di gestione dell’oasi di Torre Guaceto in Puglia, al quale hanno tentato di incendiare la casa dei genitori. Ciccolella ha pagato il suo impegno in difesa del parco e della pesca dagli interessi privati, condotto accettando solo i pescatori autorizzati. «Una fatica – dice – ma che dà grandi soddisfazioni. Quando organizziamo nelle scuole i confronti di pesce al buio, i bambini scelgono sempre il nostro, non quello surgelato: questo a testimoniare come la sensibilità cresca, soprattutto nei più piccoli». Gli esempi non mancano anche in uno dei settori dove il caporalato è più diffuso, quello dei pomodori. «Dai primi anni 2000, da quando cioè facciamo rispettare ai nostri produttori regole ferree sul lavoro, il fatturato della cooperativa è cresciuto da 3 miliardi di lire ai 10 milioni di euro di oggi», racconta Salvatore dell’Arte, presidente della cooperativa Aurora di Pachino, in Sicilia, forte dell’accordo con Coop che acquista e distribuisce i loro pomodori con il marchio “Fiorfiore”.


 
Non possiamo più aspettare, però, e le nostre istituzioni devono assumersi un impegno maggiore: «Da quasi un anno è fermo nel cassetto del ministro della Giustizia Orlando un progetto di legge pensato per sanzionare la frode e tutelare appieno il cittadino consumatore, che merita di riacquistare fiducia. E questo obiettivo si raggiunge solo con uno strumento: l’etichetta narrante. Un’etichetta che dica tutta la verità sui prodotti e racconti tutto: origine di tutti gli ingredienti, sistemi di produzione e distribuzione dei prodotti. Solo in questo modo il cittadino è in grado di scegliere» spiega Caselli.


«Ma non dobbiamo confondere la giustizia con la legalità. La legalità è un pre requisito, l’obiettivo rimane la giustizia – interviene don Luigi Ciotti - Un modo per garantire più giustizia è partire dall’educazione, per esempio dall’educazione alimentare che ci aiuta ad evitare di consumare anche un po’ di se stessi».


Perché, conclude il presidente di Slow Food Italia Nino Pascale, «parlare di cibo, d’acqua, vuol dire parlare di diritti. E i diritti dovrebbero arrivare prima dei profitti»

 


 



di Andrea Di Bella




Non dimenticare di guardare anche...

Slow Food lancia una grande campagna internazionale per difendere la Biodiversità del Pianeta

L’Arca del Gusto passa da Cheese 2013: con Slow Food e i formaggi di tutto il mondo a Bra (Cuneo)

La rivoluzione sostenibile di Terra Madre Salone del Gusto di Torino: un progetto dell’UNISG di Pollenzo

Perché visitare “Terra Madre Salone del Gusto” di Torino

Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino: già 1000 posti letto messi a disposizione dalle famiglie piemontesi

Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, è Ambasciatore Speciale della FAO in Europa per Fame Zero

Presìdi internazionali Slow Food: le novità del prossimo Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: Slow Food punta sull’agricoltura familiare

10.000 orti in Africa: Slow Food per la Biodiversità e Table for Two firmano un accordo a sostegno del progetto

Taglio del nastro e via a Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino. Le foto del primo giorno

Con Slow Food al Salone del Gusto e Terra Madre 2014: dalla “Scuola di Cucina” alla “Fucina di Pane e Pizza”, da “Mixology” ai “Laboratori del Gusto”

Aspettando Slow Fish di Genova: aperitivi, tapas e cene a base di pesce per stuzzicare l’appetito, a Torino

Rai 2, Università di Scienze Gastronomiche e Slow Food presentano “Signori del vino”: torna in TV la cultura del vino

Il modello virtuoso del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino: le ricadute ambientali, sociali ed economiche sul territorio

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: testimonianze di lavoro di migranti nel nostro Paese

"Slow Food Day" per spegnere le 30 candeline del movimento: festa in tutte le piazze d’Italia!

