Alice Waters, Slow Food Internazionale: “Cibo industriale e fast food affronto alla democrazia”


Slow Food


A cura di ANDREA DI BELLA


Terra Madre Giovani celebra l’educazione alimentare. «Quando mangiamo un hamburger proveniente da un fast food, interiorizziamo con esso anche i valori che porta con sé: impariamo che l’origine degli alimenti non ha importanza, che devono essere standardizzati e sempre uguali. Perciò il cibo industriale e il fast food sono un affronto alla democrazia». Questa la denuncia fatta da Alice Waters, vice presidente di Slow Food Internazionale e fondatrice del ristorante Chez Panisse, durante la sua Masterclass a Terra Madre Giovani – We Feed The Planet.


 
Come ha scritto il gastronomo francese Billat-Savarin, «il destino delle nazioni dipende da come si nutrono», e Alice Waters ha cercato cambiare il rapporto degli Stati Uniti con il cibo. Per questo motivo, poco più di 40 anni fa, ha fondato a Berkeley, in California, Chez Panisse, un ristorante sui generis per molte ragioni.


Alice Waters

 

«Cuciniamo solo con verdure di stagione prodotte dagli agricoltori locali – ci spiega Alice -, che conosciamo di persona e di cui condividiamo la filosofia di vita. Ogni giorno andiamo a prendere le cassette con i loro prodotti e in base alla disponibilità decidiamo il menu: ciò è di grande stimolo perché io sono molto più creativa in cucina se non ho tutti gli ingredienti che vorrei, ma devo cucinare con quello che ho». E continua: «la cucina e i campi sono l’una l’estensione degli altri e viceversa, perciò dobbiamo essere coproduttori, per citare Petrini, perché l’85% del risultato in cucina è legato all’agricoltura. Avere ingredienti saporiti e nutrienti è fondamentale perché il gusto è ciò che rende il lavoro del cuoco davvero irresistibile per i clienti».


Questa non è certo una pratica comune nei ristoranti, così come non lo è scrivere nel menu i nomi dei produttori che forniscono gli ingredienti: «l’abbiamo fatto per festeggiarli, perché avessero un riconoscimento non solo economico del loro lavoro, e perché i clienti li potessero conoscere», racconta Alice Waters. Questo rapporto così stretto fra chi consuma e chi produce ha insegnato a lei e ai suoi collaboratori ad avere rispetto del cibo e del lavoro che c’è dietro, e a non buttar via neanche i piccioli della frutta.


 
Oltre a quella per la cucina, Alice racconta anche della sua seconda passione: l’educazione. «Prima di diventare cuoca sono stata educatrice secondo il metodo Montessori. Mi affascinava l’idea di insegnare ai bambini a essere in contatto con i loro sensi e le loro percezioni abbinando spezie con aromi diversi oppure riconoscendo la frutta solo al tatto».

 

Con l’esperienza del Chez Panisse ha poi unito le due cose, coniando il termine «edible education»: «ho usato questo termine perché penso che dovrebbe essere una materia da studiare a scuola. I bambini devono imparare la storia del territorio e le migliori pratiche agricole, devono sapere cosa si può piantare e quando, chiedersi davvero cosa stiamo mangiando», spiega Alice.

 

Da quest’idea è nato il progetto degli orti scolastici, di cui quest’anno si festeggia il ventesimo anniversario, e che ha coinvolto centinaia di scuole negli Stati Uniti e negli altri Paesi connessi alla rete Slow Food. Gli «edible garden» sono uno dei progetti di maggior successo della nostra associazione e molto utili per educare i consumatori e i produttori di domani: «i ragazzi delle medie, dopo tre anni di scuola a stretto contatto con la cucina e l’orto, sanno cos’è l’agricoltura sostenibile, come si pianta un seme, come si fa il compost, e così via. Conoscono bene tutto il sistema e sanno come nutrirsi nel modo più semplice e salutare per loro».

 

Un’altra conquista importante è stata quella per la riscoperta della convivialità del cibo: «vi sembrerà strano, ma questi ragazzi durante i pasti rimanevano in silenzio dato che in famiglia non erano abituati a mangiare insieme. Vederli incontrarsi a chiacchierare durante un pasto per me è stata una grande conquista!», rivela Alice.


 
Educare i bambini secondo i valori della cura, della bellezza, della nutrizione e dell’uguaglianza pone, quindi, delle buone basi affinché nel futuro le migliori pratiche agricole prendano il sopravvento. «Dobbiamo cambiare il modo che le persone hanno di concepire il cibo e il modo migliore per farlo è educare fin da subito le nuove generazioni. Noi intanto dobbiamo farci valere e dare segnali importanti con proteste costruttive: questo bellissimo evento è un ottimo modo per farlo», conclude Alice.



di Andrea Di Bella




Non dimenticare di guardare anche...

Slow Food lancia una grande campagna internazionale per difendere la Biodiversità del Pianeta

L’Italia ribadisce il suo no agli Ogm ma l’Europa non si schiera: il parere di Slow Food

“Poesia e Utopia vere risorse dell’economia dell’Italia”: così Carlin Petrini apre “Cheese” 2013 a Bra (Cuneo)

Rai 2, Università di Scienze Gastronomiche e Slow Food presentano “Signori del vino”: torna in TV la cultura del vino

“Carlo Petrini”, Slow Food e “Pierre Rabhi”, filosofo francese: parole di Terra da un autentico mondo contadino

"Terra Madre Salone del Gusto 2016". Petrini: a settembre a Torino ospitiamo gli intellettuali del cibo!

