Terra Madre Giovani: 2500 contadini da 120 Paesi del mondo a Milano per discutere il futuro del cibo


Slow Food


A cura di ANDREA DI BELLA

 

 

“L’obiettivo di Terra Madre Giovani – We Feed the Planet - è mostrare al mondo che chi davvero nutre il pianeta è già all’opera. È al largo con le barche da pesca, chino sui filari, al lavoro nel forno o sulla strada dei pascoli con le proprie greggi. E soprattutto ha le idee molto chiare su ciò che nell’attuale sistema alimentare non funziona: malnutrizione, spreco, sfruttamento del lavoro e mercificazione del cibo. Dall’Australia al Canada, dai villaggi delle Ande alle oasi del deserto sahariano, tutti gli eroi del futuro che si riuniscono sotto il cielo di Milano fanno parte di una grande famiglia. Molte storie e un obiettivo comune: cambiare il sistema alimentare”, commenta Joris Lohman, rappresentante dello Slow Food Youth Network e membro del comitato esecutivo di Slow Food Internazionale.


Edie Mukiibi agronomo - Uganda

 

Ci siamo, dal 3 al 6 ottobre 2015, si alza il sipario su Terra Madre Giovani – We Feed the Planet -, l’evento che per la prima volta riunisce migliaia di contadini, pescatori, allevatori, pastori, nomadi, indigeni e artigiani del cibo sotto i quarant’anni provenienti da 120 Paesi del mondo.


L’evento, organizzato da Slow Food, Slow Food Youth Network, Fondazione Terra Madre e Università di Scienze Gastronomiche, in collaborazione con il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Fondazione Cariplo, Compagnia di San Paolo, con il patrocinio della Città di Milano, ha come palcoscenico lo spazio polifunzionale Superstudio Più (via Tortona 27), che ospita le conferenze e gli incontri dei delegati, e il Mercato Metropolitano (via Valenza 2), vero cuore della manifestazione, in cui i giovani di Terra Madre e la città di Milano si incontrano in una serie di eventi serali. Entrambi i luoghi sono nel cuore di Milano, a pochi passi dalla stazione di Porta Genova.


Ed è proprio nella suggestiva cornice del Mercato Metropolitano che il 3 ottobre alle ore 18.30 Carlo Petrini taglia simbolicamente il nastro della manifestazione, coinvolgendo i giovani contadini, le famiglie che li ospitano e i molti milanesi presenti in un’originale Disco Soup. Riprodotta con successo in molte città, da New York a Berlino, da Madrid a São Paulo, la Disco Soup incarna i valori da sempre cari all’associazione della chiocciola. La verdura invenduta dai mercati e dalla grande distribuzione perché non risponde ai criteri di perfezione richiesti dal mercato è trasformata fino a diventare un’ottima zuppa fumante, condivisa con i presenti per stimolare la riflessione su tematiche di grande attualità come lo spreco alimentare. Il tutto, ovviamente, a suon di musica, altrimenti che Disco Soup sarebbe?


Domenica 4 e lunedì 5 ottobre il fitto programma riservato ai partecipanti a Terra Madre Giovani prevede oltre 50 appuntamenti dedicati ai cinque grandi temi al centro del dibattito, stimolati da conferenze tematiche, workshop, laboratori e seminari.

 

Il focus del programma può essere suddiviso in cinque temi fondamentali:
Innovazione: come produrre il cibo in futuro?
Equità: come ridistribuire il potere decisionale in maniera uniforme?
Patrimonio: come preservare il patrimonio alimentare?
Comunicazione: come individuare le migliori strategie di comunicazione per il cambiamento?
Beni comuni: come immaginare una nuova strategia per i beni comuni?


