Chiuso a Milano Terra Madre Giovani – We Feed The Planet: Gioia ed emozioni per i Giovani Contadini


Slow Food


A cura di ANDREA DI BELLA


«Mai nella mia vita ho provato il senso e la forza di un'energia così straordinaria come in questa riunione. Grazie, grazie per essere venuti, grazie per avere lavorato cosi intensamente in questi tre giorni». È il ringraziamento emozionato che il fondatore di Slow Food Carlo Petrini rivolge alle centinaia di delegati presenti in occasione della cerimonia di chiusura di Terra Madre Giovani.

 

«Chi ha in testa lo stereotipo del vecchio contadino, sbaglia! Essere contadino non è un retaggio del passato. Voi siete il futuro della terra, perché lavorate con la terra e dalla terra prendete questa energia. Chi lavora la terra è il tutto, non la parte, ed è ora che questo messaggio politico passi. Non siamo qui un’assise di contadini, una parte dell’umanità: questa è una parte dell’umanità che si fa carico della complessità del vivere perché il cibo è l’unica cosa che ci rende viventi – continua Petrini -. La più grande gioia per una persona è vedere che ciò che ha costruito continua: ricordatevi ragazzi, quando costruite qualcosa ci deve essere la gratificazione per quello che fate, ma nello stesso tempo mettete i presupposti perché il vostro lavoro abbia una continuità. Hanno ragione i nostri amici francesi quando usano l'espressione durable. Ho l'impressione che l'attività di Slow Food e il progetto di Terra Madre Giovani siano durable. Abbiamo costruito con caparbietà un’idea e questa oggi ha le gambe, le mani, il cuore di una nuova generazione presente in questa platea. E anche se non vi conosco tutti personalmente so che voi continuerete su questa strada, e ricordate: farete meglio dei fondatori».


Carlo Petrini - Ph. ANDREA DI BELLA 

 

Petrini ha quindi ringraziato per il lavoro svolto tutta la rete di Slow Food Youth Network che ha organizzato l'evento, cimentandosi per la prima volta con l'imponente macchina organizzativa che ha portato 2500 giovani produttori da oltre 120 paesi a Milano e ha invitato la platea: «Fate Terra Madre a casa vostra. Fate nascere Terra Madre nei nostri villaggi: la rete si costruisce, si amplifica per irradiazione. In questo modo costruiamo un’organizzazione non verticistica, piramidale. Costruiamo un’organizzazione che si allarghi. Se ci sono meno strutture e più idee meglio stiamo in salute e in felicità».


Un ringraziamento speciale è andato anche a Milano, che ha saputo reagire a questo affetto con gratitudine, non solo aprendo le proprie case ai delegati da tutto il mondo, ma anche attraverso le parole del sindaco Giuliano Pisapia:  «Milano dice arrivederci ai  contadini e pescatori che sono arrivati in città per Terra Madre Giovani, dal Nord e dal Sud del mondo, nell’anno dell’Expo dedicata alla sicurezza alimentare e allo sviluppo sostenibile. Milano dà loro un arrivederci, perché vogliamo averli al nostro fianco - con i loro sogni, l’energia vitale e la passione - per l'elaborazione di politiche alimentari più intelligenti cui ci impegna il Milan Urban Food Policy Pact, il patto tra i Sindaci del mondo che 100 metropoli internazionali firmeranno il 15 ottobre, quale eredità concreta di Expo 2015. Una sfida ambiziosa che si può vincere solo lavorando tutti insieme. Il contributo dei giovani contadini 3.0, con il loro bagaglio di nuove conoscenze, sarà molto prezioso. A Milano, come nei loro Paesi».


E se Milano ha accolto i delegati e la manifestazione, altrettanto ha fatto Expo, che ha ospitato l'incontro di chiusura nell'Auditorium. Il Commissario unico delegato del Governo per Expo Milano 2015 Giuseppe Sala ha portato il suo saluto ai giovani delegati, sottolineando come la presenza di tanti giovani lavoratori della terra abbia colmato un vuoto: quello dell'assenza dei produttori locali all'Esposizione Universale. «Con Terra Madre Giovani - ha spiegato  Sala - l'Esposizione Universale dimostra una volta di più di essere una piattaforma di dialogo e di confronto unica.‎ Le esperienze che i giovani agricoltori e pescatori hanno raccontato qui oggi, così come la loro stessa presenza in Expo, sono testimonianza concreta e reale di come si può e si deve fare agricoltura con il progresso. Abbiamo bisogno del loro contributo".


