Slow Food a Vinitaly: Etichetta narrante per l’olio, a tutela dei consumatori e a difesa dei produttori


Slow Food


A cura di ANDREA DI BELLA

"Leggere l’olio": questo il filo conduttore del convegno organizzato da Slow Food Italia in collaborazione con Sol&Agrifood a Vinitaly. Le domande a cui rispondere sono molte: come tutelare i consumatori, come difendere i produttori di piccola scala, come migliorare la tracciabilità dei prodotti e lottare contro le frodi.

 

Interrogato proprio sulla situazione attuale, è Gian Carlo Caselli, Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare, a far luce sul futuro: “La nuova Commissione per la riforma dei reati agroalimentari sta lavorando per riformare il sistema normativo vigente, che contiene leggi a tutela dell’agroalimentare ormai vetuste e carenti sotto molti aspetti. Vorremmo dar vita a una normativa differenziata a seconda della situazione, che avrà nell’etichetta narrante l’elemento cardine della riforma. Sarà lei il vero antidoto per le malattie del settore agroalimentare, per consentire di raccontare origine e contenuto del cibo che si trova sugli scaffali, restituendo consapevolezza a ciò che il consumatore acquista”.



Etichetta narrante che da molti anni caratterizza i prodotti dei Presìdi Slow Food, in particolare gli oli che fanno parte del nuovo Presidio dell’olio extravergine italiano, come ricorda Gaetano Pascale, presidente di Slow Food Italia. “La filiera dell’olio è purtroppo naturalmente appetibile per le frodi, e quindi è fondamentale riuscire a difenderci dalle contraffazioni e dalla confusione. Quando abbiamo ideato l’etichetta narrante per i Presìdi lo abbiamo fatto per permettere al produttore di raccontare ciò che fa a chi fa la spesa, utilizzando un linguaggio semplice e comprensibile”, racconta, facendo però notare che “se la analizzassimo da un punto di vista strettamente normativo, sarebbe fuori legge!”.

 

Ad esempio sulle bottiglie di olio extravergine non è consentito indicare, se non in alcune eccezioni, il comune di provenienza, un vero paradosso che va a discapito della trasparenza per consumatori e produttori. "Le sanzioni amministrative oggi vigenti nella legislazione dell’agroalimentare fanno sì che la frode possa essere considerata dal produttore disonesto un mero costo di produzione perché a volte i guadagni ottenuti con un comportamento non trasparente superano l’importo dell’eventuale sanzione”.

Olive dell'Etna - Ph. ANDREA DI BELLA

“Etichetta, tracciabilità e qualità. Questi i tre capisaldi alla base del nostro lavoro che permettono ai consumatori di avere un olio extravergine di qualità”, commenta Giuseppe Vadalà, comandante regionale del Corpo Forestale dello Stato per la Toscana. “Lavoriamo per dare certezze alla qualità dell’olio, che è un bene economico immenso e che caratterizza tutta la penisola, che garantisce il reddito degli olivicoltori. Abbiamo quasi 400 cultivar differenti che ci permettono di avere oli eccezionali, dobbiamo però far conoscere la qualità, sia raccontandola che facendola assaggiare. L’etichetta è fondamentale, indicando il luogo di trasformazione e l’origine della materia prima, è uno dei connotati per fare qualità”.

 

Elementi questi sottolineati anche da Nico Sartori, olivicoltore dell'azienda Fattoria Altomena di Pelago (Firenze), che si chiede altrimenti come fare per “spiegare ai consumatori qual è la differenza tra il mio olio e quello che si trova a 3 euro nella grande distribuzione, se sull’etichetta di entrambi si legge “100% da olive italiane”?”. E proprio di tutela ai consumatori si parla riferendosi agli strumenti esistenti, come la Guida agli extravergini di Slow Food Editore.


Ma perché un consumatore dovrebbe investire sulla Guida di Slow Food? “Anche la nostra Guida agli extravergini punta sulla qualità organolettica, sottolineando però l’importanza dell’olivicoltura tradizionale, fatta di persone, di territori, di cultivar, di cui deteniamo il 42% del patrimonio mondiale”, spiega Diego Soracco, curatore della guida. “Siamo convinti che il lavoro degli olivicoltori che garantiscono il tessuto produttivo debba essere tutelato e comunicato mettendo a disposizione dati semplici e significativi, come le notizie su azienda, coltivazione e produzione, con dettagli sulla geografia delle varietà e della possibilità di reperirli. Da quest’anno ospitiamo anche interventi di specialisti sul tema, dalla salute alle etichette, dalla lotta alle frodi alla situazione dell’olivicoltura in Italia”.


Insomma, anche se la strada è ancora lunga, noi consumatori abbiamo già qualche strumento a disposizione per poter scegliere un olio extravergine di qualità che faccia bene alla nostra salute e sostenga il lavoro di olivicoltori di piccola scala che lottano ogni giorno per tutelare il paesaggio e l’ambiente che ci circonda.



di Andrea Di Bella




Non dimenticare di guardare anche...

Il modello virtuoso del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino: le ricadute ambientali, sociali ed economiche sul territorio

A Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino ha vinto la partecipazione: condivisione culturale, sociale e politica

Terra Madre Salone del Gusto di Torino: Storie di legalità dalle filiere virtuose dell'agroalimentare

Con Slow Food al Salone del Gusto e Terra Madre 2014: dalla “Scuola di Cucina” alla “Fucina di Pane e Pizza”, da “Mixology” ai “Laboratori del Gusto”

“Laudato si’”, l’enciclica del Papa vista da Slow Food: “Auguriamo possa segnare la vita politica di molti Governi”

Seminiamo la Biodiversità: un progetto di Slow Food. Petrini: “Non consegnare a poche multinazionali il controllo sul nostro cibo”

28 Ministri dell’Agricoltura dell’UE incontrano i prodotti dei Presìdi o dell’Arca del Gusto di Slow Food, all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo-Bra (Cuneo)

"Terra Madre Salone del Gusto 2016". Petrini: a settembre a Torino ospitiamo gli intellettuali del cibo!