Ad accompagnare le riflessioni un parterre di relatori d’eccezione: il teorico della decrescita Serge Latouche, l’economista Raj Patel e la pioniera del cibo biologico Alice Waters, oltre al fondatore e presidente di Slow Food Carlo Petrini. Sotto i riflettori tematiche quali l’ocean grabbing, il rapporto tra sistema alimentare globale e flussi migratori, il ruolo delle donne in agricoltura, la proprietà dei semi e il sistema commerciale internazionale. Oltre a Superstudio Più, alcuni workshop coinvolgeranno anche la sede di Italian Makers Village, il Fuori Expo di Confartigianato, e Cascina Cuccagna, il sustainability hub di Lavazza e Novamont.

 

 

Molti i partner coinvolti nell’ideazione e la realizzazione dei workshop e dei seminari, tra cui Fao, Ifad, Fondazione ACRA, Oxfam, Agriterra e Nordic Food Lab & GREEiNSECT, solo per citarne alcuni. Official Partner dell’evento sono UniCredit Foundation e Coldiretti Giovani Impresa.


A questo si aggiungono poi proiezioni serali di film, documentari e altri appuntamenti gastronomici aperti al pubblico sempre organizzati al Mercato Metropolitano, che nelle tre serate offrirà ai giovani agricoltori provenienti da tutto il mondo cene a base di prodotti tipici e di stagione. Momenti unici in cui i milanesi possono incontrare i giovani e conoscere le loro storie.


Il sipario di Terra Madre Giovani – We Feed the Planet - si chiude il 6 ottobre a Expo 2015, quando alle ore 11 le migliaia di contadini presentano le loro conclusioni e le soluzioni concrete per nutrire il pianeta in futuro e danno vita a una festosa e colorata marcia lungo il Decumano di Expo fino allo spazio Slow Food.


Per aiutare i delegati del Sud del mondo ad affrontare le spese di viaggio, altrimenti insostenibili, è ancora attiva una campagna di crowdfunding sul sito www.wefeedtheplanet.com.



di Andrea Di Bella




Non dimenticare di guardare anche...

Slow Food a Vinitaly: Etichetta narrante per l’olio, a tutela dei consumatori e a difesa dei produttori

Il modello virtuoso del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino: le ricadute ambientali, sociali ed economiche sul territorio

Il film “Domani” disponibile in DVD e Blu Ray, con il patrocinio di Slow Food Italia

28 Ministri dell’Agricoltura dell’UE incontrano i prodotti dei Presìdi o dell’Arca del Gusto di Slow Food, all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo-Bra (Cuneo)

Terra Madre Day 2014: Samantha Cristoforetti festeggia dallo spazio i 25 anni di Slow Food

Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino: già 1000 posti letto messi a disposizione dalle famiglie piemontesi

Aspettando Slow Fish di Genova: aperitivi, tapas e cene a base di pesce per stuzzicare l’appetito, a Torino

La Buona Strada, un progetto di Slow Food Italia di crowdfunding per le aree terremotate del Centro Italia

"Terra Madre Salone del Gusto 2016". Petrini: a settembre a Torino ospitiamo gli intellettuali del cibo!

A Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino ha vinto la partecipazione: condivisione culturale, sociale e politica

Seminiamo la Biodiversità: un progetto di Slow Food. Petrini: “Non consegnare a poche multinazionali il controllo sul nostro cibo”

Agroecologia, sinergia tra agricoltura e ricerca: il cibo come patrimonio di conoscenze e dell’umanità per cambiare il mondo, all’UNISG di Pollenzo

Cheese 2015 parte con un rullo di tamburi. Petrini: “Difendere le produzioni locali. No al formaggio col latte in polvere”

Fermati da Stratta e… bevi un “Caffè selvatico della foresta di Harenna”, Presidio Slow Food, giovedì 25 settembre 2014 a Torino

10.000 orti in Africa: Slow Food per la Biodiversità e Table for Two firmano un accordo a sostegno del progetto

Cheese 2017 compie vent'anni: per vincere la sfida del latte crudo con Slow Food, a Bra (Cuneo)

Slow Food: nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione adottiamo un orto in Africa

Perché visitare “Terra Madre Salone del Gusto” di Torino

L’Arca del Gusto passa da Cheese 2013: con Slow Food e i formaggi di tutto il mondo a Bra (Cuneo)