Chiuso a Milano Terra Madre Giovani – We Feed The Planet: Gioia ed emozioni per i Giovani Contadini

Seminiamo la Biodiversità: un progetto di Slow Food. Petrini: “Non consegnare a poche multinazionali il controllo sul nostro cibo”

Slow Food a Vinitaly: Etichetta narrante per l’olio, a tutela dei consumatori e a difesa dei produttori

Slow Food a Vinitaly 2017 per raccontare, conoscere, bere il vino “buono pulito e giusto”

“Raccogliamo i frutti di un’avventura che ha attraversato gli oceani” così Carlin Petrini presenta Terra Madre Salone del Gusto 2016 a Torino

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: ultime novità da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino

“Laudato si’”, l’enciclica del Papa vista da Slow Food: “Auguriamo possa segnare la vita politica di molti Governi”

Agroecologia, sinergia tra agricoltura e ricerca: il cibo come patrimonio di conoscenze e dell’umanità per cambiare il mondo, all’UNISG di Pollenzo

“Carlo Petrini”, Slow Food e “Pierre Rabhi”, filosofo francese: parole di Terra da un autentico mondo contadino

Osterie d’Italia 2016: presentata a Cheese la guida del mangiarbere all’italiana di Slow Food

A Geo Magazine i Presìdi Slow Food del Piemonte: protagonisti il Macagn, formaggio di montagna, e i mieli della Val Maira

Aspettando Cheese: a Bra (Cuneo) si degustano i formaggi del Regno Unito

A Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino ha vinto la partecipazione: condivisione culturale, sociale e politica

L’Italia ribadisce il suo no agli Ogm ma l’Europa non si schiera: il parere di Slow Food

“Poesia e Utopia vere risorse dell’economia dell’Italia”: così Carlin Petrini apre “Cheese” 2013 a Bra (Cuneo)

Al via Terra Madre Giovani. Petrini: “Voi testimoni che questa idea andrà avanti per tanto, tanto tempo”

Terra Madre Giovani: 2500 contadini da 120 Paesi del mondo a Milano per discutere il futuro del cibo

Un nuovo anno con Slow Food: #PrendiamociGusto

“Cheese 2013” chiude con la laurea honoris causa a Ermanno Olmi: successo e speranze per una nuova economia contadina

Il film “Domani” disponibile in DVD e Blu Ray, con il patrocinio di Slow Food Italia

Presentata a Montecatini Terme Slow Wine 2017: la guida alle storie di vita, vigne, vini in Italia. Un manifesto politico

28 Ministri dell’Agricoltura dell’UE incontrano i prodotti dei Presìdi o dell’Arca del Gusto di Slow Food, all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo-Bra (Cuneo)

"Terra Madre Salone del Gusto 2016". Petrini: a settembre a Torino ospitiamo gli intellettuali del cibo!

Terra Madre Salone del Gusto 2016: l'impatto economico porta 28-38 mln di Euro a Torino. Le ricadute sulla città

Fermati da Stratta e… bevi un “Caffè selvatico della foresta di Harenna”, Presidio Slow Food, giovedì 25 settembre 2014 a Torino

“Il cibo in Tv è solo diffusa pornografia alimentare”. Così Carlin Petrini alla presentazione del Salone del Gusto e Terra Madre 2014 di Torino

Slow Food: Urgente dotare il Paese di una legge efficace sul consumo di suolo

Slow Food: nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione adottiamo un orto in Africa

Alice Waters, Slow Food Internazionale: “Cibo industriale e fast food affronto alla democrazia”

Partnership tra Slow Food ed Expo 2015: un accordo in nome della biodiversità e della lotta alla malnutrizione

Stati Generali delle Comunità dell’Appennino: Slow Food e Terra Madre per progettare la montagna che verrà

Ecco le ricette dell'Arca del Gusto di Slow Food, in attesa del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Terra Madre Salone del Gusto fuori dal Lingotto: l’edizione 2016 a fine settembre nel cuore di Torino

Cheese 2015 parte con un rullo di tamburi. Petrini: “Difendere le produzioni locali. No al formaggio col latte in polvere”

Terra Madre Day 2014: Samantha Cristoforetti festeggia dallo spazio i 25 anni di Slow Food

Terra Madre Giovani: le voci di Serge Latouche, Nicola Gratteri, Don Luigi Ciotti e Gaetano Pascale