Ecco le ricette dell'Arca del Gusto di Slow Food, in attesa del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Terra Madre Giovani: 2500 contadini da 120 Paesi del mondo a Milano per discutere il futuro del cibo

Terra Madre Salone del Gusto fuori dal Lingotto: l’edizione 2016 a fine settembre nel cuore di Torino

Aspettando Cheese: a Bra (Cuneo) si degustano i formaggi del Regno Unito

Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, è Ambasciatore Speciale della FAO in Europa per Fame Zero

Cheese 2015 parte con un rullo di tamburi. Petrini: “Difendere le produzioni locali. No al formaggio col latte in polvere”

Terra Madre Salone del Gusto di Torino: Storie di legalità dalle filiere virtuose dell'agroalimentare

Partnership tra Slow Food ed Expo 2015: un accordo in nome della biodiversità e della lotta alla malnutrizione

Slow Food: nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione adottiamo un orto in Africa

Slow Food: Urgente dotare il Paese di una legge efficace sul consumo di suolo

“Cheese 2013” chiude con la laurea honoris causa a Ermanno Olmi: successo e speranze per una nuova economia contadina

A Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino ha vinto la partecipazione: condivisione culturale, sociale e politica

A Cheese 2017, Slow Food lancia un segnale politico forte con gli "Stati generali del latte crudo"

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: testimonianze di lavoro di migranti nel nostro Paese

Aspettando Slow Fish di Genova: aperitivi, tapas e cene a base di pesce per stuzzicare l’appetito, a Torino

Perché visitare “Terra Madre Salone del Gusto” di Torino

10.000 orti in Africa: Slow Food per la Biodiversità e Table for Two firmano un accordo a sostegno del progetto

Il modello virtuoso del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino: le ricadute ambientali, sociali ed economiche sul territorio

Stati Generali delle Comunità dell’Appennino: Slow Food e Terra Madre per progettare la montagna che verrà

Terra Madre Day 2014: Samantha Cristoforetti festeggia dallo spazio i 25 anni di Slow Food

Presìdi internazionali Slow Food: le novità del prossimo Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Slow Food a Vinitaly 2017 per raccontare, conoscere, bere il vino “buono pulito e giusto”

Un nuovo anno con Slow Food: #PrendiamociGusto

Chiuso a Milano Terra Madre Giovani – We Feed The Planet: Gioia ed emozioni per i Giovani Contadini

Al via Terra Madre Giovani. Petrini: “Voi testimoni che questa idea andrà avanti per tanto, tanto tempo”

Agroecologia, sinergia tra agricoltura e ricerca: il cibo come patrimonio di conoscenze e dell’umanità per cambiare il mondo, all’UNISG di Pollenzo

“Il cibo in Tv è solo diffusa pornografia alimentare”. Così Carlin Petrini alla presentazione del Salone del Gusto e Terra Madre 2014 di Torino

Fermati da Stratta e… bevi un “Caffè selvatico della foresta di Harenna”, Presidio Slow Food, giovedì 25 settembre 2014 a Torino

Seminiamo la Biodiversità: un progetto di Slow Food. Petrini: “Non consegnare a poche multinazionali il controllo sul nostro cibo”

Cheese 2017 compie vent'anni: per vincere la sfida del latte crudo con Slow Food, a Bra (Cuneo)

La Buona Strada, un progetto di Slow Food Italia di crowdfunding per le aree terremotate del Centro Italia

“Laudato si’”, l’enciclica del Papa vista da Slow Food: “Auguriamo possa segnare la vita politica di molti Governi”

Taglio del nastro e via a Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino. Le foto del primo giorno

Osterie d’Italia 2016: presentata a Cheese la guida del mangiarbere all’italiana di Slow Food

La rivoluzione sostenibile di Terra Madre Salone del Gusto di Torino: un progetto dell’UNISG di Pollenzo

Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino: già 1000 posti letto messi a disposizione dalle famiglie piemontesi

28 Ministri dell’Agricoltura dell’UE incontrano i prodotti dei Presìdi o dell’Arca del Gusto di Slow Food, all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo-Bra (Cuneo)

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: Slow Food punta sull’agricoltura familiare

"Slow Food Day" per spegnere le 30 candeline del movimento: festa in tutte le piazze d’Italia!

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: ultime novità da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino

A Geo Magazine i Presìdi Slow Food del Piemonte: protagonisti il Macagn, formaggio di montagna, e i mieli della Val Maira

Presentata a Montecatini Terme Slow Wine 2017: la guida alle storie di vita, vigne, vini in Italia. Un manifesto politico

Il film “Domani” disponibile in DVD e Blu Ray, con il patrocinio di Slow Food Italia

L’Arca del Gusto passa da Cheese 2013: con Slow Food e i formaggi di tutto il mondo a Bra (Cuneo)

Terra Madre Giovani: le voci di Serge Latouche, Nicola Gratteri, Don Luigi Ciotti e Gaetano Pascale

Con Slow Food al Salone del Gusto e Terra Madre 2014: dalla “Scuola di Cucina” alla “Fucina di Pane e Pizza”, da “Mixology” ai “Laboratori del Gusto”

Slow Food a Vinitaly: Etichetta narrante per l’olio, a tutela dei consumatori e a difesa dei produttori

“Raccogliamo i frutti di un’avventura che ha attraversato gli oceani” così Carlin Petrini presenta Terra Madre Salone del Gusto 2016 a Torino

Terra Madre Salone del Gusto 2016: l'impatto economico porta 28-38 mln di Euro a Torino. Le ricadute sulla città