 Un saluto caloroso ai delegati è giunto anche dal Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina, intervenuto a sottolineare il valore dell'esperienza del lavoro svolto nei giorni scorsi: «Le esperienze e le idee dei migliaia di agricoltori under 40 arrivati a Expo oggi con Slow food per Terra Madre Giovani aumentano ancora la forza del messaggio che parte da Milano: battere la fame entro il 2030 è possibile. Un impegno che prendiamo insieme a chi è e sarà protagonista della sfida alimentare: i giovani contadini del mondo. Expo si è rivelata una grande lezione di educazione civica, non solo ambientale. Il tema agricolo e alimentare è sopratutto una sfida di cittadinanza. L'Italia vuole continuare a impegnarsi anche dopo Expo, perché il lavoro fatto in questi mesi diventi uno stimolo stabile alle politiche internazionali. Con la Carta di Milano abbiamo dato un contributo importante all'elaborazione dei nuovi Obiettivi del Millennio delle Nazioni Unite. Da qui deve partire un lavoro quotidiano che veda insieme cittadini, associazioni, imprese e istituzioni per una concreta garanzia del diritto al cibo per tutti. Credo molto nell'idea che la generazione Expo, anche grazie Terra madre giovani, possa diventare a tutti gli effetti la prima generazione Fame zero».


Un riferimento colto anche dal Ministro degli Affari Esteri Paolo Gentiloni. Nel suo intervento ha ricordato lo stretto legame tra questa e altre problematiche, come il riscaldamento globale e la gestione dei flussi migratori, e ribadito il senso particolare che la presenza dei contadini ha all'interno dell'Esposizione: «Credo che quest'evento sia una delle dimostrazioni più grandi della riuscita di Expo, qui si vede che non è stata solo una vetrina , ma che ha avuto un anima. Per questo ringrazio tutti i giovani che sono venuti fin qui da 120 paesi: i nostri risultati dipendono dal vostro lavoro e dal vostro entusiasmo e vi assicuro che l’impegno dell’Italia non si fermerà con la fine di Expo. Si tratta di una grande sfida, che riguarda tutti i Governi e tutti i cittadini del mondo e che può essere vinta con il contributo di tutti. Voi siete e sarete i protagonisti di questo straordinario cambiamento. Voi potreste  essere la generazione che riuscirà a conciliare la Terra Madre con l'umanità».


L'incontro si è chiuso con il ringraziamento alle autorità e ai delegati da parte di Joris Lohman, presidente della Slow Food Youth Network e leader del progetto Terra Madre Giovani – We Feed The Planet. Nelle sue parole, il senso profondo di quella che è certamente la fine di una tappa di un lungo percorso che da oggi si sposta nelle comunità dei giovani presenti: «Quando tornerete nei vostri paesi sapete che avete il supporto di questa rete ma sapete anche che è il momento di iniziare ad agire, di fare un salto di livello». Sulla piattaforma, da oggi, potete trovare il manifesto della gioiosa rivoluzione cominciata in questi giorni a Milano, raccontata da una lettera aperta a tutto il mondo e articolata in quattro punti fondamentali: equilibrio naturale, equità nel sistema alimentare, azione politica e istituzionale e responsabilità di ogni singolo cittadino.


Un modo di sottolineare come oggi non ci si sia limitati a celebrare l'importanza fondamentale del lavoro dei giovani contadini per il futuro e il benessere di tutti, ma come piuttosto si siano piantati i semi di una rivoluzione che è destinata a coinvolgere ogni angolo del mondo.
 



di Andrea Di Bella




Non dimenticare di guardare anche...

Terra Madre Giovani: 2500 contadini da 120 Paesi del mondo a Milano per discutere il futuro del cibo

La rivoluzione sostenibile di Terra Madre Salone del Gusto di Torino: un progetto dell’UNISG di Pollenzo

Agroecologia, sinergia tra agricoltura e ricerca: il cibo come patrimonio di conoscenze e dell’umanità per cambiare il mondo, all’UNISG di Pollenzo

“Il cibo in Tv è solo diffusa pornografia alimentare”. Così Carlin Petrini alla presentazione del Salone del Gusto e Terra Madre 2014 di Torino

10.000 orti in Africa: Slow Food per la Biodiversità e Table for Two firmano un accordo a sostegno del progetto

Ecco le ricette dell'Arca del Gusto di Slow Food, in attesa del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

"Terra Madre Salone del Gusto 2016". Petrini: a settembre a Torino ospitiamo gli intellettuali del cibo!

