Un futuro per Amatrice: Nei menù del mondo, un anno di amatriciana per la ricostruzione. Appello di Carlo Petrini


Slow Food


A cura di ANDREA DI BELLA

«In tutto il mondo, attraverso questo piatto simbolo della storia gastronomica di Amatrice, speriamo di poter diffondere anche i valori di solidarietà e condivisione propri della cultura contadina da cui nasce». Carlo Petrini, presidente di Terra Madre e Slow Food, avvia una campagna di solidarietà per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto e pensare già da oggi al loro futuro.


Aderiamo alle iniziative spontanee nate in queste ore in Italia e rilanciamo «chiamando in causa i ristoratori di tutto il mondo per un anno intero. Speriamo in questo modo che l’attenzione non svanisca e vada oltre l’onda emotiva del momento: superiamo l’emergenza e iniziamo già da oggi la ricostruzione. Chi ha vissuto questo dramma deve poter ritrovare la normalità il prima possibile, i fondi destinati devono essere durevoli e la raccolta costante».


Con Un futuro per Amatrice (#unfuturoperamatrice) chiediamo ai ristoratori di tutto il mondo di inserire in carta il piatto simbolo della città colpita e di tenerlo per almeno un anno. E ai clienti chiediamo di sceglierlo. Per ogni amatriciana consumata verranno devoluti due euro, uno donato dal ristoratore, uno dal cliente. I fondi raccolti saranno direttamente versati al Comune di Amatrice.


Intanto, nell’immediato, l’invito è di scegliere i prodotti alimentari e agricoli che arrivano dalle aree colpite per sostenere l’economia locale.

 

La rete internazionale di Slow Food si è già messa all’opera per sensibilizzare l’opinione pubblica e raccogliere quante più adesioni possibili.


L’iban del Comune di Amatrice per il versamento è: IT 28 M 08327 73470 000000006000
Causale: Un futuro per Amatrice.


Adesioni ristoratori: unfuturoperamatrice@slowfood.it
L’elenco dei ristoratori aderenti su www.slowfood.it
#unfuturoperamatrice

 



di Andrea Di Bella




Non dimenticare di guardare anche...

Expo chiude e parte il rinnovato impegno di Slow Food e della rete di Terra Madre

Cheese 2017 apre a Bra. Petrini: ”Gli Usa finalmente liberi di utilizzare il latte crudo anche grazie all'impegno di Slow Food”

Slow Food lancia la rete mondiale per la tutela dei formaggi a latte crudo al Cheese 2017. Le testimonianze

Slow Fish a Genova: Contadini e pescatori alleati per il bene della terra e del mare. Arginare frodi e contraffazioni è la parola d'ordine.

Land grabbing: anche Google partecipa al progetto Slow Food “10.000 orti in Africa” promotori di biodiversità e garanzia di cibo per tutti

Petizione di Slow Food: Il formaggio si fa con il latte! Firma per dire NO all’uso del latte in polvere

Il Parlamento europeo dice NO agli Ogm. Slow Food: “abbiamo il diritto di sapere cosa contiene il nostro cibo”

L’arte della buona cucina a Cheese 2013 a Bra: "Appuntamenti a Tavola" nel segno della biodiversità

Slow Food Italia al IX Congresso apre il confronto con società civile, studiosi e accademici

Inaugurato Terra Madre Salone del Gusto 2018. Carlo Petrini: “Bisogna remunerare i contadini per tutto quello che fanno”

Una settimana con Slow Food a Expo: gli appuntamenti

”Voi siete i veri difensori della biodiversità, il futuro del cibo”, Carlin Petrini alla cerimonia di apertura del Salone del Gusto 2014: Le sfide di Terra Madre.

Chiude il Salone del Gusto e Terra Madre 2014: maggiore sensibilità al mondo del cibo. Più giovani. Nobel a chi ha inventato Terra Madre

Nel Padiglione Slow Food a Expo 2015: appuntamenti dal 6 al 12 luglio

Le cinque proposte di Carlo Petrini al Governo per il rilancio dei giovani agricoltori: inaugurato il Salone del Gusto e Terra Madre 2014 di Torino

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: la Commissione Europea presente ai massimi livelli

L’importanza dell’agricoltura familiare per Petrini, Olmi e Don Ciotti al Salone del Gusto e Terra Madre. Lettera aperta sull’EXPO

Il sogno di Carlin Petrini e “il potere del cibo”: “una delegazione di contadini di tutto il mondo da Papa Francesco”