L’Italia ribadisce il suo no agli Ogm ma l’Europa non si schiera: il parere di Slow Food

Slow Food a Vinitaly 2017 per raccontare, conoscere, bere il vino “buono pulito e giusto”

Presentata a Montecatini Terme Slow Wine 2017: la guida alle storie di vita, vigne, vini in Italia. Un manifesto politico

Terra Madre Salone del Gusto fuori dal Lingotto: l’edizione 2016 a fine settembre nel cuore di Torino

Terra Madre Salone del Gusto di Torino: Storie di legalità dalle filiere virtuose dell'agroalimentare

Alice Waters, Slow Food Internazionale: “Cibo industriale e fast food affronto alla democrazia”

Slow Food lancia una grande campagna internazionale per difendere la Biodiversità del Pianeta

Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, è Ambasciatore Speciale della FAO in Europa per Fame Zero

Osterie d’Italia 2016: presentata a Cheese la guida del mangiarbere all’italiana di Slow Food

Aspettando Cheese: a Bra (Cuneo) si degustano i formaggi del Regno Unito

“Poesia e Utopia vere risorse dell’economia dell’Italia”: così Carlin Petrini apre “Cheese” 2013 a Bra (Cuneo)

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: testimonianze di lavoro di migranti nel nostro Paese

Stati Generali delle Comunità dell’Appennino: Slow Food e Terra Madre per progettare la montagna che verrà

“Cheese 2013” chiude con la laurea honoris causa a Ermanno Olmi: successo e speranze per una nuova economia contadina

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: Slow Food punta sull’agricoltura familiare

Slow Food: Urgente dotare il Paese di una legge efficace sul consumo di suolo

A Geo Magazine i Presìdi Slow Food del Piemonte: protagonisti il Macagn, formaggio di montagna, e i mieli della Val Maira

Taglio del nastro e via a Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino. Le foto del primo giorno

Rai 2, Università di Scienze Gastronomiche e Slow Food presentano “Signori del vino”: torna in TV la cultura del vino

Presìdi internazionali Slow Food: le novità del prossimo Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

“Il cibo in Tv è solo diffusa pornografia alimentare”. Così Carlin Petrini alla presentazione del Salone del Gusto e Terra Madre 2014 di Torino

Chiuso a Milano Terra Madre Giovani – We Feed The Planet: Gioia ed emozioni per i Giovani Contadini

Ecco le ricette dell'Arca del Gusto di Slow Food, in attesa del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

“Laudato si’”, l’enciclica del Papa vista da Slow Food: “Auguriamo possa segnare la vita politica di molti Governi”

Con Slow Food al Salone del Gusto e Terra Madre 2014: dalla “Scuola di Cucina” alla “Fucina di Pane e Pizza”, da “Mixology” ai “Laboratori del Gusto”

A Cheese 2017, Slow Food lancia un segnale politico forte con gli "Stati generali del latte crudo"

Terra Madre Giovani: le voci di Serge Latouche, Nicola Gratteri, Don Luigi Ciotti e Gaetano Pascale

Un nuovo anno con Slow Food: #PrendiamociGusto

Al via Terra Madre Giovani. Petrini: “Voi testimoni che questa idea andrà avanti per tanto, tanto tempo”

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: ultime novità da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino

La rivoluzione sostenibile di Terra Madre Salone del Gusto di Torino: un progetto dell’UNISG di Pollenzo

“Raccogliamo i frutti di un’avventura che ha attraversato gli oceani” così Carlin Petrini presenta Terra Madre Salone del Gusto 2016 a Torino

"Slow Food Day" per spegnere le 30 candeline del movimento: festa in tutte le piazze d’Italia!

“Carlo Petrini”, Slow Food e “Pierre Rabhi”, filosofo francese: parole di Terra da un autentico mondo contadino

Partnership tra Slow Food ed Expo 2015: un accordo in nome della biodiversità e della lotta alla malnutrizione

Terra Madre Salone del Gusto 2016: l'impatto economico porta 28-38 mln di Euro a Torino. Le ricadute sulla città