Stati Generali delle Comunità dell’Appennino: Slow Food e Terra Madre per progettare la montagna che verrà

La Buona Strada, un progetto di Slow Food Italia di crowdfunding per le aree terremotate del Centro Italia

Petrini: “Non c’è qualità alimentare senza rispetto dell’ambiente”. La campagna di Slow Food Menu for Change sul clima

Presìdi internazionali Slow Food: le novità del prossimo Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Terra Madre Salone del Gusto fuori dal Lingotto: l’edizione 2016 a fine settembre nel cuore di Torino

Slow Food: Urgente dotare il Paese di una legge efficace sul consumo di suolo

Ecco le ricette dell'Arca del Gusto di Slow Food, in attesa del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Taglio del nastro e via a Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino. Le foto del primo giorno

“Cheese 2013” chiude con la laurea honoris causa a Ermanno Olmi: successo e speranze per una nuova economia contadina

A Geo Magazine i Presìdi Slow Food del Piemonte: protagonisti il Macagn, formaggio di montagna, e i mieli della Val Maira

Fermati da Stratta e… bevi un “Caffè selvatico della foresta di Harenna”, Presidio Slow Food, giovedì 25 settembre 2014 a Torino

Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, è Ambasciatore Speciale della FAO in Europa per Fame Zero

Chiuso a Milano Terra Madre Giovani – We Feed The Planet: Gioia ed emozioni per i Giovani Contadini

"Slow Food Day" per spegnere le 30 candeline del movimento: festa in tutte le piazze d’Italia!

Partnership tra Slow Food ed Expo 2015: un accordo in nome della biodiversità e della lotta alla malnutrizione

Slow Food: nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione adottiamo un orto in Africa

“Poesia e Utopia vere risorse dell’economia dell’Italia”: così Carlin Petrini apre “Cheese” 2013 a Bra (Cuneo)

“Carlo Petrini”, Slow Food e “Pierre Rabhi”, filosofo francese: parole di Terra da un autentico mondo contadino

Terra Madre Salone del Gusto 2016: l'impatto economico porta 28-38 mln di Euro a Torino. Le ricadute sulla città

Rai 2, Università di Scienze Gastronomiche e Slow Food presentano “Signori del vino”: torna in TV la cultura del vino

Agroecologia, sinergia tra agricoltura e ricerca: il cibo come patrimonio di conoscenze e dell’umanità per cambiare il mondo, all’UNISG di Pollenzo

Un nuovo anno con Slow Food: #PrendiamociGusto

Slow Food dalla Cina lancia Menu for Change: «Cambiamo il sistema alimentare, fermiamo il cambiamento climatico»

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: Slow Food punta sull’agricoltura familiare

“Il cibo in Tv è solo diffusa pornografia alimentare”. Così Carlin Petrini alla presentazione del Salone del Gusto e Terra Madre 2014 di Torino

Aspettando Cheese: a Bra (Cuneo) si degustano i formaggi del Regno Unito

Perché visitare “Terra Madre Salone del Gusto” di Torino

A Cheese 2017, Slow Food lancia un segnale politico forte con gli "Stati generali del latte crudo"

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: ultime novità da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino

Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino: già 1000 posti letto messi a disposizione dalle famiglie piemontesi

Al via Terra Madre Giovani. Petrini: “Voi testimoni che questa idea andrà avanti per tanto, tanto tempo”

Il film “Domani” disponibile in DVD e Blu Ray, con il patrocinio di Slow Food Italia

“Raccogliamo i frutti di un’avventura che ha attraversato gli oceani” così Carlin Petrini presenta Terra Madre Salone del Gusto 2016 a Torino

Terra Madre Giovani: 2500 contadini da 120 Paesi del mondo a Milano per discutere il futuro del cibo

Terra Madre Giovani: le voci di Serge Latouche, Nicola Gratteri, Don Luigi Ciotti e Gaetano Pascale

Cheese 2015 parte con un rullo di tamburi. Petrini: “Difendere le produzioni locali. No al formaggio col latte in polvere”

L’Italia ribadisce il suo no agli Ogm ma l’Europa non si schiera: il parere di Slow Food

Osterie d’Italia 2016: presentata a Cheese la guida del mangiarbere all’italiana di Slow Food

L’Arca del Gusto passa da Cheese 2013: con Slow Food e i formaggi di tutto il mondo a Bra (Cuneo)

Terra Madre Day 2014: Samantha Cristoforetti festeggia dallo spazio i 25 anni di Slow Food

10.000 orti in Africa: Slow Food per la Biodiversità e Table for Two firmano un accordo a sostegno del progetto

La rivoluzione sostenibile di Terra Madre Salone del Gusto di Torino: un progetto dell’UNISG di Pollenzo

Slow Food a Vinitaly 2017 per raccontare, conoscere, bere il vino “buono pulito e giusto”

Slow Food lancia una grande campagna internazionale per difendere la Biodiversità del Pianeta

Alice Waters, Slow Food Internazionale: “Cibo industriale e fast food affronto alla democrazia”

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: testimonianze di lavoro di migranti nel nostro Paese

Aspettando Slow Fish di Genova: aperitivi, tapas e cene a base di pesce per stuzzicare l’appetito, a Torino

Presentata a Montecatini Terme Slow Wine 2017: la guida alle storie di vita, vigne, vini in Italia. Un manifesto politico