Osterie d’Italia 2016: presentata a Cheese la guida del mangiarbere all’italiana di Slow Food

Con Slow Food al Salone del Gusto e Terra Madre 2014: dalla “Scuola di Cucina” alla “Fucina di Pane e Pizza”, da “Mixology” ai “Laboratori del Gusto”

Aspettando Slow Fish di Genova: aperitivi, tapas e cene a base di pesce per stuzzicare l’appetito, a Torino

Terra Madre Salone del Gusto 2016: l'impatto economico porta 28-38 mln di Euro a Torino. Le ricadute sulla città

Cheese 2015 parte con un rullo di tamburi. Petrini: “Difendere le produzioni locali. No al formaggio col latte in polvere”

Taglio del nastro e via a Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino. Le foto del primo giorno

L’Italia ribadisce il suo no agli Ogm ma l’Europa non si schiera: il parere di Slow Food

Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, è Ambasciatore Speciale della FAO in Europa per Fame Zero

Aspettando Cheese: a Bra (Cuneo) si degustano i formaggi del Regno Unito

Terra Madre Salone del Gusto fuori dal Lingotto: l’edizione 2016 a fine settembre nel cuore di Torino

Slow Food a Vinitaly 2017 per raccontare, conoscere, bere il vino “buono pulito e giusto”

Al via Terra Madre Giovani. Petrini: “Voi testimoni che questa idea andrà avanti per tanto, tanto tempo”

Terra Madre Day 2014: Samantha Cristoforetti festeggia dallo spazio i 25 anni di Slow Food

Terra Madre Giovani: le voci di Serge Latouche, Nicola Gratteri, Don Luigi Ciotti e Gaetano Pascale

Presìdi internazionali Slow Food: le novità del prossimo Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

“Raccogliamo i frutti di un’avventura che ha attraversato gli oceani” così Carlin Petrini presenta Terra Madre Salone del Gusto 2016 a Torino

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: Slow Food punta sull’agricoltura familiare

Rai 2, Università di Scienze Gastronomiche e Slow Food presentano “Signori del vino”: torna in TV la cultura del vino

A Geo Magazine i Presìdi Slow Food del Piemonte: protagonisti il Macagn, formaggio di montagna, e i mieli della Val Maira

Slow Food: nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione adottiamo un orto in Africa

Il film “Domani” disponibile in DVD e Blu Ray, con il patrocinio di Slow Food Italia

28 Ministri dell’Agricoltura dell’UE incontrano i prodotti dei Presìdi o dell’Arca del Gusto di Slow Food, all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo-Bra (Cuneo)

“Cheese 2013” chiude con la laurea honoris causa a Ermanno Olmi: successo e speranze per una nuova economia contadina

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: testimonianze di lavoro di migranti nel nostro Paese

"Slow Food Day" per spegnere le 30 candeline del movimento: festa in tutte le piazze d’Italia!

Slow Food a Vinitaly: Etichetta narrante per l’olio, a tutela dei consumatori e a difesa dei produttori

Seminiamo la Biodiversità: un progetto di Slow Food. Petrini: “Non consegnare a poche multinazionali il controllo sul nostro cibo”

Un nuovo anno con Slow Food: #PrendiamociGusto

Terra Madre Salone del Gusto di Torino: Storie di legalità dalle filiere virtuose dell'agroalimentare

Partnership tra Slow Food ed Expo 2015: un accordo in nome della biodiversità e della lotta alla malnutrizione

Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino: già 1000 posti letto messi a disposizione dalle famiglie piemontesi

“Carlo Petrini”, Slow Food e “Pierre Rabhi”, filosofo francese: parole di Terra da un autentico mondo contadino

Il modello virtuoso del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino: le ricadute ambientali, sociali ed economiche sul territorio

“Poesia e Utopia vere risorse dell’economia dell’Italia”: così Carlin Petrini apre “Cheese” 2013 a Bra (Cuneo)

Fermati da Stratta e… bevi un “Caffè selvatico della foresta di Harenna”, Presidio Slow Food, giovedì 25 settembre 2014 a Torino

A Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino ha vinto la partecipazione: condivisione culturale, sociale e politica

“Laudato si’”, l’enciclica del Papa vista da Slow Food: “Auguriamo possa segnare la vita politica di molti Governi”

L’Arca del Gusto passa da Cheese 2013: con Slow Food e i formaggi di tutto il mondo a Bra (Cuneo)

Slow Food lancia una grande campagna internazionale per difendere la Biodiversità del Pianeta

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: ultime novità da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino

Presentata a Montecatini Terme Slow Wine 2017: la guida alle storie di vita, vigne, vini in Italia. Un manifesto politico

Stati Generali delle Comunità dell’Appennino: Slow Food e Terra Madre per progettare la montagna che verrà

Perché visitare “Terra Madre Salone del Gusto” di Torino

Slow Food: Urgente dotare il Paese di una legge efficace sul consumo di suolo

Alice Waters, Slow Food Internazionale: “Cibo industriale e fast food affronto alla democrazia”